Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Io sono il mio corpo. La corporeità come "potenza del mondo", di Giorgio Nacci

Io sono il mio corpo. La corporeità come "potenza del mondo", di Giorgio Nacci

creato da Matteo L. ultima modifica 06/12/2020 18:49
Scrive papa Francesco: «I giovani riconoscono che il corpo e la sessualità sono essenziali per la loro vita e per la crescita della loro identità. Tuttavia, in un mondo che enfatizza esclusivamente la sessualità, è difficile...

"Io ho il mondo attraverso il mio corpo come potenza di questo mondo" [M. Merleau-Ponty, Phénoménologie de la perception, Gallimard, Paris 1945; trad. it. di P.A. Rovatti, Fenomenologia della percezione, Bompiani, Milano 2003, 455]. 

Partendo dalla fenomenologia della percezione Maurice Merleau-Ponty, esponente di spicco della fenomenologia francese del Novecento e originale interprete del pensiero husserliano, intende ricucire lo strappo che il paradigma dualistico cartesiano aveva procurato tra res cogitans res extensa, liberando il soggetto dal rischio dell’astrattismo e ricollocandolo nel «corpo proprio», condizione necessaria dell’esperienza umana, apertura percettiva al mondo, spazio in cui si realizza l’esistenza totale.

Così Merleau-Ponty recupera e approfondisce la lezione del suo maestro Edmund Husserl, distinguendo il corpo oggetto (Körper) dal corpo vissuto dal soggetto (Leib) ed escludendo ogni sua concezione strumentale.

Il valore della corporeità

Lo sforzo della fenomenologia (oggi anche neurofenomenologia) consiste nel recuperare la corporeità come dimensione costitutiva della persona, punto di riferimento privilegiato per interpretare l’essere nel suo darsi concreto. Se io sto nella realtà attraverso il mio corpo vuole dire che, come afferma Gabriel Marcel, «io non ho un corpo, ma sono il mio corpo». Il corpo è in divenire, porta i segni del tempo, unisce la trama di relazioni dello spazio che abita, esprime la propria interiorità, mostra le ferite inferte dalla storia personale. L’osmosi tra corporeità ed esistenza consente una visione autenticamente integrale della persona ed è una porta di accesso alla sua esperienza soggettiva.

Questo dato è confermato anche dalle scienze umane: tutte le teorie psicologiche convergono nell’affermare che l’identità va intesa come un’unità della relazione tra i tre livelli della vita psichica (psicofisiologico, psicosociale, razionale-spirituale), esigenze diverse e sempre attive dell’unico io.

Riscoprire il valore della corporeità, dunque, permette di definire un’antropologia autenticamente in prima persona.

Una corporeità sessuata

Questa esigenza è quanto mai necessaria quando ci riferiamo a una corporeità sessuata.

La sessualità, ricorda Merleau-Ponty, fornisce una chiave di accesso alla vita del soggetto perché s’innesta sulla totalità della sua esistenza. In effetti per le scienze umane la dimensione sessuale svolge un’importante funzione simbolica che esprime il sé. Ne sono prova le caratteristiche che il padre della psicanalisi le attribuiva, confermate da M. A. Friedrich: l’ubiquità (comportamenti non sessuali esprimono difficoltà nell’area sessuale) e la plasticità (motivazioni non sessuali determinano comportamenti sessuali).

Quando cosifichiamo la sessualità, recidendo il suo legame con l’identità personale e i suoi vissuti, rompiamo il processo di simbolizzazione, negandoci la comprensione di ciò che effettivamente la persona sta esprimendo e scivolando facilmente nel giudizio morale o nella patologizzazione del comportamento.

Dovremmo piuttosto chiederci quale significato assume la sessualità nella vita di quella persona ricordando che, come asseriva Sigmund Freud, «ogni atto umano ha un senso» (Introduzione alla psicanalisi, 1917). Pertanto si può interpretare autenticamente un comportamento sessuale solo a partire dalla persona che lo mette in atto.

Appunti per un rinnovato paradigma morale

La teologia morale dovrà affrancarsi dall’astrattismo, frutto di un approccio che considera la sessualità una realtà aprioristicamente determinata, per favorire un paradigma che legga il comportamento sessuale nella persona, rendendo così sempre più esplicita la sua diaconia nei confronti della coscienza e della sua formazione. A motivo della complessità che questo comporta è necessario che essa superi una certa autoreferenzialità metodologica a favore di un approccio inter-transdisciplinare, che sappia sostenere le sfide poste dalla complessità di un’antropologia integrale. Se il corpo è espressione di una soggettività intesa come risultato dell’interazione sistemica di svariati fattori (sociali, culturali, relazionali, psicologici…), allora il rapporto tra natura e cultura va ripensato fuori da schemi neo-dualistici (biologismo-determinismo, essenzialismo-costruttivismo…) e la legge naturale ricompresa con categorie antropologiche più adeguate. Alla riscoperta del valore antropologico della corporeità dovrà necessariamente corrispondere una pedagogia che sappia accoglierne e accompagnare il valore. La teologia morale dovrà riscoprire il suo volto educativo sia nel proporre la verità morale, sia nel sostenere un serio accompagnamento al discernimento morale.

[dottorando in Teologia Morale presso l'Accademia Alfonsiana]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.