Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il silenzio di Francesco parla ancora oggi, di Antonio Tarallo

Il silenzio di Francesco parla ancora oggi, di Antonio Tarallo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/10/2019 08:37
Riscopriamo il silenzio di Francesco...

Molto si è scritto, e molto si scriverà su quanto San Francesco abbia detto. E su quanto avrà da dirci. Ma, forse, sarebbe anche "utile" poterci soffermare sul silenzio di San Francesco.

La storia di Francesco è, forse, una delle biografie più conosciute, e più ammirate. Ma al contempo, anche fra le più travisate, trasformate e -a volte- anche tradite. Quello che rimane nella mente del fedele, o del semplice curioso delle "cose della Chiesa", o di Fede, è il consueto San Francesco, amante del Creato ("cum tucte le sue creature", tanto per citare il suo famoso Cantico), rivoluzionario (lo è stato, e molto), il poverello (certamente ha sposato con amore, Madonna Povertà). Ma, manca, in tutte queste sfaccettature del "personaggio" Francesco, una: quella di Francesco, amante del silenzio.

Quello del santo di Assisi, è un silenzio contemplativo, che detta parole ben chiare al suo cuore. Chiare, perchè in ascolto di Dio, soprattutto. E dell'Uomo. Nel leggere i suoi Scritti, e dunque stiamo parlando della sua chiara, netta e palese parola - che trovava nutrimento dalla e nella Parola - non è possibile non riflettere su quanto questi fossero frutto di profondo, interiore silenzio. La meditazione silenziosa, il dialogo intimo con Dio.

La famosa definizione di Celano, del "tutto preghiera" è, sicuramente, una delle espressioni più consone all'intero percorso spirituale e umano di frate Francesco. E la preghiera - si sa - è silenzio, e un viaggio nei fiumi dell'anima che sfociano, poi, in un oceano vasto, immenso: quello dello sguardo di Dio.

E' importante focalizzare, proprio oggi, questo dato che ci viene suggerito dalla profondità teologica di questo ragazzo d'Assisi che -seppur di "buona famiglia", come si suol dire, e quindi sicuramente di buoni studi - ancora oggi ci interroga con le sue parole, sulla nostra "condotta" spirituale, ma - oserei dire - ancor prima umana. 

Il silenzio, per Francesco, diviene un tempio in cui dimorare, in cui poter aprirsi al mondo, chiudendosi in sé stesso. 

E' l'ossimoro eterno del Divino: il Dio che si fa trovare, ma poi fugge, per essere rincorso ancora. Potremmo definirla, altalena di Dio. E noi, a cercarlo, per perderci, e in questo nostro perdersi, ritrovarsi. E ritrovare, così, Dio. 

Francesco, chissà quante volte avrà "giocato" a questo "serio jeu"? Sicuramente, lo avrà anche lui provato. In silenzio.

 

https://www.sanfrancescopatronoditalia.it/notizie/francescanesimo/il-silenzio-di-francesco-parla-ancora-oggi-46683#.XZbj6SOLREE

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.