Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Istat: oltre un quarto degli italiani è a rischio povertà

Istat: oltre un quarto degli italiani è a rischio povertà

creato da Denj — ultima modifica 21/07/2016 17:26
Oltre un quarto degli italiani è a rischio povertà o esclusione sociale. Il reddito famigliare infatti continua a diminuire e aumenta il divario tra ricchi e poveri...

 

Oltre un quarto degli italiani è a rischio povertà o esclusione sociale. Il reddito famigliare infatti continua a diminuire e aumenta il divario tra ricchi e poveri, con il 20% delle famiglie più povere che detiene appena l’8% del reddito totale. È l’allarme lanciato dall’Istat, che oggi ha anche certificato il quinto calo congiunturale del Pil nel terzo trimestre e l’inarrestabile flessione della produzione industriale. Continua inoltre, fa sapere la Banca d’Italia, il calo dei prestiti delle banche.

Il 28,4% delle persone residenti in Italia, secondo il rapporto dell’Istat `Reddito e condizioni di vita´ sul 2011, è a rischio di povertà o esclusione sociale. Un dato in crescita (+3,8 punti percentuali rispetto al 2010 - dato rettificato in serata dall'Istat) e superiore a quello medio europeo (24,2%), a causa soprattutto dell’aumento della quota di persone a rischio povertà (19,6%) e di quelle che soffrono di severa privazione (11,1%). Il rischio povertà, evidenzia l’Istituto di statistica, cresce maggiormente nel Mezzogiorno, nelle famiglie monoreddito, dove la fonte principale di reddito è da lavoro, tra coppie con figlie, con almeno un minore, i monogenitori.
Le famiglie si trovano infatti a dover fare i conti con un reddito sempre più basso: metà delle famiglie italiane ha percepito nel 2010 meno di 2.037 euro al mese e il reddito famigliare mediano è diminuito di circa mezzo punto percentuale. La situazione è particolarmente pesante nel Sud e nelle Isole, dove i redditi sono più bassi del 27% rispetto alla media nazionale. E come se non bastasse, si allarga la disuguaglianza tra ricchi e poveri, con il 20% dei redditi più alti che detiene il 37,4% del reddito totale e il 20% dei più poveri appena l’8%. Secondo la Coldiretti, inoltre, in 12 mesi è anche raddoppiata (al 12,3%) la quota di italiani che non possono permettersi un pasto completo adeguato almeno ogni due giorni.
A questo quadro si aggiunge il continuo calo dei prestiti delle banche al settore privato che, ad ottobre - secondo la Banca d’Italia - sono diminuiti dell’1% (-0,1% i finanziamenti alle famiglie, e -2,9% quelli alle imprese). Una situazione insostenibile, denunciano i consumatori, con il Codacons che chiede di alzare la aliquote Irpef sui redditi sopra i 90 mila euro destinando questo reddito aggiuntivo ad aiutare chi è in difficoltà.
La condizione delle famiglie si inserisce in un quadro economico nient’affatto roseo. Nel terzo trimestre infatti il pil ha segnato una contrazione dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e del 2,4% rispetto al 2011: la crescita acquisita per il 2012 è al -1,9%. Intanto ad ottobre la produzione industriale ha segnato la quattordicesima contrazione tendenziale consecutiva (-6,2%, e -1,1% in un mese), con la produzione di autoveicoli in profondo rosso (-26,8%). E il Centro studi di Confindustria prevede per novembre un nuovo calo congiunturale della produzione (-0,6%), con un acuirsi (al -24,8%) della distanza dal picco di attività pre-crisi (aprile 2008) e delinea delinea per il quarto trimestre 2012 «un significativo arretramento».

fonte: www.lastampa.it, 10.12.2012
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.