Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’Africa merita rispetto, di Giulio Albanese

L’Africa merita rispetto, di Giulio Albanese

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 25/05/2021 16:54
Il consesso europeo contesta all’Africa l’emigrazione clandestina, il terrorismo, i traffici illeciti e la corruzione. Come se toccasse solo all’Africa risolvere le contraddizioni del mondo globalizzato…

Il continente in cui l’homo sapiens mosse i suoi primi passi per poi migrare, circa 60 mila anni fa, in tutto il pianeta è considerato la «culla dell’umanità». Stiamo parlando dell’Africa, la terra dei nostri antenati che, stando all’analisi del Dna dei resti umani del più vecchio rappresentante della nostra specie in Europa, rinvenuti lo scorso anno nella grotta di Bacho Kiro, in Bulgaria, giunse in Europa circa 45 mila anni fa.

Ma l’Africa merita rispetto non solo per le memorie di tempi ancestrali o per le sue straordinarie bellezze paesaggistiche, ma anche e soprattutto perché è stato uno straordinario laboratorio di saperi e di civiltà millenarie come quella egiziana e axumita. Pertanto chiunque abbia viaggiato o vissuto in quelle terre, anni luce distanti dall’immaginario occidentale, ha il dovere di affermare, nei confronti dell’Africa, quel riscatto e riconoscimento a lei dovuto. Di conseguenza è doveroso ogni anno celebrare l’odierna Giornata mondiale dell’Africa che coincide con la data di fondazione dell’Organizzazione dell’Unità Africana (Oua), progenitrice dell’attuale Unione Africana (Ua).

Era il 25 maggio del 1963, quando essa nacque, ad Addis Abeba, e da allora, il continente è molto cambiato, sebbene il Panafricanesimo, così come era stato concepito dai padri fondatori dell’Oua, come il ghanese Kwame N’Krumah, o il senegalese Léopold Sédar Senghor, non pare abbia ancora trovato un felice riscontro nella multiforme prassi sociale, politica ed economica. Basti pensare alle situazioni di conflittualità in atto nella macro regione subsahariana: dalla Somalia, al settore orientale della Repubblica Democratica del Congo; dalla regione settentrionale etiopica del Tigray, alla Repubblica Centrafricana...

E cosa dire dei pesanti condizionamenti derivanti dalla sponda mediterranea (in particolare la crisi libica) con la costante penetrazione di cellule jihadiste nella fascia saheliana? Per non parlare degli antichi mali, quello ad esempio, dell’esclusione sociale e del deficit di virtuosismo da parte di alcune leadership locali. In effetti, fenomeni come il land grabbing (il cosiddetto accaparramento dei terreni da parte di imprese straniere) — con modalità diverse, a seconda delle aree geografiche — unitamente allo sfruttamento della manodopera, sono fenomeni ben radicati in molti Paesi. Se a tutto ciò aggiungiamo, la crisi economica scatenata dalla pandemia del coronavirus, la debolezza del sistema sanitario continentale, gli effetti dei cambiamenti climatici, il tanto declamato «Big Deal» africano andrebbe quantomeno ridimensionato.

Occorre comunque riconoscere che a livello continentale, vi è un’irreversibile e significativa maturazione del diritto di cittadinanza, attraverso l’impegno condiviso da parte di associazioni, gruppi e movimenti, espressioni qualificate della società civile. Si tratta di realtà che in molti casi sono nate e cresciute all’interno di comunità ecclesiali che da decenni sono in prima fila nel promuovere lo sviluppo sostenibile e la giustizia sociale. Debitamente valorizzate, potrebbero certamente rappresentare il vivaio delle future classi dirigenti in grado di servire con maggiore dedizione la Res Publica. 

Una cosa è certa: l’esodo delle popolazioni afro che sta interessando l’Europa e tanto preoccupa le cancellerie del Vecchio Continente, prim’ancora che essere una crisi umanitaria è una crisi di conoscenza dell’Africa. Un’operazione resa difficile dai forti condizionamenti dell’apparato massmediale generalista, renitente davanti alle prospettive di un dibattito sul merito dei reali problemi delle periferie del mondo. 

Il consesso europeo contesta all’Africa l’emigrazione clandestina, il terrorismo, i traffici illeciti e la corruzione. Come se toccasse solo all’Africa risolvere le contraddizioni del mondo globalizzato. Sarebbe un imperdonabile errore continuare a giudicare il presente «con l’occhio dello straniero» che, come recita un proverbio della tradizione Dogon, «vede solo quello che già conosce».

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2021-05/quo-116/l-africa-merita-rispetto.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.