Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il significato nuovo della sussidiarietà, di Giorgio Vittadini

Il significato nuovo della sussidiarietà, di Giorgio Vittadini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/11/2020 09:25
La parola “sussidiarietà” è ancora sconosciuta ai più, ma il suo valore non lo è. E in un momento drammatico come questo, sotto tanti punti di vista, ce n’è bisogno…

«Nessuna società è mai riuscita a creare prima un mercato o uno Stato e poi una comunità. È invece da una comunità forte e solidale che possono svilupparsi e funzionare Stato e mercato»: così ammoniva Jeremy Rifkin, sollevando uno dei principali problemi della contemporaneità, quello della rappresentanza di bisogni e interessi di società sempre più globalizzate e sottoposte a cambiamenti veloci e radicali, sia di tipo culturale, che economico e sociale.

Quello che sostiene Rifkin è particolarmente vero per il nostro Paese, la cui storia è stata soprattutto quella delle sue diverse comunità, o corpi intermedi, che hanno saputo organizzare risposte ai più disparati bisogni della popolazione, ben prima del formarsi dello Stato unitario. Ospedali, mutue, banche popolari, realtà di rappresentanza di diversi interessi, di educazione e protezione sociale sono stati espressione della capacità di iniziativa, dell’energia, della creatività di generazioni di persone che hanno affermato un “noi”, oltre che un “io” e hanno così migliorato le proprie condizioni di vita.

Da almeno un ventennio però la forza dei legami sociali si è indebolita ed è prevalso un modello di rapporto tra cittadino e istituzioni “disintermediato”, in cui è sembrato di poter fare a meno dei corpi intermedi. Una vera e propria campagna di discredito ha travolto infatti, non solo i partiti politici, ma anche realtà come i sindacati, le fondazioni bancarie, le cooperative.

In questo clima generale è arrivato il dramma della pandemia. Ed è stato subito evidente che le risposte non potevano arrivare solo dallo Stato o dal mercato. Ma soprattutto è stato naturale sentire che c’è una responsabilità personale da giocare, e che questa è parte fondamentale della propria identità. Un esempio per tutti – ma ce ne sono stati ovunque – quanto avvenuto a Bergamo, dove la Confartigianato, che aveva lanciato un appello aspettandosi una ventina di volontari, ne ha visti arrivare 250 il primo giorno e 175 quello dopo.

Ora, il bisogno di sussidiarietà, cioè di tornare ad avere una società vitale e propositiva, che la pandemia ha esaltato, è stato indagato da una recente ricerca realizzata da Ipsos (farà parte di un più ampio studio sui corpi intermedi curato da Fondazione Astrid e Fondazione per la Sussidiarietà).

L’indagine mostra un’inversione di tendenza nella percezione che gli italiani hanno dei corpi intermedi. Da un generale orientamento all’allentamento dei legami sociali e alla “disintermediazione” si è passati all’idea che il Terzo settore sia ormai indispensabile al buon funzionamento dello Stato sociale e dei servizi ad esso correlati. Quasi il 70% ritiene che sarà importante il ruolo delle associazioni e dei “corpi intermedi” nella ripartenza dell’Italia.

Mentre il 56% si ritiene deluso dalla democrazia e il 78,7% è favorevole al rafforzamento dei meccanismi di democrazia diretta, il mondo dell’associazionismo e del volontariato guadagna la fiducia della maggior parte degli intervistati. Il 41%, inoltre, ritiene che il compito principale dei corpi intermedi sia contribuire alla crescita e al benessere sociale dell'intero Paese; il 34% ritiene che sia supplire alle carenze delle politiche pubbliche e dei servizi pubblici; il 20% che sia sviluppare competenze e saperi sui temi specifici di cui si occupa l’ente.

La parola “sussidiarietà” è ancora sconosciuta ai più, ma il suo valore non lo è. E in un momento drammatico come questo, sotto tanti punti di vista, ce n’è bisogno.

* Presidente Fondazione per la sussidiarietà

https://www.ilsole24ore.com/art/il-significato-nuovo-sussidiarieta-ADMjdd2

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.