Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Italia, la crescita non deve ingannare: ha i piedi d’argilla, di Giancarlo Mazzuca

Italia, la crescita non deve ingannare: ha i piedi d’argilla, di Giancarlo Mazzuca

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/12/2021 09:18
La situazione generale del Paese non è affatto allegra e molti di noi continuano a far finta di nulla o quasi, illudendosi che tutto sia sotto controllo…

È come se, in questi giorni di festa, tutti gli italiani si fossero messi addosso una corazza per non sentire i colpi nemici. Se è vero che i dati della quarta ondata del Covid sono pesantemente in risalita, tanto da raggiungere un record negativo di contagi, che la variante Omicron imperversa e che la situazione generale del Paese non è affatto allegra nonostante la “cura Draghi”, molti di noi continuano a far finta di nulla o quasi, illudendosi che tutto sia sotto controllo.

Il confronto con il Natale 2020

Ma ci sono pure coloro che, pur rendendosi perfettamente conto che il quadro generale non sia per nulla allegro, continuano a nascondersi dietro il solito alibi: che, cioè, nel Natale 2020 stavamo molto peggio di oggi. Dodici mesi fa, in effetti, non potevamo neppure spostarci da una regione all’altra e vivevamo segregati in casa mentre ora l’emergenza sembra meno grave. E, a dire il vero, fino a qualche tempo fa anch’io la pensavo così, ma sono stato un po’ troppo ottimista. Adesso ho aperto gli occhi e mi sto chiedendo: dove stiamo andando?

Italia in crescita ma anche vulnerabile

È vero, stiamo respirando un po’ meglio: pensiamo solo alla crescita economica che ha toccato il 6% rispetto alla Waterloo dell’anno scorso e che ha dato ossigeno al «made in Italy». Ma non possiamo neppure cantare vittoria e, anzi, dobbiamo registrare il fatto che, per altri aspetti, siamo in una fase di ulteriore discesa. A parte, infatti, la nuova crescita esponenziale del virus, siamo costretti ad affrontare altre emergenze economiche: è il caso dei prezzi del gas che oggi si attestano attorno ai 180 euro e che sono saliti in Europa di qualcosa come dieci volte rispetto l’anno scorso.

È il caso anche dell’energia elettrica: le bollette si sono ugualmente moltiplicate per dieci sfondando «quota 400». Stiamo quindi affrontando rincari vertiginosi che stanno mettendo nuovamente in ginocchio il nostro sistema industriale e tantissime famiglie che avevano appena rialzato la testa. E la nostra vulnerabilità è particolarmente forte perché non abbiamo, a differenza di altri «partners» europei, valide alternative tipo le centrali nucleari e quelle a carbone.

L’emergenza ignorata che pesa sul futuro

Insomma, il nostro scenario a breve termine torna ad essere molto preoccupante ma, a parte l’allarme lanciato da qualche «leader» politico, il silenzio sull’argomento è quasi assordante. Di questo passo, come potremo affrontare il «caro bollette» che rischia di diventare carissimo? Tutti presi dal «toto-Quirinale» e dal «Draghi sì – Draghi no» sul Colle, stiamo forse sottovalutando un’emergenza che rischia di annullare completamente la ripresa del 2021. E, allora, festeggiamo al meglio questi giorni di fine anno, ma evitiamo qualsiasi volo pindarico

https://www.ilsole24ore.com/art/italia-crescita-non-deve-ingannare-ha-piedi-d-argilla-AEkqsa4

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.