Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il ritorno dei talebani a Kabul: quali rischi?, di Giovanni Giacalone

Il ritorno dei talebani a Kabul: quali rischi?, di Giovanni Giacalone

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/08/2021 09:18
Tra i rischi di una riconquista talebana dell’Afghanistan vi è dunque in primis che il Paese possa tornare ad essere santuario e base per al-Qaeda, come già accaduto tra il 1996 e il 2001, ma anche per jihadisti delusi dalla sconfitta dell’ex Stato Islamico…

La drammatica uscita di scena statunitense dall’Afghanistan rischia di creare ripercussioni che vanno ben oltre i confini del martoriato Paese dell’Asia Centrale, coinvolgendo anche l’Europa. Una ritirata messa in atto con la fretta di chi evidentemente, dopo vent’anni, non vedeva l’ora di andarsene. Del resto, lo ha detto lo stesso presidente americano Joe Biden ieri sera durante un discorso frettoloso quanto la fuga statunitense da Kabul.

Un Biden apparso in difficoltà, nessuna domanda lasciata ai giornalisti presenti, un discorso breve, palesemente rivolto alla ricerca del consenso interno, fondato su pochi punti: 1- Gli USA sono in Afghanistan da 20 anni, non possono restarci in eterno; 2- Non possiamo e non dobbiamo combattere una guerra che gli stessi afghani non vogliono combattere; 3- Dovevamo sconfiggere il terrorismo e lo abbiamo fatto, l’obiettivo non era quello di ricostruire il Paese.

Biden ha poi fatto riferimento ai talebani come “insurgents” (insorti) invece che come “terroristi”, quasi a voler magicamente liberare gli “studenti coranici” da qualsiasi legame con jihadisti e qaedisti. Il Presidente è anche riuscito a ridimensionare il conflitto a “guerra civile afghana”, come se gli USA e l’Occidente non avessero avuto alcun ruolo negli ultimi vent’anni, sia nella distruzione che nella tentata ricostruzione del Paese (secondo il presidente USA quest’ultima non è mai stata obiettivo della missione).

Biden ha poi affermato che oggi i luoghi sensibili del terrorismo islamista sono altrove, non più in Afghanistan ed ha citato la Siria ed alcune aree dell’Africa, indicando la strategia delle azioni mirate di contro-terrorismo, anche in Afghanistan, nel momento in cui i talebani dovessero dar rifugio a terroristi.

Il presidente USA dimentica però la differenza tra aree specifiche ma limitate dove vi è presenza jihadista e veri e propri “Emirati” o “Califfati”, Paesi governati dai jihadisti, contesti in cui le azioni mirate servono poco. Basti pensare al “Califfato” di al-Baghdadi; i bombardamenti mirati sono serviti a poco o nulla e lo “Stato islamico” è crollato solo in seguito a una campagna militare russa che ha coinvolto sia le forze aeree che quelle di terra.

Tra i rischi di una riconquista talebana dell’Afghanistan vi è dunque in primis che il Paese possa tornare ad essere santuario e base per al-Qaeda, come già accaduto tra il 1996 e il 2001, ma anche per jihadisti delusi dalla sconfitta dell’ex Stato Islamico.

Vi è inoltre tutto l’aspetto propagandistico da non sottovalutare minimamente in quanto il ritorno dei Talebani verrà certamente celebrato dalla galassia jihadista come un “segno divino” dopo il crollo del progetto di al-Baghdadi ed ancor più come una grande vittoria dell’Islam contro Stati Uniti ed Occidente nonostante un’invasione e vent’anni di occupazione. Questo tipo di propaganda, molto potente, potrebbe riaccendere gli animi di molti islamisti e spingerli all’azione.

Non è certamente automatico che i talebani aprano le porte al jihadismo internazionale, andrebbe contro i loro quantomeno iniziali interessi, ma al-Qaeda è già diffusamente presente in Afghanistan e l’arrivo dei talebani a Kabul rappresenta una rivincita per l’organizzazione jihadista messa in ombra per diversi anni dall’Isis, ma ora pronta a sfruttare le condizioni favorevoli a un rilancio a livello internazionale.

E’ dunque possibile che l’Afghanistan talebano diventi anche una base jihadista da dove organizzare attentati in Europa?

Certamente, la possibilità è concreta, come già illustrato da Petter Nesser nel suo libro “Islamist terrorism in Europe”, dove cita non solo le interazioni tra reti terroristiche in Europa e basi in Afghanistan e nella zona tribale pakistana, ma indica anche campi di addestramento jihadisti come quelli di Derunta, al-Faruq e Khalden, dove sono passati numerosi individui poi finiti al centro di trame terroristiche in Europa.

Vi è poi tutta la problematica relativa ai profughi in fuga verso un’Europa che è già seriamente in crisi a causa dei continui arrivi dalla rotta Mediterranea e quella Balcanica. La Turchia è ben al corrente di tutto ciò e forse non è un caso che ha già deciso di accogliere migliaia di rifugiati afghani. Altra “bomba migratoria” con cui ricattare l’UE, senza contare quelli che verranno trasferiti nei Paesi balcanici.

Ovviamente nessuno può garantire che tra questi profughi non vi siano anche potenziali terroristi pronti ad infiltrarsi in Europa per organizzare reti ed eventualmente perpetrare attacchi. Non sarebbe certo la prima volta, ormai.

Attenzione poi al Pakistan, Paese che da sempre sostiene i talebani con il proprio esercito e il proprio servizio di intelligence, l’ISI, come già denunciato da Human Rights Watch.

A fine luglio numerose fonti indicavano il sostegno del Pakistan ai talebani nella provincia di Nagarhar, nei distretti di Achin, Pacher, Agham ed anche il trasferimento di talebani e jihadisti feriti presso il Jailani Hospital di Quetta e l’Hayatabat Medical Complex di Peshawar. I talebani avrebbero anche trovato rifugio in territorio pakistano per sfuggire all’offensiva dei militari afghani.

Del resto, non è certo un segreto che Usama Bin Laden era nascosto proprio nella città pakistana di Abbottabad, a poche centinaia di metri da una delle più grandi basi militari del Pakistan.

I talebani hanno riconquistato il Paese da dove vennero lanciati gli attacchi dell’11 Settembre e dopo vent’anni di presenza siamo punto e a capo.

https://www.itstime.it/w/il-ritorno-dei-talebani-a-kabul-quali-rischi-by-g-giacalone/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.