Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Iraq, Introvigne: "L'attacco solo Occidentale è ciò che l'Isis vuole", di Andrea Tornielli

Iraq, Introvigne: "L'attacco solo Occidentale è ciò che l'Isis vuole", di Andrea Tornielli

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 17:54
Lo studioso: così il califfo potrà reclutare adepti presentando la guerra come scontro tra islam e crociati, quando in realtà è anche una lotta tra musulmani
CITTÀ DEL VATICANO
«Parlare di scontro tra islam e cristianesimo è una semplificazione, credo che abbiano ragione il cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin come pure Papa Francesco. È essenziale che a intervenire sia la comunità internazionale con la partecipazione di Paesi musulmani. Altrimenti si finisce per rimanere nel copione voluto dal sedicente califfo al-Baghdadi, che fa di tutto per presentare la guerra come lo scontro finale tra crociati e islam». Lo afferma il professor Massimo Introvigne, fondatore del Cesnur (Centro studi sulle nuove religioni). In questo articolo sulla «Nuova Bussola quotidiana» lo studioso ha analizzato una pubblicazione plurilingue promossa dall'Isis, il gruppo fondamentalista islamico dei tagliagole che ha proclamato il califfato in Iraq. Ed è giunto a conclusioni identiche a quelle proposte e ripetute da parte della Santa Sede. Conclusioni che divergono sensibilmente da quelle dei propugnatori dello scontro tra cristianesimo e islam.

Perché è una semplificazione presentare ciò che accade in Iraq come uno scontro tra islam e cristianesimo?
«L'aggressione delle milizie dell'Isis contro la minoranza turcomanna di religione sciita, dopo quelle contro i cristiani e gli yazidi, ci fa capire che il califfato sunnita massacra altri musulmani, sciiti. Bisogna capire bene la strategia e l'ideologia dell'Isis, su cui spesso in Occidente circolano notizie imprecise o semplificate. Possiamo farlo grazie alla rivista del califfato, edita sia in formato cartaceo che web in numerose lingue - tra cui l'inglese -  e intitolata Dabiq. Si tratta di una pubblicazione di propaganda per i musulmani, una rivista raffinata, con illustrazioni. Anche se il sito viene spesso oscurato, non è difficile procurasela e studiarla».

Che cosa si apprende dalla lettura?
«Il mercato ideologico dell'ultra-fondamentalismo islamico è molto affollato. E che i nemici dell'Isis sono la galassia che fa capo ai Fratelli Musulmani, la casa madre del fondamentalismo islamico, e al-Qaeda. Leggendola si scopre che l'Isis considera come fondativa la morte nel 2006 in Iraq del terrorista internazionale giordano Abu Musa al-Zarqawi. Quest'ultimo si era distinto da Bin Laden, il quale considerava controproducenti per al-Qaeda i metodi da tagliagole, culminati nella decapitazione dell'ostaggio americano Nicholas Berg. Zarqawi teorizzava il massacro di tutti i non sunniti: cristiani, seguaci di altre religioni ma anche i musulmani “eretici” sciiti. Le sue milizie distruggevano in Iraq interi villaggi sciiti, uccidendo tutti gli abitanti. L'Isis oggi vuole creare zone integralmente sunnite, eliminando i seguaci di tutte altre religioni, compresi i musulmani sciiti».

Che cosa significa il nome della rivista, «Dabiq»?
«È il nome di una cittadina in Siria dove, secondo un noto “hadith”, cioè un detto attribuito a Maometto, avverrà nei tempi ultimi lo scontro finale fra i musulmani e i cristiani, quello che aprirà all'islam la via verso Roma. Un'ideologa apocalittica. Capiamo allora perché l'Isis non solo non tema, ma auspichi un intervento contro il suo territorio di americani ed europei e anche della Russia: per questo in Siria moltiplica le provocazioni anti-russe».

Perché il sedicente califfo spinge per un intervento occidentale?
«I “cristiani” (europei, americani, russi), identificati con i crociati, devono essere attirati a combattere nella terra dell'islam, e lì sconfitti, dopo che un'invasione “cristiana” avrà mostrato al mondo islamico che al-Baghdadi è il vero califfo, facendo accorrere musulmani di tutto il mondo ad arruolarsi sotto le sue bandiere. Dalla lettura di Dabiq si capisce come tra i nemici dell'Isis vi sia la componente di al-Qaeda che combatte in Siria contro Assad (Jabhat al-Nusra), e vi siano anche Fratelli Musulmani (compresa la direzione di Hamas in Palestina e i leader dei Fratelli attualmente in carcere in Egitto): sono considerati nemici perché mantengono rapporti con gli sciiti e non rifuggono - almeno in Palestina - dalla collaborazione con cristiani, purché di sentimenti anti-israeliani. Un altro nemico giurato è l'islam politico turco di Erdogan, che ha promesso all'Unione Europea libertà e uguaglianza per le minoranze religiose: questo spiega la furia di queste settimane di al-Baghdadi contro i turcomanni dell'Iraq».

Dunque i musulmani non sono tutti uguali...
«Certo che no. Quanto sta accadendo dimostra che neppure i fondamentalisti islamici sono tutti uguali, e neppure gli ultra-fondamentalisti violenti lo sono. Tra Fratelli Musulmani, al-Qaeda, Isis ci sono differenze reali. Non si limitano a discutere di teologia, si ammazzano tra loro. Il califfato è un pericolo non solo per i non musulmani, ma anche per i musulmani non sunniti e per gli Stati islamici vicini, che al-Baghdadi considera tutti illegittimi ed eretici».

Che cosa bisogna fare, allora, per fermare i massacri dell'Isis?
«Se si vuole fermare il califfato, e proteggere le minoranze che minaccia di sterminare, si deve tenere conto della sua ideologia. L'intervento armato solo americano, o americano ed europeo, rientra nel cliché predisposto dal sedicente califfo, che così potrà presentare la guerra come lo scontro finale tra l'islam aggredito e i crociati cristiani. Per questo sono importanti le parole di Francesco sul coinvolgimento delle Nazioni Unite: l'intervento per fermare l'ingiusta aggressione contro le minoranze deve essere multilaterale e coinvolgere i paesi dell'area, altri paesi musulmani. Secondo me è essenziale non dare l'impressione di rimanere all'interno del copione voluto dall'Isis».
fonte: www.lastampa.it, 28.08.2014
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.