Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’epoca post-religiosa anticipata (forse) dalla Gran Bretagna, di Luigi Ippolito

L’epoca post-religiosa anticipata (forse) dalla Gran Bretagna, di Luigi Ippolito

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 12/07/2019 09:44
I ricercatori hanno definito il costante declino dei credenti «una delle tendenze più importanti nella storia del Dopoguerra»...

E' il ritratto di una società decisamente post-religiosa quello che emerge dalla più recente ricerca* sull’argomento in Gran Bretagna: negli ultimi cinque anni i cristiani si sono praticamente dimezzati, mentre gli unici due gruppi in ascesa sono gli atei e gli islamici

Se nel 1983 due terzi della popolazione britannica di identificava nel Cristianesimo e dieci anni fa era ancora la metà del totale, oggi il loro numero è sceso al 38 per cento: e fra questi solo un misero 12 per cento dichiara di appartenere alla Chiesa anglicana, che in teoria resta la religione di Stato

I «non religiosi» sono ormai la maggioranza, al 52 per cento, con un 26 per cento che si dichiara ateo convinto, rispetto al 10 per cento di vent’anni fa

E un balzo lo registrano i musulmani, raddoppiati in dieci anni dal 3 al 6 per cento del totale (numero comunque ancora molto basso).

I ricercatori hanno definito il costante declino della religione in Gran Bretagna «una delle tendenze più importanti nella storia del Dopoguerra»: e con la secolarizzazione della società, si è indebolito il ruolo delle istituzioni religiose nel determinare le norme morali e sociali. «Altre visioni del mondo — osservano i ricercatori — quali il razionalismo scientifico e l’individualismo liberale, svolgono oggi un ruolo più significativo nella società britannica». 

Il declino della religione non è dovuto a un allontanamento dalla fede da parte degli individui, ma a un cambiamento generazionale: i credenti più anziani vengono soppiantati da giovani ormai largamente agnostici — e dunque si tratta di una tendenza irreversibile

Resta da chiedersi quanto la Gran Bretagna sia un'eccezione o un esempio: perché è vero che nel mondo, dai Paesi islamici agli Stati Uniti, si è assistito negli ultimi anni a un revival della religione. 

Ma è anche vero che in Europa le tendenze sociali britanniche hanno spesso anticipato quanto si è poi diffuso nel resto del Continente: e dunque l’epoca post-religiosa è forse alle porte.

 

https://www.corriere.it/opinioni/19_luglio_11/epoca-post-religiosa-anticipata-forse-gran-bretagna-4be6d75c-a405-11e9-a7ad-0c138fd9d483.shtml?refresh_ce

 

* http://www.bsa.natcen.ac.uk/media/39355/bsa_36.pdf

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.