Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Italia più povera e con maggiori disuguaglianze: il rapporto dell'Asvis, di Rosaria Amato

Italia più povera e con maggiori disuguaglianze: il rapporto dell'Asvis, di Rosaria Amato

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/10/2018 10:59
L'associazione per lo sviluppo sostenibile sottolinea i passi indietro del nostro Paese in tema di lavoro e inclusione sociale ed economica, ma anche i miglioramenti sul fronte del diritto all'istruzione e alla salute. No a provvedimenti che favoriscano ancora le disuguaglianze…

La povertà e le disuguaglianze peggiorano, sul lavoro non si registrano progressi significativi, leggi fondamentali come quella per fermare il consumo di suolo e lo spreco dell'acqua potabile sono rimaste al palo: l'Italia è molto indietro sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, definiti dall'Agenda 2030 dell'Onu. E' il giudizio che emerge dal Rapporto AsVis, presentato stamane alla Camera dei Deputati dal portavoce Enrico Giovannini. A far arretrare il Paese sono soprattutto i ritardi della politica, si legge nello studio, mentre da parte delle imprese e della società civile aumenta la sensibilità verso lo sviluppo sostenibile e le opportunità che offre, a cominciare dall'economia circolare.

In dettaglio, l’Italia mostra segni di miglioramento in otto aree: alimentazione e agricoltura sostenibile, salute, educazione, uguaglianza di genere, innovazione, modelli sostenibili di produzione e di consumo, lotta al cambiamento climatico, cooperazione internazionale. Per cinque aree, invece, la situazione peggiora sensibilmente: povertà, condizione economica e occupazionale, disuguaglianze, condizioni delle città ed ecosistema terrestre, mentre per i restanti quattro Obiettivi (acqua e strutture igienico-sanitarie, sistema energetico, condizione dei mari e qualità della governance, pace, giustizia e istituzioni solide) la condizione appare sostanzialmente invariata.

L'Italia è sicuramente un Paese nel quale i cittadini godono in media di buona salute, e ci sono miglioramenti nell'uguaglianza di genere e nel settore dell'istruzione. Nonostante le difficoltà del nostro sistema scolastico e universitario, infatti, e nonostante l'Italia tra gli ultimi Paesi in Europa per quota di laureati, rispetto al 2015 continua a migliorare la quota di persone di 30-34 anni con titolo universitario e a diminuire il tasso di abbandono della scuola.

La crisi economica ha contribuito alla riduzione dei rifiuti e delle emissioni inquinanti, ma è anche aumentata la percentuale di raccolta riciclata. Si è ridotta la popolazione sovrappeso, ed è aumentata la quota di territorio agricolo dedicata all'agricoltura biologica. Si riducono le morti per incidenti stradali e scende il tasso di mortalità in generale, calano i parti cesarei.

Fin qui le buone notizie. Ma sono peggiorati i tassi di povertà assoluta e relativa, e sono aumentate le persone che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa. Sotto questo profilo, l'unico aspetto in miglioramento è il ricorso alle cure mediche, scende la quota di chi non ne ha usufruito per motivi economici.

Sotto il profilo del lavoro, continuiamo ad avere un record in materia di disoccupazione giovanile e di Neet, cioè di giovani che non lavorano e non studiano. Cresce inoltre la distanza tra il reddito dei più ricchi e quello dei più poveri, e la quota di persone che vivono in famiglie con il reddito disponibile inferiore al 60 per cento del reddito mediano è aumentata. C'è anche un peggioramento delle abitazioni, e della sostenibilità dell'ecosistema.

L'AsVis chiede all'Italia in primo luogo di dare attuazione alla Direttiva firmata il 16 marzo 2018 dall’ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che riconosce come "il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile rappresenti un obiettivo prioritario dell’azione del governo italiano", e di procedere anche con le azioni previste dalla direttiva. Inoltre, l'AsVis ricorda che alla legge di Bilancio da quest'anno dovrà essere allegato un rapporto sull’impatto atteso da quest’ultima sui 12 indicatori di Benessere Equo e Sostenibile (BES) entrati nella programmazione finanziaria. Varie poi le ricette suggerite per settore, a cominciare da una strategia per aumentare la produttività e includere i giovani nel mercato del lavoro. Per la riforma degli incentivi fiscali, la soppressione di quelli che hanno una ricaduta negativa sull'ambiente, mentre a proposito della flat tax, l'AsVis si schiera decisamente contro qualunque intervento che possa favorire chi ha "visto crescere la propria quota di ricchezza privata nazionale dal 2% al 10%". Per la stessa ragione l'AsVis dice con forza no al condono fiscale, valutando invece piuttosto azioni di accertamento della ricchezza sommersa e di riequilibrio tra la tassazione dei redditi e quella dei patrimoni.

 

https://www.repubblica.it/economia/2018/10/04/news/italia_piu_povera_e_con_maggiori_disuguaglianze_il_rapporto_dell_asvis-207928477/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.