Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il sogno familiare di Rosetta e Walter

Il sogno familiare di Rosetta e Walter

creato da webmaster ultima modifica 21/07/2016 14:11
di Marco Ventura - "Corriere della Sera” del 29 agosto 2012

C'è il ricorso di Rosetta Costa e Walter Pavan, una coppia di trentenni romani, all'origine della sentenza.

Con un figlio affetto da fibrosi cistica, si sono ribellati a chi nel 2004 ci pose ai margini della bioetica europea. Quando nacque loro un figlio affetto da fibrosi cistica, Rosetta Costa e Walter Pavan, i genitori che hanno fatto ricorso a Strasburgo, scoprirono di essere portatori sani della malattia. Non vollero però smettere di aver figli: avrebbero fatto come si fa in Francia e in Germania, in Portogallo e nei Paesi Bassi, in Gran Bretagna e in Grecia: generare embrioni in vitro, diagnosticarne lo stato di salute e impiantare gli embrioni sani in vista della gravidanza.

La legge 40 del 2004 sbarrava loro la strada.

Inutilmente nel 2005 dieci milioni di italiani avevano votato contro il divieto; grazie ai 37 milioni di astenuti il referendum era fallito. La coppia non si rassegnò ad una delle cinque vie lasciate aperte dalla legge italiana: non procreare più; adottare; rischiare di procreare nuovi figli affetti da fibrosi cistica; abortire in caso di feto malato; recarsi in Spagna, Belgio, Repubblica Ceca o Slovacchia, seguendo le orme di tanti italiani. I due portarono invece la loro battaglia a Strasburgo, battendosi per un diritto riconosciuto ovunque nell'Europa occidentale,
tranne in Austria e Svizzera. Ieri, un unanime collegio di sette giudici ha condannato l'Italia.

Secondo la Corte europea dei diritti dell'uomo, la coppia non rivendica, come sostenuto dal governo Berlusconi, un «diritto ad avere un figlio sano». Vuole piuttosto poter ricorrere alla medicina perché nasca un figlio non affetto da fibrosi cistica, restando sempre possibile ogni altra patologia. La richiesta dei genitori di accedere alla procreazione in vitro e alla diagnosi preimpianto, ha concluso la Corte, è protetta dal diritto al rispetto della vita privata e familiare sancito dalla Convenzione europea. Di qui la condanna a Strasburgo di quella che i giudici europei definiscono la «incoerenza» italiana: consentiamo l'aborto di un feto affetto da fibrosi cistica, ma vietiamo la selezione degli embrioni non colpiti da quella patologia; nel 2004 gli apprendisti stregoni nostrani hanno cucinato un diritto che imponesse a tutti la loro morale; ci ha collocato ai margini della bioetica europea, quel brodo di ipocrisie e incongruenze.

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.