Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’amore ai tempi della grande rete, di Paolo Benanti

L’amore ai tempi della grande rete, di Paolo Benanti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/01/2019 07:19
Le conseguenze delle dinamiche relazionali nel continente digitale...

I progressi che le tecnologie informatiche stanno operando e la velocità con cui si superano nuove frontiere nello sviluppo suscitano numerosi interrogativi e quesiti. L’impatto che la tecnologia ha avuto sulla vita negli ultimi cinquanta anni non è stato solo di natura quantitativa, cosa e quanto possiamo intervenire, ma soprattutto qualitativa: come comprendiamo noi stessi, il mondo e la vita. Potrebbe sembrare esagerato pensare che un artefatto tecnologico possa portare a questo tipo di trasformazione.

Tuttavia uno sguardo alla storia potrà facilmente convincerci del contrario. Nel XVII secolo la scoperta della lente convessa ha dato luogo a due strumenti, il telescopio e il microscopio, che hanno cambiato il modo con cui noi abbiamo capito l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo. Il telescopio ha cambiato la nostra percezione del cosmo portandoci a una visione eliocentrica e il microscopio ha cambiato il concetto di vita e di organismo vivente.

Oggi il dilagare delle informazioni e la loro connessione con i più disparati aspetti della nostra vita, fa sì che questi subiscano analoghi processi di radicale trasformazione nel nostro modo di comprenderli. Tutto questo grazie a un nuovo strumento tecnologico: il computer. Il computer e la sua potenza nell’elaborare dati, la capacità di sofisticati algoritmi e l’introduzione di sistemi esperti ci aiutano a trovare correlazioni là dove le teorie che sviluppiamo sembrano fallire.

Come con la lente convessa, abbiamo ora un nuovo strumento, che, per analogia con gli altri, potremmo chiamare macroscopio. Il macroscopio non lavora sulle grandezze visive ma sulla correlazione e ci permette di studiare l’infinitamente complesso. Le intelligenze artificiali, gli algoritmi di apprendimento automatico — il cosiddetto machine learning — e gli altri sistemi cognitivi informatici sono gli attori di questa rivoluzione. Questi sistemi si stanno diffondendo sempre più in ogni ambito del nostro vivere come in passato il vapore e l’energia elettrica hanno cambiato il modo con cui eravamo soliti svolgere tutte le nostre attività.

Il continente digitale ha trasformato il modo in cui le persone lavorano e comunicano. Ha rivoluzionato le industrie, dall’intrattenimento alla vendita al dettaglio. Ma il suo effetto più profondo potrebbe essere la decisione più importante presa dalla maggior parte della gente: scegliere un compagno di vita. Internet, infatti, ha trasformato la ricerca del partner e il modo, per usare un’espressione mediatica, in cui si trova l’amore.

Se guardiamo ai comportamenti delle persone negli ultimi venti anni troviamo una vera e propria “rivoluzione copernicana”. Negli anni Novanta l’idea di poter incontrare un partner online sembrava una cosa bizzarra e chi si affidava a questi strumenti veniva guardato quasi con compassione. Oggi, grazie anche alla diffusione degli smartphone che ci abituano a relazionarci alla realtà attraverso delle app, globalmente, almeno 200 milioni di persone utilizzano i servizi di appuntamenti digitali ogni mese. Negli Stati Uniti, secondo gli studi più recenti, più di un terzo dei matrimoni è il frutto di conoscenze avvenute grazie alla mediazione del computer e dei suoi algoritmi, mediante cioè il matching online. Nell’epoca del digitale, internet è il secondo modo più diffuso per gli statunitensi di incontrare persone del sesso opposto e si sta rapidamente avvicinando, come numeri, al tradizionale ti presento un “amico di un amico” cui eravamo abituati nel mondo analogico.

Queste piattaforme online per conoscere persone promettono, con i loro algoritmi, di selezionare tra infiniti candidati quelle persone che sono maggiormente compatibili con l’utente. In realtà, a ben vedere, i sistemi di dating online, proprietà di compagnie private che traggono profitti commerciali dai loro servizi, sono, di fatto, un grande esperimento sociale, condotto su uno dei processi più intimi e vitali dell’umanità. E i suoi effetti stanno appena iniziando a diventare visibili. La trasformazione tecnologica che cambia in modo radicale e profondo la società e le nostre relazioni, grazie al machine learning, ai suoi algoritmi di profilazione e di predizione, è in grado non solo di farci sembrare le macchine esseri intelligenti, quelle che potremmo provocatoriamente chiamare delle macchine sapienti, ma anche di anticipare comportamenti ed eventi impredicibili da nessuna teoria. Ci stiamo convincendo che questa capacità potrebbe essere applicata e infusa nel più misterioso dei temi umani: l’amore.

