Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’arte della politica e la sua missione, di Rocco D’Ambrosio

L’arte della politica e la sua missione, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/02/2021 16:17
l governo ora è quasi completo e in generale sembra con diverse velocità, viste anche le ultime scelte. Per governare ci vogliono limiti di velocità, massimi e minimi, uguali per tutti. E perché la politica sia arte ci vuole un “maestro d’arte” che diriga la bottega e segni il passo, indichi costantemente il progetto da realizzare e abbia il coraggio anche di mandare a casa chi, per motivi nobili o meno nobili, pensa ad altro…

La politica è un’arte. Capire la politica è un’altra arte. Spiegarla è un’arte ancor più difficile. Il governo è (quasi) completo con i nuovi 39 sottosegretari (le donne sono 19), 6 viceministri, i capi di Gabinetto, i capi degli Uffici legislativi e delle segreterie tecniche, nonché i portavoce e segretari particolari. Squadra, quasi al completo, può prendere il largo o meglio può dedicarsi all’arte di ogni dicastero, che sarà il frutto di scienza, competenza ed eticità di ognuno, presidente del Consiglio e relativo ministro in primis.

Come sono stati scelti? – è una domanda quasi difficile quanto le proiezioni dell’andamento della pandemia. Qualcuno ha citato un certo “Cencelli”, non la persona ovviamente ma il metodo che porta il suo nome: una spartizione di incarichi basata su interessi politici limitati e di partito anziché sul merito, ovvero una lottizzazione ed esasperata proporzionalità nell’assegnazione del potere. I numeri lo farebbero pensare: 11 sottosegretari per il M5S (con i 4 ministri), 9 per la Lega (con 3 ministri), 6 per FI e Pd (con 3 ministri), 2 per Italia Viva (con un ministro), uno di Leu (con un ministro), uno del centro democratico, e uno di più Europa. Del resto la stessa trattativa per nominarli, con rinvii e rimandi, ha fatto più pensare al vecchio che ritorna che a un nuovo che avanza.

In generale sembra essere un governo con diverse velocità, viste anche le ultime scelte. Per governare ci vogliono limiti di velocità, massimi e minimi, uguali per tutti. E perché la politica sia arte ci vuole un “maestro d’arte” che diriga la bottega e segni il passo, indichi costantemente il progetto da realizzare e abbia il coraggio anche di mandare a casa chi, per motivi nobili o meno nobili, pensa ad altro. 

Non a caso la litigiosità tipica dei leader di partito pian piano sta ritornando: interviste e dichiarazioni a ogni piè sospinto, invasione dei media e dei social per marcare differenze. Il lavoro del presidente Mario Draghi diventa, allora, ancor più delicato e determinante, dove i fatti contano più delle parole. In un mondo di chiacchiere, post e tweet, ammiro molto il suo stile comunicativo sobrio e riservato.

Richiamo un passaggio molto importante del suo discorso inaugurale: “Si è detto e scritto che questo governo è stato reso necessario dal fallimento della politica. Mi sia consentito di non essere d’accordo. Nessuno fa un passo indietro rispetto alla propria identità ma semmai, in un nuovo e del tutto inconsueto perimetro di collaborazione, ne fa uno avanti nel rispondere alle necessità del Paese, nell’avvicinarsi ai problemi quotidiani delle famiglie e delle imprese che ben sanno quando è il momento di lavorare insieme, senza pregiudizi e rivalità” (Al Senato, 17.2.21).

“Identità di partito, collaborazione, necessità e problemi quotidiani del Paese, superamento di pregiudizi e rivalità” non possono essere garantiti da quei partiti e movimenti molto simili a feudi di potere, dove si lotta per occupare e conservare poltrone. Il ritorno di uno stile discutibile dei partiti, nella scelta dei sottosegretari, non è stato quasi per niente nella linea indicata dal presidente Draghi. 

Il sistema italiano dei partiti ha accumulato, almeno dagli anni Settanta in poi, notevoli carenze formative che pongono diversi politici al rischio di essere trappole delle forze più becere del nostro territorio: infiltrazioni mafiose, corruzione, insensibilità verso i problemi sociali e degli ultimi, delegittimazione politica e sociale delle istituzioni, populismi e nazionalismi, movimentismo irrazionale e inconcludente.

Spetterà a Draghi – e a chi ci crede – dettare fermamente e attuare la linea politica, senza “pregiudizi e rivalità” ma con l’intento di rispondere ai “problemi quotidiani delle famiglie e delle imprese”. Soprattutto nei momenti di crisi del nostro Paese, non molti, ma pochi e buoni, hanno dimostrato come è possibile, con molta fatica, escogitare i migliori mezzi perché le scelte politiche non siano di basso profilo (se non proprio immorali e illegali) ma capaci di adempiere ai “doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale” (CI, art. 2).

L’ambasciatore Luca Attanasio, ucciso durante l’attacco terroristico nella Repubblica del Congo, insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e all’autista Mustafà Milambo, parlava a tutti (e sempre) del fatto che il suo lavoro non fosse una mansione, ma una missione. Il termine missione non ha solo un valore religioso ma anche laico. Essa esige una dedizione completa, con tutte le personali potenzialità fisiche, intellettuali, emotive ed etiche per produrre capolavori politici che sono il bene dei singoli e dei gruppi sociali. È la missione di tutte le autorità e di tutti i cittadini. Sempre e comunque.

 

https://formiche.net/2021/02/politica-arte-governo-draghi/

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.