Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Islam e guerra di religione. Un j’accuse, di Gianfranco Morra

Islam e guerra di religione. Un j’accuse, di Gianfranco Morra

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 16:58
L'analisi del politologo e sociologo Gianfranco Morra

 

Le terribili stragi e decapitazioni avvenute in Iraq hanno sconvolto i paesi occidentali. La loro angoscia è certo comprensibile, visto che gli ideali del mondo cristiano sono la pace, la democrazia e il rifiuto della pena di morte. Ma è anche superficiale e, in fondo, frutto di ignoranza. Dove c’è Islam, quasi dovunque c’è la guerra. Che è sempre una guerra di religione, come indica la parola Jihad, che significa «lotta» per far trionfare la «sharia», ossia l’unica vera fede.

Si pensi allo sterminio degli yazudi. In nessun paese arabo esiste il razzismo, il nemico non è il nero o il giallo, ma l’infedele, che non va ucciso per motivi etnici, ma religiosi, in quanto, adorando un altro Dio, bestemmia il vero Dio. Tutti gli uomini sono uguali, se credono in Allah. La tesi, ripetuta anche nei giardini del Vaticano, che le tre religioni bibliche hanno un solo Dio, per un islamico è una offesa alla religione. Per l’Islam il pluralismo religioso è una peste, la tolleranza una limitata (e pagata da dhimmi) concessione, c’è un solo ecumenismo: «Allah è Allah e Maometto il suo Profeta».

Occorre distinguere. L’integralismo islamico non ha dovunque la stessa intensità, vi sono paesi dove c’è minore fanatismo e fondamentalismo. Ma nessun islamico può ammettere quelle conquiste della civiltà occidentale, che sono la libertà di culto, la separazione fra Stato e religione, il primato della coscienza e la possibilità di scelta fra religioni diverse, l’emancipazione della donna. Tutto ciò per l’islamico non è progresso, ma corruzione.

Tanto per i poveri miliziani, quanto per il ricchissimo re Faysal dell’Arabia Saudita, un paese che ha accolto tutte le scoperte e le tecnologie della modernità, ma nulla dello spirito occidentale: nessuna costituzione (basta il Corano), divieto dei luoghi di culto non islamici, pena di morte per apostasia, adulterio, omosessualità, carcere per chi detiene simboli di altre religioni (come la Bibbia o la croce), cittadinanza riservata agli islamici, emarginazione della donna, obbligata al velo ed esclusa anche dalla guida dei veicoli, una rigida sorveglianza sul rispetto della sharia da parte del «Ministero per la propaganda della virtù e la prevenzione del vizio».

L’islam moderato è un puro non-senso. E la democrazia appare estranea alla tradizione islamica. Meglio: ad ogni area culturale non permeata dei princìpi cristiani. Alcune civiltà, come l’India e il Giappone, ne hanno assunto alcuni elementi, mentre nei paesi islamici rimangono marginali e poco sentiti. La cosa è comprensibile, visto che il fondamento del liberalismo e della democrazia sono i diritti naturali dell’uomo, definiti nella civiltà europea da Antigone a Kant, e la distinzione tra Dio e Cesare. Due princìpi del tutto assenti nell’islamismo. Senza i quali la democrazia è impossibile.

L’unità di fede e politica, fondamento di tutta la civiltà islamica, appare oggi in forte ripresa anche in quei luoghi, dove la colonizzazione occidentale aveva condotto a mitigare l’integralismo islamico. Non mancano le prove: la cacciata o eliminazione di alcuni dittatori islamici, come Saddam, Gheddafi e Mubarak, non ha portato quei popoli alla democrazia, ma alla lotta tribale in nome dell’integralismo islamico; la stessa Turchia, da sempre ritenuta il più occidentale dei paesi islamici, vede oggi al potere due uomini di forte fondamentalismo religioso: alla presidenza della repubblica Erdogan, che ha sempre più accentuato tendenze autoritarie e fondamentaliste; e il premier da lui designato, Davutoglu, è un sunnita intransigente e propugnatore del «neo-ottomanismo».

Quei paesi non vogliono né la democrazia, né il pluralismo religioso, né il dialogo, né la collaborazione tra i popoli, ma cercano proprio in base al Corano di realizzare degli stati integralmente islamici. L’Occidente dovrebbe sapere, come lo sa Israele, che la guerra con l’Islam non cesserà mai. La guerra è lo stato normale, che consente l’espansione del Corano dal territorio islamico (dar al-Islam) nel mondo degli infedeli (dar al-harb, cioè territorio di guerra). Essa può essere interrotta solo da una «tregua» (hudna), mai da una pace definitiva.

Anche qui la soluzione non può essere quella indicata dalla superficialità di Obama, né quella dei paesi europei, che da decenni si stanno riempendo di islamici, non esclusi terroristi e tagliagole. Il problema, oggi, non è quello di esportare insieme globalizzazione economica e democrazia politica (due pretese che hanno accentuato, non diminuito i conflitti). È quella indicata dai grandi storici delle civiltà. Come Samuel Huntington, che già nel 1996 ammoniva: «La cultura occidentale è minacciata da gruppi operanti al suo interno, da islamici immigrati che rifiutano l’assimilazione e continuano a praticare e propagare valori, usanze e culture delle proprie società d’origine». Per evitare o almeno ridurre lo scontro fra le civiltà non serve «la chimera di un paese multiculturale», occorre «accettare la diversità e difendere la propria tradizione» (Lo scontro delle civiltà, cap. conclusivo: «Guerra di civiltà e ordine delle civiltà»).

 

 

Fonte: http://www.formiche.net/2014/09/14/islam-guerra-religione-jaccuse/

 

 


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?) .

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.