Da un punto di vista della cultura tuttavia questa sorta di digitalizzazione dell’amore viene percepita e rielaborata in forme che ricordano gli antichi miti. La continua tensione tra l’attrazione per l’altro e il desiderio di sondare quel mistero che ci attrae col rischio di distruggerlo e perderlo è la struttura che sottende il mito di Eros e Psiche. Oggi questa dinamica è algoritmizzata. Sono gli algoritmi, mai come in questo campo analoghi a pozioni segrete degne delle migliori narrazioni popolari sul genere amore che conosciamo in occidente, a governare il matching e a far scattare l’alchimia tanto desiderata e che tanto spesso causa patemi ai membri della nostra specie. Sono gli algoritmi con le loro misteriose e arcane sequenze di if this than that a creare le frecce di Eros o le fiale delle pozioni desiderate da persone in cerca dell’agognato amore. Se Socrate ha impostato la ricerca del senso della vita sul “conosci te stesso” ora l’insondabilità della nostra vita interiore sembrerebbe essere conosciuta meglio da una macchina.

Si riconosce un nuovo e inedito ordine affettivo che guida la composizione dei nuovi nuclei familiari. In sintesi possiamo elencare le nuove coordinate esistenziali che, nel continente digitale, sembrano sottostare alla ricerca del partner. Si passa dalla ricerca di un compagno per la vita a quella dell’anima gemella. Si passa da relazioni vissute in un raggio geografico limitato a un bacino che ha come limite teorico il mondo intero. Si trasforma l’appuntamento in una amicizia on-line. La ricerca del partner si trasforma da un percorso fatto in un piccolo gruppo a una scelta tra infinite opzioni.

La ricerca del partner si sposta quindi da un modo con cui si cercava una persona adatta a costruire un progetto di vita, a una sorta di ricerca analoga a quella che facciamo per “l’acquisto” del miglior prodotto disponibile. Forse, ci chiediamo, l’aspettativa del partner perfetto non introduce già un problema? L’altro, algoritmicamente idealizzato, prima o poi ci deluderà essendo diverso dall’ideale cercato. Le relazioni amorose dell’era digitale dovranno fare i conti con la delusione della realtà: una nuova edizione di Psiche e la sua ricerca del volto di Eros. Nella versione moderna di questo mito, però, non sarà il volto scoperto a far scappare Psiche?

Spostando la nostra analisi da una prospettiva individuale a una sociale emergono ulteriori questioni che debbono essere considerate. Questo nuovo mondo digitale romantico potrebbe anche avere conseguenze non volute per la società. Da un lato, il fatto che gli utilizzatori del dating online abbiano una scelta molto più ampia può portare a rompere delle barriere culturali. Tuttavia i dati ci mostrano che i daters online hanno anche la tendenza a scegliere partner come loro: livelli di istruzione e di reddito simili vengono utilizzati dagli algoritmi nel selezionare le possibili coppie. Non è difficile immaginare la creazione di servizi di incontri futuri per persone corrispondenti ad alcuni tratti preferiti, come quello determinato dal genoma caricato.

Il dominio degli appuntamenti online da parte di una manciata di aziende e dai loro algoritmi è un’altra fonte di preoccupazione. Se abbiamo conosciuto recentemente il timore per le Big Pharma, i colossi farmaceutici che possedevano la capacità di far vivere e morire e ne stabilivano il costo, ora sembra che si prospetti Big Love dove saranno i colossi dell’informazione a possedere la possibilità di vivere felici.

Inoltre i risultati di questo gigantesco esperimento sociale daranno un potere enorme ad alcuni big players: la capacità di predire comportamenti così imprevedibili può radicalmente cambiare anche il concetto stesso di libertà nella società digitale.

Mai come in questo caso gli sviluppi e i cambiamenti che la tecnologia porta nel vivere alcune caratteristiche del nostro essere umani chiedono una profonda riflessione filosofica ed etica.

http://www.osservatoreromano.va/it/news/lamore-ai-tempi-della-grande-rete


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.