Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Italia depressa, il 'fu-Belpaese' è 45° nella classifica Onu sulla felicità

Italia depressa, il 'fu-Belpaese' è 45° nella classifica Onu sulla felicità

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 16:30
Un risultato che non ci si aspetterebbe da un paese denso di bellezze naturali e culturali...

Quasi un crollo di nervi. L'Italia come paese depresso, almeno stando alsecondo Rapporto mondiale sulla Felicità dell'Onu, è un risultato che non ci si aspetterebbe da un paese denso di bellezze naturali e culturali, eppure il fu-Belpaese è 45° nella classifica, sovrastato da paesi di ogni continente e anche tradizionalmente alle prese con problemi di una serietà qui sconosciuta, come ad esempio Panama, Israele, Messico. A parlarne con l'Adnkronos sono due economisti e un sociologo, rispettivamente Paolo Cacciari, Giuseppe De Marzo e Domenico De Masi; il primo teorico della decrescita felice, il secondo impegnato nella campagna "Miseria Ladra" di Libera, che verrà presentata questa sera a Grosseto, e il terzo propugnatore dei valori anche sociali di un tempo liberato dal lavoro "classico". Tutti puntano il dito sulla progressiva erosione dello Stato sociale, accoppiata a una più recente scomparsa della "missione sociale" della collettività italiana.

"Sono tutto sommato sempre le stesse, care, vecchie socialdemocrazie a tenere botta anche in questi tempi di crisi -osserva Paolo Cacciari, tra i promotori del Festival della Decrescita di Venezia-, quelle che hanno conservato il welfare, lo Stato sociale. Sapere di avere un futuro tutelato dalla collettività rasserena e rende più felici". E questo è il primo dei motivi, osserva, che vede cinque nazioni al di sopra delle Alpi ai primi cinque posti: ma non basta.

"C'è anche da sottolineare che in quei paesi le città 'funzionano', con servizi di ogni genere, traffico automobilistico sempre più scarno, aree conviviali sempre più estese: tutto ciò dà una sensazione di benessere che la mercificazione non dà". Mentre in Italia va "constatato un suicidio in atto. Un volersi male che parte da precondizioni invece ottime, con il nostro territorio storicamente attraente e una stratificazione culturale tra le più pregiate del mondo. Abbiamo fatto andare a male tutto ciò, e ora ne paghiamo le conseguenze".

Sulle "città funzionanti" punta anche Domenico De Masi. "Sono una derivata del welfare funzionante: quando esistono i servizi statali di buon livello, il resto è a ricaduta. Invece vedo che in Italia il welfare viene smantellato, e mi chiedo che senso abbia. Per certi versi noi dovremmo essere strafelici: abbiamo clima, natura, opere d'arte. Un popolo felice non può stare 4 mesi a discutere sulla sentenza di Berlusconi. Siamo un popolo depresso perché non ci occupiamo più della nostra felicità. E invece deve essere il primo pensiero della mattina".

Inoltre, "ci rende infelici il disorientamento. Non abbiamo più una coscienza della nostra utilità come società, della nostra 'mission' umana. Senza parametri di navigazione, senza sapere cosa sia bene o male, libertà o schiavitù, andiamo a sbattere -conclude De Masi- Un esempio mi è stato dato giusto oggi da una mia studentessa, che ha definito l'Italia 'uno dei paesi meno liberi del mondo'. Non ha proprio idea di dove sia e cosa sia, e fortunata lei che non era all'esame altrimenti l'avrei bocciata".

"Un popolo privo di cultura, memoria e valori è un popolo destinato a perdersi. E del resto la parola crisi vuol dire scegliere: quando non scegliamo o fai scegliere ad altri, come accade da oltre trent'anni, nella crisi ci restiamo". Giuseppe De Marzo, teorico dell'economia democratica e impegnato insieme a Libera di don Luigi Ciotti nel lancio della campagna Miseria Ladra, che proprio stasera verrà presentata a Grosseto con 10 proposte per uscire dall'impasse economica italiana, osserva che "la povertà è diventata la principale malattia: quasi il 20% vive in povertà relativa con 506 euro mese, 4,6 milioni al di sotto e quindi in povertà assoluta: dati che peggiorano di anno in anno. Questo oggi è il peggior paese in Europa dove nascere: c'è il 32,3% di possibilità di rimanere povero se nasci oggi qui".

A questo processo socioeconomico "si accompagna quello culturale, che rende il nostro paese apparentemente triste". Ma "possiamo tornare a osare la speranza e a ricostruire un noi collettivo -prosegue De Marzo- se sapremo guardare alle parti più vive del paese", quel sistema solo apparentemente frastagliato e scollegato fatto da coloro che "in questo momento storico combattono contro la povertà che si battono alla difesa Costituzione, contro la costruzione di megaopere inutili, per i servizi pubblici non in mano ai privati, per i beni comuni, una mobilità differente, per le energie rinnovabili, contro le mafie, che oggi hanno più l'aspetto della speculazione e delle banche che stozzano il futuro".

 

fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/Sostenibilita/In_Privato/Italia-depressa-il-fu-Belpaese-e-45-nella-classifica-Onu-sulla-felicita_32584161544.html, 10 settembre 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.