Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’assalto al Congresso: la bugia diventata grande, violenta e sistema, di Giancarlo Bosetti

L’assalto al Congresso: la bugia diventata grande, violenta e sistema, di Giancarlo Bosetti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 08/01/2021 16:55
L’assalto al Congresso era già scritto; sarebbe difficile dire che il suo reale accadere secondo la traccia annunciata sia stata una reale sorpresa…

Lo shock della invasione del Campidoglio ad opera delle squadre pro-Trump non si spegnerà presto non solo per le scene drammatiche di violenza nella solennità dell’aula parlamentare, i vandalismi, il tripudio dei fieri protagonisti e il sangue, morti e feriti, che tutto questo è costato, ma perché questa violenza è stata incoraggiata, incitata da un ennesimo furioso comizio del presidente in carica. 

L’evento che umilia e copre di vergogna la storia della democrazia americana è il frutto di un incitamento cominciato ancora prima della sconfitta del 3 novembre del 2020 e di minacce che hanno accompagnato tutta la campagna elettorale di Trump, come se un esito favorevole al suo avversario fosse comunque da considerarsi un imbroglio, a prescindere da come gli elettori avrebbero votato.

Le bugie hanno preceduto il risultato, lo hanno accompagnato e seguito secondo un copione che sembrava scritto da una fervida mente tragicomica. Ma che ha funzionato ed è stato creduto da tanti «patrioti».

L’assalto al Congresso era già scritto; sarebbe difficile dire che il suo reale accadere secondo la traccia annunciata sia stata una reale sorpresa. Un certo ragionevole ottimismo, che spesso finisce per prevalere, per una forma di ordinaria pigrizia, lasciava pensare che in qualche modo gli schiamazzi si sarebbero verbalmente sfogati senza devastanti conseguenze. Ma questa ipotesi/speranza si è schiantata davanti al fatto che lo «stato di negazione», della realtà del risultato elettorale, ha potuto preservarsi intatto nella mente di un numero spaventoso di americani (circa la metà dei Repubblicani, calcoli più precisi non mancheranno di dirci di più) e ha fornito carburante alla rabbia, seminata dal presidente degli Stati Uniti, dal suo entourage, dal suo Partito, trasformato in una organizzazione a mentire.

Obama nel suo messaggio di commento ed esecrazione dei fatti di Washington ha giustamente usato l’espressione «ecosistema dei media» che fiancheggia il GOP e che consente la coltivazione di una atmosfera, di una media-sfera, che protegge chi ne fa parte dalle influenze esterne, anche se questa esternalità è la realtà stessa con le sue spiacevoli contraddizioni. Come nel Re Lear di Shakespeare e, ancora meglio, nell’Enrico IV di Pirandello, il contorno dei parenti fa credere al monarca o al pazzo di turno quel che lui si aspetta o quel che loro conviene.

Nell’ecosistema che ha inghiottito finora quasi tutto il Partito Repubblicano, gli accompagnatori del pazzo sono stati Fox News (salvo, questa, qualche modico ripensamento in extremis) e Newsmax, e ancora di più i social networks ed i siti dove le voci dei missionari della rivolta si confortano e si rinforzano vicendevolmente nel settarismo più scatenato.

Basta affacciarsi su thedonald.win o sull’alternativa a Twitter (quando il capo viene bloccato), una app di nome Parler, per trovare oggi proclami dove, nel nome del rifiuto del compromesso, si annuncia che la battaglia per la rivoluzione è solo all’inizio, che Pence è un pugnalatore alle spalle che fin dall’inizio si preparava ad abbandonare Trump, a causa della sua lealtà verso l’agenda di Obama che ha, di nascosto ma non tanto, messo in atto, venendo ora finalmente allo scoperto.

Adesso tutti vedono che Pence manifesta la sua vera natura, dandosi di gomito con Nancy Pelosi e intascando una tangente, che è il prezzo del suo tradimento. Quelli sono siti dove si trovano tesi fantasiose e truculente come quella secondo la quale i Democratici hanno organizzato omicidi di massa degli anziani per far aumentare la statistica dei morti e far credere che davvero ci sia in circolazione un virus tanto pericoloso come il Covid. Il quale virus è invece una pura invenzione introdotta per far perdere le elezioni a Trump. Davanti a fantasie così colossali e ostiche da accreditare nella evidenza della vita quotidiana, l’idea che le elezioni siano state influenzate da brogli è un dettaglio molto più facile da spacciare.

Questo ecosistema della menzogna ormai è vivo e forte ed ha raggiunto l’età del suo forse massimo vigore. Aveva mosso i suoi primi passi dopo l’11 settembre, e dopo la guerra in Iraq, giustificata con la tesi che Saddam Hussein fosse il mandante di Bin Laden e Al Qaeda e che quel dittatore arabo possedesse armi di distruzione di massa capaci di entrare in funzione all’istante. 

In quell’occasione Fox News, mentre Powell esibiva una provetta con non si sa quale liquido giallo nell’assemblea plenaria dell’ONU, aveva conquistato il primato tra i canali televisivi americani battendo sul tema della viltà dei governi europei imbelli e succubi dei movimenti pacifisti. Furono spacciati per buoni documenti falsi. E Bush conquistò il suo secondo mandato quando le bugie erano già state smascherate, ma tenute ancora per buone nell’ecosistema.

Da allora quella «bolla» a prova di smentite ne ha fatta di strada, al punto che ora lo stesso Bush e con lui Karl Rove, allora in plancia al comando delle operazioni, inorridiscono. Giustamente. Si trattava allora di realtà lontane ed esotiche, terroristi nel deserto, dittatori arabi. Vai a capire… certe sottigliezze. Ora il laboratorio che produce di queste fictions macina prestazioni molto più grandi, riesce a far credere che il presidente che ha perso le elezioni resterà ancora lì per altri quattro anni.

Sarà difficile liberarsene, perché tutto questo avviene sotto la bandiera del free speech, principio sacro dell’ordinamento americano, sacro quanto quello del secondo emendamento, il diritto di portare armi.

La presenza di Trump nel futuro politico del Partito Repubblicano, dunque degli Stati Uniti, e dunque in quello di tutti noi, dipende dallo stato di salute di questo ecosistema, che non ha l’aria di volersi dissolvere e che sembra in grado di tenere in vita la storia delle «elezioni rubate» a tempi indefiniti.

https://www.reset.it/idee/lassalto-al-congresso-la-bugia-diventata-grande-violenta-e-sistema

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.