Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Istat-Cnel: "Gli italiani in difficoltà sono quasi 7 milioni"

Istat-Cnel: "Gli italiani in difficoltà sono quasi 7 milioni"

creato da Denj — ultima modifica 21/07/2016 17:57
Presentato a Roma il nuovo Rapporto sul Bes, il "benessere equo e sostenibile", indicatore destinato ad affiancare il Pil nella valutazione dello stato di salute del Paese.

Troppo rigido, troppi difetti, troppe ambiguità: il Pil non basta più a misurare lo stato di salute di una nazione, ma se come parametro si adotta il Bes, il nuovo indicatore sul "Benessere equo e solidale" messo a punto da Istat e Cnel, la fotografia dell'Italia non cambia molto rispetto a quella ottenuta con il tradizionale "prodotto interno lordo".

L'11% è in difficoltà. Stando al primo rapporto sul Bes presentetato oggi a Roma alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in Italia, tra il 2010 e il 2011, la "grave deprivazione" sale dal 6,9% all'11,1%, ciò significa che 6,7 milioni di persone sono in difficoltà economiche, con un rialzo di 2,5 milioni in un anno. Si tratta di individui in famiglie con 4 o più sintomi di disagio in un set di 9.

Intaccate le riserve. A determinare questo stato di cose è stata anche la drastica caduta del potere d'acquisto, sceso di cinque punti percentuali dal 2007 al 2011. Una contrazione che, tuttavia, sostiene il Rapporto Bes, si è riflessa solo in parte sui consumi che in termini reali sono diminuiti solo dell'1,1%. Questo perché, nei primi anni della crisi, le famiglie hanno intaccato il patrimonio e risparmiato meno nel tentativo di mantenere il proprio standard di vita.

Sempre più debiti. Nello stesso quadriennio, sottolineano le nuove statistiche, la propensione al risparmio è passata dal 15,5% al 12% per arrivare all'11,5% nel secondo trimestre del 2012. Una situazione che si ripercuote sulla necessità di ricorrere al credito. Nei primi 9 mesi del 2012 la quota delle famiglie indebitate, sostanzialmente stabile tra il 2008 e il 2011, ha segnato infatti un balzo, passando dal 2,3% al 6,5%.

Diseguaglianza in aumento. L'indagine sottolinea anche come nel Paese sia in crescita il livello di disuguaglianza, un valore misurato attraverso il rapporto tra il reddito posseduto dal 20% più ricco della popolazione e il 20% più povero che ha registrato valori crescenti, dal 5,2% del biennio 2008-2010 al 5,6% del 2011 (il che significa che il 20% più ricco delle popolazione percepisce un ammontare di reddito più elevato del 5,6% rispetto al 20% più povero).

Come funziona il Bes. Il Bes prende in esame 12 campi, dalla salute al lavoro, dall'ambiente alle relazioni sociali e 134 "termometri" per misurare il benessere equo e sostenibile (Bes), con l'obiettivo di monitorare lo stato di salute del Paese con indicatori che vadano "al di là del Pil". Un sistema messo a punto dal Cnel, organo a cui partecipano rappresentanti di associazioni di categoria, organizzazioni sindacali e del terzo settore, e l'Istat, dove operano esperti della misurazione dei fenomeni economici e sociali. A queste due istituzioni è stato affiancato un comitato composto dall'associazionismo femminile, ecologista, dei consumatori e una commissione scientifica. L'ambizione è quella di fare del Bes uno strumento utile anche per la messa a punto delle politiche necessarie al paese. In particolare, si punta a sintetizzare gli indicatori in modo da elaborarne uno per ciascun dominio, quindi in tutto circa 12, anche per meglio capire miglioramenti e peggioramenti. Infatti, il Bes sarà aggiornato annualmente.

Sfiducia crescente. La prima fotografia, come detto, è piuttosto drammatica. Gli italiani risultano essere sempre meno felici con una crescente diffidenza verso gli altri e la politica. Nel 2012 solo il 20% degli italiani di 14 anni e più ritiene che gran parte della gente sia degna di fiducia. Il dato è in calo rispetto al 2010, quando si dichiarava fiducioso il 21,7% ed è di oltre dieci punti percentuali inferiore alla media Ocse (33%). Quanto alla fiducia nelle istituzioni nazionali e locali, a marzo del 2012 si è registrato il picco più basso con un giudizio di 2,3, su una scala da 0 a 10, riservato ai partiti politici. Non sono andati molto meglio il Parlamento (3,6), le amministrazioni locali (4) e il sistema giudiziario (4,4). Le sole "istituzioni" verso le quali i cittadini hanno espresso fiducia sono stati i vigili del fuoco e le forze dell'ordine, che insieme hanno raggiunto 7,1, con un voto medio di 8,1 per i primi e di 6,5 per le seconde.

Famiglia e lavoro, due oasi. Fanno eccezione, nel livello di soddisfazione, lavoro e famiglia, settori che continuano a regalare qualche sorriso. Nonostante gli effetti della crisi sul mondo del lavoro e i forti squilibri, gli italiani si dicono infatti contenti del proprio lavoro, esprimendo un voto positivo, pari al 7,3 in una scala da zero a dieci. Bene anche i rapporti familiari, che costituiscono ancora oggi la principale rete di solidarietà e sostegno della nostra società.

Contraddizioni sull'ambiente. "Segnali contradditori", certifica ancora il Rapporto Bes, emergono "rispetto alla qualità del suolo e del territorio: in particolare, aumenta la disponibilità di verde urbano (rispetto al 2000, nei capoluoghi di provincia sono fruibili 3,1 metri quadrati in più per ogni abitante) e delle aree protette, ma il dissesto idrogeologico rappresenta ancora un grave rischio naturale distribuito su tutto il territorio nazionale". A questo rischio "va aggiunto quello per la salute e per l'ambiente naturale dovuto all'inquinamento presente in diverse aree del nostro paese, le quali devono essere sottoposte ad azioni di messa in sicurezza e risanamento". Nel 2011, ricordano IStat e Cnel, "il numero di giorni di superamento del livello di pm10, cioè di micro particelle inquinanti nell'atmosfera delle maggiori città italiane, si è attestato, infatti, a 54,4 giorni, in aumento rispetto ai 44,6 del 2010, con conseguenze negative per la protezione della salute umana".

L'auspicio dell'Istat. Il Rapporto sul Benessere equo e sostenibile in Italia, ha spiegato nel corso della presentazione il presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, "è solo il punto di partenza per realizzare un cambiamento culturale che, mi auguro, aiuterà a migliorare in concreto il benessere della generazione attuale e di quelle future". Giovannini si è detto poi "profondamente convinto che la misurazione del benessere sia una opportunità per la società italiana per discutere quale futuro vogliamo costruire"

 

fonte: www.repubblica.it, 11.03.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.