Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Imprese per una nuova cultura del cibo, di Piero Formica

Imprese per una nuova cultura del cibo, di Piero Formica

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/04/2022 09:52
Alla condivisione delle opportunità offerte da innovazioni che fanno compiere un salto di qualità alle nostre esperienze di consumatori alimentari, molto contribuisce il dialogo collaborativo tra esperti dell’agricoltura e dell’industria alimentare, imprenditori delle diverse filiere, investitori, leader intellettuali e i media…

«I cacciatori del Paleolitico che impararono a uccidere due mammut invece di uno avevano fatto progressi. Quelli che impararono a ucciderne duecento, facendo cadere un’intera mandria da una scogliera, avevano fatto troppo. Hanno vissuto in alto per un po’, poi sono morti di fame», scrive Ronald Wright nella sua breve storia del progresso. E aggiunge, citando il poeta Wystan Hugh Auden: «Una cultura non è migliore dei suoi boschi. Le civiltà hanno sviluppato molte tecniche per far produrre più cibo alla terra – alcune sostenibili, altre no. La lezione che ho assimilato è questa: che la salute della terra e dell’acqua – e dei boschi, che sono i custodi dell’acqua – può essere l’unica base duratura per la sopravvivenza e il successo di qualsiasi civiltà».

Nella nostra età della conoscenza, prima delle risorse animate – dalla forza delle braccia e dalla resistenza dei cavalli da tiro alle macchine e attrezzature – sono le risorse dell'intelletto umano a muovere, mutandoli, i processi produttivi. Se consideriamo che tra circa trent'anni saremo dieci miliardi di abitanti al mondo e avremo bisogno di produrre almeno il 70% in più di cibo, ci si aspetta una profonda innovazione nella produzione del cibo, una produzione che attualmente non si concilia con la salvaguardia del patrimonio naturale.
I consumatori che evolvono verso modelli di consumo nel segno del ben-essere e del ben-stare cercano di costruire un ponte tra ciò che appare buono da mangiare e ciò di cui è bene nutrirsi. Rispetto allo stomaco, è la testa che riprende a governare le loro scelte. Dalla Cina e dall'India al Brasile, una classe media in rapida espansione ha esposto a un forte stress il sistema globale delle risorse naturali e di quelle create dall'agricoltura. Per ogni 1 per cento di aumento nel tasso di urbanizzazione della nazione, la Cina deve aggiungere circa 300 a 400 milioni di metri quadrati di abitazioni, consumare circa 1.800 chilometri quadrati di terra, pompare 140 milioni di metri cubi di acqua potabile, generare 640 milioni di kilowatt di energia, e smaltire 1,14 miliardi di metri cubi di acque reflue ogni anno.

A risolvere siffatti problemi si trovano in prima fila i giovani che vedono compromesso il loro futuro di ben-essere. Idee e pensieri originali che conducono all'imprenditorialità permeano la vita di tanti giovani. Secondo un sondaggio condotto da EY Ripples e JA Worldwide su circa 6.000 giovani nati tra il 1997 e il 2007, il 53% spera di gestire una propria attività nei prossimi dieci anni. Questa percentuale sale al 65% per coloro che sono già entrati nella forza lavoro. La loro intenzione è di riformulare il modo in cui operano il business e l’istruzione. 

Sono questi giovani che cercando soluzioni basate sulla natura per una crescita ‘verde' agiscono imprenditorialmente a tutto campo tra le scienze della vita e le scienze della terra. Le imprese così fondate si raggruppano in comunità di startup alimentari che creano lavoro economicamente sostenibile e orientato verso un futuro ecologico. L'economista svedese Thomas Andersson ha ricostruito insieme ai suoi colleghi storie imprenditoriali che raccontano come coltivare e ripristinare le risorse naturali in modo sostenibile. In Brasile, l'imprenditoria basata sulla natura progetta “foreste tascabili”. A San Paolo, un’azienda privata ha finanziato l’implementazione di una tale foresta di fronte al suo principale edificio di uffici su un viale molto visibile ai margini del fiume Pinheiros.

Alla condivisione delle opportunità offerte da innovazioni che fanno compiere un salto di qualità alle nostre esperienze di consumatori alimentari, molto contribuisce il dialogo collaborativo tra esperti dell’agricoltura e dell’industria alimentare, imprenditori delle diverse filiere, investitori, leader intellettuali e i media. Un dialogo per riorchestrare l'istruzione e la ricerca con ricadute di imprenditorialità tali da generare ricchezza nel ben-essere.

https://www.ilsole24ore.com/art/imprese-una-nuova-cultura-cibo-AE4iM4PB

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.