Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Iniziative per Costituzione e Cittadinanza come materia di insegnamento, di Stefano Stefanini

Iniziative per Costituzione e Cittadinanza come materia di insegnamento, di Stefano Stefanini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/12/2018 09:57
Un cittadino può essere tale solo se conosce bene i suoi diritti ed i suoi doveri, ma anche i meccanismi che regolano la vita civile ed il funzionamento dello Stato...

Attenzione ai temi della Costituzione, sensibilità verso un modo più consapevole di essere cittadini del domani, orgoglio di aver fatto da apripista: il tutto accompagnato dall’entusiasmo giovanile di chi si sta preparando alla prima importante prova della vita. Sono queste le motivazioni che hanno spinto i ragazzi del Liceo Cairoli di Pavia ad organizzare un incontro per richiedere un’ora aggiuntiva di Costituzione e cittadinanza. Un incontro a cui era presente una rappresentanza dell’Anci, promotrice di una campagna di raccolta firme per introdurre con legge un’ora obbligatoria su questi temi.

“Abbiamo deciso di proporre questa iniziativa al consiglio di istituto perché riteniamo che studiare l’Educazione Civica e la Costituzione a scuola oggi significa non solo studiare i suoi principi  ma essere consapevoli dei nostri diritti e doveri e per votare con più consapevolezza”, spiega Michele Frigerio.

Gli fa eco Elena Franchi per la quale “noi giovani spesso ci rinchiudiamo nel mondo dei social, di internet e incontri come quelli di oggi sono molto utili per aprire la mente per confrontarci. E poi il fatto che siano venuti da noi la vice sindaco di Firenze e l’Anci ha un peso”.

Consapevole del valore e dell’importanza della Costituzione anche Bartolomeo Pescador:

“Per me tutti gli articoli della Carta sono belli ma prediligo l’articolo 3 sulla pari dignità sociale dei cittadini. Per tutti gli studenti di Italia, lo studio della Costituzione rappresenta un passaggio importante per il nostro futuro fuori dall’ambiente protetto della scuola. Conoscere i nostri diritti e i nostri doveri ci può essere utile per muoverci nel mondo”.

“Dai ragazzi del Liceo Cairoli arrivano allo stesso un messaggio e un’esigenza: conoscere di più su diritto ed economia, materie che vogliono approfondire, non solo per prepararsi meglio all’esame ma anche per essere dei cittadini responsabili”, ha sottolineato il sindaco di Pavia Massimo Depaoli partecipando all’incontro.  “La loro iniziativa va in una direzione che può incontrare quella di Anci su Cittadinanza e Costituzione”, ha aggiunto il sindaco pavese.

“Un cittadino può essere tale solo se conosce bene i suoi diritti ed i suoi doveri, ma anche i meccanismi che regolano la vita civile ed il funzionamento dello Stato”.  Cristina Giachi, vicesindaco di Firenze e presidente della Commissione Istruzione dell’Anci, ha ricordato come il desiderio emerso dai liceali del Cairoli sia proprio quello di “avere più tempo per studiare il diritto e l’economia ed avere più strumenti per essere preparati a vivere il mondo in cui si trovano ad abitare. E’ un desiderio in linea con la nostra proposta che non ha colore politico e che viene dalle istituzioni cittadine del paese e da tutti i sindaci italiani”.

Con questa proposta, “su cui stiamo lavorando da mesi per consegnare al Parlamento entro il 5 gennaio le 50 mila firme necessarie, vogliamo fornire strumenti in più ai cittadini e alle cittadine, non solo per avere cittadini eticamente buoni ma per promuovere la consapevolezza di quanto importante e complesso sia stare nella società che vogliamo costruire più coesa, più unita, aperta e piena di opportunità”, ha spiegato Giachi.

Il dibattito coi liceali del Cairoli, moderato dalla dirigente scolastica Bruna Spairani, ha visto la partecipazione di molti ragazzi oltre all’intervento di Laura Canale, assessore all’Istruzione e formazione del Comune pavese.

Ci auguriamo che queste iniziative si replichino copiose anche nelle scuole della Tuscia.

“La richiesta dei liceali ci riempie di orgoglio perché le scuole del nostro territorio dimostrano una sensibilità speciale per i temi della Costituzione e dell’Educazione civica. Come Comune – ha aggiunto -stiamo portando avanti la campagna Anci proprio perché ha lo stesso spirito di quella dei nostri ragazzi: riconosce che esiste un concreto bisogno di formazione su questi temi cruciali”.

http://www.newtuscia.it/2018/12/06/iniziative-costituzione-cittadinanza-materia-insegnamento/

SCUOLA - GIACHI: “PROPOSTA DI LEGGE PER INTRODURRE L'EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA NEI PIANI DI STUDIO E NEI CURRICULA”-[29-05-2018]

Un’ora settimanale di educazione alla cittadinanza, come disciplina autonoma con propria valutazione, nei curricola e nei piani di studio. Tutto questo per lavorare alla formazione di buoni cittadini partendo dai banchi di scuola e cercando di colmare il gap di conoscenza delle regole minimali di cittadinanza. Sono gli obiettivi di una proposta legge di iniziativa popolare presentata, in occasione del consiglio nazionale dell'Anci dello scorso 16 maggio, dalla vicesindaca di Firenze Cristina Giachi, presidente della commissione nazionale scuola di Anci.

“Vogliamo far capire alle famiglie che questa competenza è fondamentale non solo per diventare buoni cittadini ma anche per realizzare sé stessi – ha sottolineato la vicesindaca e assessora all'educazione Cristina Giachi – e lo vogliamo fare uscendo un po' da quella ipocrisia che in questi anni ha consegnato l'educazione civica ad un ruolo ancillare tale da non essere più avvertita, dalle famiglie, come una componente fondamentale nell'educazione”.

Il monte ore necessario (non inferiore alle 33 ore annuali), dove non si preveda una modifica dei quadri orario che aggiunga l'ora di educazione alla cittadinanza, dovrà essere ricavato rimodulando gli orari delle discipline storico-filosofico-giuridiche.

Gli obiettivi specifici di apprendimento dovranno necessariamente comprendere, nel corso degli anni, lo studio della Costituzione, elementi di educazione civica, lo studio delle istituzioni dello Stato italiano e dell'Unione Europea, diritti umani, educazione digitale, educazione ambientale, elementi fondamentali di diritto, educazione alla legalità.

Nella bozza rivista in queste settimane grazie al contributo dei molti protagonisti del mondo della scuola, la proposta affida a una Commissione costituita ad hoc presso il MIUR, sentito il comitato scientifico per le indicazioni nazionali, il compito, tra l'altro, di "provvedere alla corretta collocazione della materia in seno ai curricula e ai piani di studio dei diversi cicli di istruzione, nonché di optare per l'aggiunta di un'ora ai curricula o per la sua individuazione nell'ambito degli orari di italiano,storia, filosofia, diritto”.

Il testo è aperto alle integrazioni dei sindaci che possono far pervenire le loro osservazioni e segnalazioni all'indirizzo mail educazionecivica@anci.it.

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.