Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il sinodo, la Chiesa e il ruolo delle donne. L’inizio di un nuovo cammino, di Riccardo Cristiano

Il sinodo, la Chiesa e il ruolo delle donne. L’inizio di un nuovo cammino, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/10/2018 10:10
Al sinodo sui giovani, che sta per cominciare, ci saranno anche delle donne, alcune suore, altre laiche, una delle quali sposata con un musulmano. È un fatto importantissimo…

Proprio l’imminente apertura del sinodo sui giovani offre l’opportunità di riflettere sulla portata dell’ecclesiologia di Papa Francesco. Un atto di nascita vero e proprio non c’è, ma certamente la lettera ai cattolici cileni dopo l’esplosione del caso pedofilia ha segnato un punto alto di chiarimento ed esposizione. In breve possiamo dire che il papa ha messo in chiaro che la Chiesa non è dei sacerdoti, ma di tutto il popolo di Dio. La stessa riforma liturgica del Concilio Vaticano II, superando l’idea del celebrante che dà le spalle ai fedeli per guidarli verso Dio, ha superato l’idea di un popolo che segue la casta sacerdotale.

La celebrazione è divenuta un fatto comunitario, tra ministro e fedeli. La ferma e reiterata denuncia del vizio del clericalismo significa questo: la Chiesa, come emerso chiaramente dal Concilio, è del popolo di Dio, sono tutti i battezzati “gli uniti del Signore”. Così oggi sappiamo che per Francesco i sacerdoti hanno un ruolo ministeriale, quello di governo può essere assegnato a loro come ai laici. E la presenza, finalmente, di un prefetto laico in Vaticano dice chiaramente cosa questo voglia dire.

Ora si registra un’altra importante evidenza. Al sinodo sui giovani, che sta per cominciare, ci saranno anche delle donne, alcune suore, altre laiche, una delle quali sposata con un musulmano: il suo matrimonio è stato celebrato alla presenza del vescovo. È un fatto importantissimo all’interno di una circostanza altrettanto importante: lei ha lasciato chiaramente intendere che le avrebbe fatto piacere se al sinodo fosse stato invitato suo marito, ed ha talmente ragione da rendere necessario ricordare quanti musulmani e cristiani non cattolici furono invitati al sinodo sul Libano da Giovanni Paolo II non lo scarso anno ma nel passato millennio. Furono scrupolosamente informati del documento finale ed ebbero il tempo di formulare le loro osservazioni. Ma non basta. Pochi mesi fa la Pontificia Commissione per l’America Latina ha affermato che la Chiesa di quel continente deve riconoscere e valorizzare il ruolo delle donne, ponendo fine alla pratica, largamente diffusa, di fare riferimento ad esse solo come lavoratrici sottomesse nelle parrocchie.

La notizia è stata riportata dall’Osservatore Romano l’11 aprile dedicato al tema “La donna, pilastro nell’edificazione della Chiesa e della società in America Latina”, scelto da papa Francesco. Lo scopo: liberare la Chiesa “dai pregiudizi, dagli stereotipi e dalle discriminazioni subiti dalla donna” e far sì che le comunità cristiane progrediscano verso una “conversione pastorale” capace di chiedere perdono per tutte le situazioni nelle quali “sono state e tuttora sono complici di attentati alla sua dignità”. Tutto questo va ricordato per capire il significato della presenza femminile, limitata, a questo sinodo: presenza che pone di tutta evidenza l’esigenza di ampliarne il numero e di prevedere anche per loro la possibilità di votare, cosa che i vecchi sistemi ancora impediscono. Ma se è comprensibile che la Chiesa voglia preservare e conservare la sua dottrina, per cui non possono esistere “sacerdotesse”, questa realtà rende evidente quanto il vecchio sistema sia superato, fuori dalla sensibilità dell’oggi, un fardello impensabile. Si può discutere di famiglia, di giovani e di tanti altri argomenti senza avere tra sé madri, figlie, spose, ragazze? È un’esigenza delle donne o un’esigenza della Chiesa? Non si tratta di cambiare chissà cosa… no. Si tratta di capire quanto l’ecclesiologia del Concilio sia stata recepita veramente, quanto la Chiesa voglia veramente essere Chiesa del popolo di Dio.

Il voto è uno strumento, non è un dato essenziale per la Chiesa e la sua natura. Ma se il sinodo dei vescovi è uno strumento collegiale e consultivo del papa, le cui deliberazioni ora possono entrare a far parte del magistero, è bene domandarsi se un’espressione continentale femminile, di suore e di laiche, non serva proprio a portare la dimensione di sinodo a organo consultivo del papa nell’ascolto della Chiesa del popolo di Dio. Non a caso l’associazione “Donne per la Chiesa” ha scritto alle donne invitate al sinodo: “Abbiamo appreso con gioia la notizia della vostra convocazione al prossimo sinodo sui giovani, siamo felici che l’assemblea sinodale sia arricchita dalla vostra esperienza e sensibilità e salutiamo con soddisfazione il fatto che avrete la possibilità di partecipare attivamente sia ai piccoli gruppi sia nei lavori dell’assemblea, portando la vostra parola. Siamo state però amareggiate nel constatare che le nuove regole del sinodo, pur prevedendo la possibilità di votare per alcuni laici (stabilizzando  quanto avvenuto già nel precedente sinodo sulla famiglia, con la partecipazione votante di un fratello religioso), non estendono tale possibilità alle donne, neppure alle religiose.”

Questi sono i processi che apre questo pontificato, le riflessioni che può legittimare, gli aggiornamenti che può sollecitare a cercare. Per questo è un pontificato che dà vita. E causa reazioni veementi. Fuori di qui infatti c’è il ritorno al clericalismo, una prospettiva che potrà soddisfare i nostalgici, chi crede nella società patriarcale, non una Chiesa che sta cercando un rapporto nuovo con gli uomini d’oggi, arricchendo la lezione di 50 anni fa.

https://formiche.net/2018/10/il-sinodo-la-chiesa-e-il-ruolo-delle-donne-linizio-di-un-nuovo-cammino/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.