Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Incontro, esperienza e responsabilità, di Andrea Monda

Incontro, esperienza e responsabilità, di Andrea Monda

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 25/01/2021 10:06
Sono quindi tre le parole che, da una prima lettura del Messaggio per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali del 2021(altre seguiranno, si tratta infatti di un testo denso che merita ulteriori approfondimenti), emergono prepotentemente

«Desidero quindi dedicare il Messaggio, quest’anno, al metodo del “vieni e vedi” come suggerimento per ogni espressione comunicativa che voglia essere onesta e convincente». Lo spunto per il Messaggio per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali del 2021 il Papa lo prende dal primo capitolo del Vangelo di Giovanni dove si racconta dei «primi emozionanti incontri di Gesù con i discepoli». 

Più volte Francesco ci ha ricordato che, soprattutto nei momenti di crisi, è prezioso ritornare con la mente e con il cuore al “primo amore” e così fa Giovanni che, scrive il Papa «Oltre mezzo secolo dopo, quando Giovanni, molto anziano, redige il suo Vangelo, ricorda alcuni dettagli “di cronaca” che rivelano la sua presenza nel luogo e l’impatto che quell’esperienza ha avuto nella sua vita: “Era circa l’ora decima”, annota, cioè le quattro del pomeriggio». A Giovanni e Andrea il Signore ha rivolto l’invito «Venite e vedete», preceduto da una domanda: «Che cercate?» e di quel dialogo essi ricorderanno per sempre tutto, anche l’orario. Ottimi “giornalisti”. Cosa era successo? Sicuramente quello che è indicato nel titolo del Messaggio: «Comunicare incontrando le persone dove e come sono». Gesù ha comunicato con i due discepoli andando loro “incontro”, entrando in contatto con la loro vita concreta, mostrandosi interessato alla loro condizione di “cercatori”. Non si è accontentato di un giudizio previo, di una sua “idea”, ma ha creato le condizione per un incontro reale, andando a “vedere”, personalmente e più nel profondo, chiedendo loro di fare lo stesso. 

Questo stile di Gesù indica un “metodo” dice il Papa, che si rivela prezioso per qualsiasi operatore della comunicazione che oggi è spinto, anche dalla potenza della tecnologia a disposizione, a lavorare «senza mai uscire per strada, senza più “consumare le suole delle scarpe”, senza incontrare persone per cercare storie o verificare de visu certe situazioni», ma questo modo di comunicare è una evidente contraddizione della propria missione perché «Se non ci apriamo all’incontro, rimaniamo spettatori esterni, nonostante le innovazioni tecnologiche che hanno la capacità di metterci davanti a una realtà aumentata nella quale ci sembra di essere immersi. Ogni strumento è utile e prezioso solo se ci spinge ad andare e vedere cose che altrimenti non sapremmo, se mette in rete conoscenze che altrimenti non circolerebbero, se permette incontri che altrimenti non avverrebbero».

Sono quindi tre le parole che, da una prima lettura di questo Messaggio (altre seguiranno, si tratta infatti di un testo denso che merita ulteriori approfondimenti), emergono prepotentemente: incontro, esperienza e responsabilità.

Incontro vuol dire prossimità, presenza, accoglienza. Accoglienza innanzitutto della realtà dell’altro. Questo è anche il significato della seconda parola “esperienza”, che vuol dire, per citare un’espressione cara, che “la realtà supera l’idea”. Si dice “fare un’esperienza” ma è anche vero il contrario, è l’esperienza che “fa” l’uomo. Un uomo “di esperienza” è un uomo che va e vede e quindi può raccontare. Andare a vedere vuol dire anche lasciarsi vedere, accettare di “essere visto” (è quello che accade all’apostolo Natanaele nello stesso episodio dei primi due discepoli che incontrano Gesù). 

È un lavoro rischioso fare il comunicatore con questo stile imperniato sull’esperienza diretta, si deve essere pronti a mettersi in gioco e a nudo. Se si vuole incontrare gli altri “dove e come sono”, questo vale anche per se stessi: così come siamo, con tutte le nostre luci, ombre, talenti e fragilità. Incontrare e vivere l’esperienza vuol dire diventare responsabili. L’impatto con la realtà ci trasforma e nasce inevitabilmente la spinta a dare testimonianza di quanto abbiamo visto e ci ha “toccato”. Se incrocio lo sguardo di un altro essere umano ne divento, volente o nolente, responsabile, me ne assumo il “carico”. Il Papa lo dice chiaramente: «Tutti siamo responsabili della comunicazione che facciamo, delle informazioni che diamo, del controllo che insieme possiamo esercitare sulle notizie false, smascherandole. Tutti siamo chiamati a essere testimoni della verità: ad andare, vedere e condividere».

Il tema della responsabilità della e nella comunicazione è molto caro a questo giornale (che il 30 novembre del 2019 ha organizzato una tavola rotonda proprio su questo argomento); è un tema grande, complesso e per metterlo a fuoco è necessario tornare, alla luce del testo del Messaggio del Papa, sul primo punto, quello dell’incontro, sapendo che quando un incontro (vero) avviene, accade qualcosa di più del semplice avvicinamento tra esseri umani. Quando due persone si incontrano “veramente” non ci sono solo loro due ma c’è un’apertura a qualcos’altro, a qualcun altro. Nell’incontro si dà vita ad una esperienza che, se è tale, finisce per trasformare i protagonisti di quel momento e spingerli ad altre esperienze simili. L’incontro è “contagioso”, genera testimoni, comunicatori, rilancia la ricerca instancabile dell’uomo.

Il Vangelo di Giovanni si apre con la domanda di Gesù ai due discepoli: «Cosa cercate?» e si chiude con un’altra domanda, molto simile, che Gesù rivolge a Maria di Magdala: «Chi cerchi?» (Gv 20, 15). In questo quasi impercettibile slittamento dal cosa al chi c’è tutto il senso della vita per un cristiano e di tutti cercatori e comunicatori, onesti, della verità.

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2021-01/quo-018/incontro-esperienza-responsabilita.html

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.