Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’aborto è il collante più efficace per la destra estrema, di Eleonora Martini

L’aborto è il collante più efficace per la destra estrema, di Eleonora Martini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 27/06/2022 08:14
Paolo Naso, docente di Scienza politica alla Sapienza di Roma, di fede protestante e coordinatore della Commissione studi della Federazione delle Chiese evangeliche d’Italia. «Abbiamo assistito ad un "ecumenismo" dei conservatori che ha creato un polo morale importante per attrarre la popolazione estremamente religiosa che non votava»…

«Dietro il tema dell’aborto non c’è una scelta ideologica ma di campo: esso è il collante più efficace di una destra molto diversificata che ha fatto del feto il suo vessillo di unità e il tema più facilmente spendibile nella comunicazione politica», riassume Paolo Naso, docente di Scienza politica alla Sapienza di Roma, di fede protestante e coordinatore della Commissione studi della Federazione delle Chiese evangeliche d’Italia.

Professore, in questa sentenza quanto ha influito l’orientamento religioso dei giudici?

Non molto. La corte, formata in buona parte da giudici conservatori, è stata ulteriormente sbilanciata da Donald Trump quando ha nominato tre esponenti della destra più estrema. E, visto che i componenti della Corte hanno una carica a vita, inserire una giudice di 49 anni come Amy Coney Barrett è stato un investimento. Per la destra religiosa, nessun altro tema è più caratterizzante dell’aborto. Rispetto a tutte le altre – la preghiera delle scuole, l’esposizione dei 10 comandamenti, i diritti delle coppie gay – senza ombra di dubbio la questione dell’aborto è quella più simbolica. Ed è la prova evidente che la destra religiosa è tutt’altro che fuori dalla scena politica americana e che le componenti trumpiste hanno ancora un ruolo molto attivo, al di là del destino personale e politico dell’ex presidente Trump.

Come si è evoluta nel tempo la destra religiosa americana?

Negli anni ’80 era rappresentata da Moral Majority, un’associazione costituita dall’èlite dei telepredicatori che nelle loro relazioni pastorali e di evangelizzazione controllavano anche un mercato politico, che era quello astensionistico. E Ronald Reagan intuì che per capitalizzare quel potentissimo mercato di voti congelati, di gente che pensando alla salvezza dell’anima e al regno dei cieli non si impegnava politicamente, bisognava moralizzare le campagne elettorali chiamando al voto non più per un partito o per l’altro, ma per la vita o per la morte. Ma il vero salto di qualità ci fu negli anni ’90 e i primi 2000 con la Christian Coalition e altre associazioni simili che erano organizzazioni più radicate nei territori, come i partiti. Con le campagne locali e nazionali si è arrivati alle correnti più estremiste che abbiamo visto in azione il 6 gennaio 2021 a Capitol Hill. Sono organizzazioni che vengono dal mondo evangelico; tuttavia negli anni anche la destra cattolica, che si è molto rafforzata sotto i pontificati di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, è entrata in queste associazioni. Quindi abbiamo assistito ad un “ecumenismo” dei conservatori che ha creato un polo morale importante. D’altra parte però sia nella chiesa cattolica che nelle chiese protestanti storiche, main line – presbiteriana, metodista, luterana, episcopale, ecc – ci sono posizioni nettamente diverse anche sui temi etici.

Come colpirà l’Europa l’onda lunga di questa sentenza?

Negli Stati uniti questa decisione crea una crepa fortissima in quel «muro di separazione», come lo chiamava il vecchio Jefferson, che è stato eretto tra lo Stato e le religioni dalla Costituzione americana. Tutto questo riverbera anche in Europa: lo vediamo in Polonia, Ungheria e altri Paesi dell’Est, e qualche emulazione c’è anche nel contesto italiano. Le istituzioni europee sono molto salde sui principi democratici e di laicità dello Stato ma la fragilità maggiore sta nei singoli Stati. Il grande paradosso è che coloro che intervengono così pesantemente sulla coscienza individuale dettando norme morali all’individuo, in realtà pretenderebbero di essere dei liberali e perfino libertari. L’America trumpista rivendica l’individualismo ma propone una politica etica.

Nel mondo cattolico Papa Francesco è un argine a questa deriva?

In Italia e in Europa la religione è fortemente secolarizzata, con un tasso di partecipazione alla vita religiosa assai più basso che negli Usa. Papa Francesco può essere un argine sul linguaggio: quella brutalità, anche delle immagini usate dagli attivisti pro life, non credo che potrà mai essere fatta propria né dal Papa né dall’episcopato italiano ed europeo. Ma sul tema specifico è evidente la posizione della Chiesa cattolica.

Come si concilia, nelle lobby religiose Usa, il furore anti abortista con il consenso al porto d’armi?

È nella stessa constituency della destra religiosa. Non c’è alcuna contraddizione, al contrario. Per loro portare armi e considerare l’aborto un omicidio significa esattamente esprimere i “valori” della famiglia e difendere la vita. Ed è una posizione estremamente diffusa. Ma c’è anche un’altra America, anche cristiana e protestante, che sta esattamente dalla parte opposta.

 

https://ilmanifesto.it/laborto-e-il-collante-piu-efficace-per-la-destra-estrema

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.