Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il ritorno al Nuovo Testamento, di Alberto Custodero

Il ritorno al Nuovo Testamento, di Alberto Custodero

creato da webmaster ultima modifica 18/09/2015 13:55
Nel giro di tre decenni i fedeli italiani della "Chiesa di Gesù e dei Santi degli ultimi giorni" sono passati da 9mila a quasi 30 mila (sono oltre 15 milioni in tutto il mondo) e hanno deciso di far sorgere il più grande tempio d'Europa proprio nella capitale del cattolicesimo. Sarà inaugurato il prossimo anno per festeggiare il cinquantenario dell'inizio dell'attività missionaria nel nostro paese. Sorretta da un fiume di denaro, stimato in 10 miliardi di dollari l'anno

 


 

ROMA - I mormoni non solo sfidano i "rivali" cattolici sul campo teologico, volendo restaurare la Chiesa cristiana così come era stata organizzata da Gesù ai tempi del Nuovo Testamento. Ma anche a colpi di Templi.
I seguaci della "Chiesa di Gesù e dei Santi degli ultimi giorni" stanno infatti edificando a Roma il centro di culto più grande d'Europa.

Difficile non notare l'enorme cantiere raggiungendo la Capitale da nord, via Autosole, appena passato il Grande Raccordo Anulare, lungo il tracciato dell'antica Via Francigena che conduceva i pellegrini nella Città Eterna.

Deviando in via di Settebagni lo si trova incastonato in un'area di 60mila metri quadri tra l'Agenzia delle Entrate e il centro commerciale Porta di Roma.
Per l'esattezza, è a 18,2 chilometri dal simbolo del cattolicesimo nel mondo, la basilica di San Pietro.
Sarà inaugurato il prossimo anno, data non casuale il 2015, visto che cadrà nel cinquantenario dell'inizio dell'attività missionaria mormone in Italia. Un'attività che ha portato i fedeli a crescere dagli appena 1.400 del 1970 agli attuali quasi 30 mila.

Per l'esattezza, secondo i dati del ministero dell'Interno e dell'Enciclopedia delle religioni in Italia di Massimo Introvigne, la Chiesa mormone è strutturata oggi in 99 congregazioni, 7 "pali" (più o meno l'equivalente delle diocesi) e 5 distretti, per un totale di poco meno di 30.000 membri, duemila dei quali a Roma.

 

Leggi tutto l'articolo >>>

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.