Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il Vaticano: «I divorziati risposati sono parte della Chiesa»

Il Vaticano: «I divorziati risposati sono parte della Chiesa»

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 11:18
Papa Francesco aprendo i lavori ha raccomandato di “parlare chiaro” e “con paressia” [...]

 

Roma - Al via in Vaticano il Sinodo Straordinario sulle sfide attuali alla pastorale familiare. Sfide molteplici: dalla richiesta di riconoscimento delle coppie gay alla violenza in famiglia sulle donne e i minori, ma il tema dei divorziati risposati (se devono accedere al sacramento della Comunione) ha già preso il sopravvento nei lavori di oggi.

Papa Francesco aprendo i lavori ha raccomandato di “parlare chiaro” e “con paressia” (termine greco che indica libertà di essere sinceri, ndr). Nella “relatio” delcardinale Peter Erdo, primate d’Ungheria e presidente dei vescovi europei, si precisa che «i divorziati risposati civilmente appartengono alla Chiesa. Hanno bisogno e hanno il diritto di essere accompagnati dai loro pastori».

Il cardinale Erdo ha aperto un piccolo varco che nel corso del dibattito potrà forse diventare un’autostrada. Le vie indicate da Erdo nel suo testo sono due: l’allargamento della nullità matrimoniali che potrebbero in futuro essere dichiarate direttamente dei vescovi e il modello ortodosso che (dopo un percorso penitenziale) consente nuove unioni non sacramentali.

Dalle risposte alle 38 domande del Questionario voluto da Papa Francesco emerge anche «un ampio consenso» sulle persone di tendenza omosessuale che «non devono essere discriminate». Ma, ha sottolineato Erdo «emerge con altrettanta chiarezza che non è attesa una equiparazione di questi rapporti con il matrimonio tra uomo e donna». A presiedere i lavori sono i cardinali Andrè Vingt-Trois, francese, Antonio Luis Tagle, filippino, eDamasceno Assis, brasiliano, scelti da Bergoglio sulla base dell’indicazione democraticamente espressa dal Consiglio, a sua volta eletto.

Il Pontefice ha poi deciso di affidare direttamente al Sinodo la stesura del documento finale e non riservarla a se stesso (come è sempre avvenuto finora, quando l’assemblea approvava delle “propositiones” lasciando al Papa il compito di organizzarle e integrarle in una sua Esortazione Apostolica post-sinodale, pubblicata in genere due anni dopo l’assemblea). Questa decisione «è una novità», ha sottolineato il segretario generale del Sinodo, cardinale Lorenzo Baldisseri.

Nella conferenza stampa a conclusione dei lavori mattutini, monsignor Bruno Forte, segretario generale ha sottolineato che il Sinodo occorre farlo «con un approccio anche di tenerezza» perché parlare in astratto di divorziati risposati «può essere facile ma ci sono a volte bagagli di sofferenze... Se incontri queste persone, capisci le loro sofferenze e quindi servono tenerezza e misericordia nel dire la dottrina».

Fonte: "Il Secolo XIX" del 6 ottobre 2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.