Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il razzismo strisciante e un prete che invita a sparare, di Rocco D’Ambrosio

Il razzismo strisciante e un prete che invita a sparare, di Rocco D’Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 09/08/2017 14:29
Un intervento del nostro direttore, Rocco D'Ambrosio, su Repubblica Bari, sul tema dell'accoglienza e della lotta al razzismo negli ambienti ecclesiali...

 

Era l’otto agosto del 1991: nel porto di Bari sbarcano 20.000 albanesi; il 7 marzo a Brindisi ne erano arrivati 27000. A Bari ad accoglierli, tra tantissime difficoltà, c’erano le forze dell’ordine, i volontari, le autorità, in particolare i vescovi Bello e Magrassi. Parte da quel periodo la storia recente dell’accoglienza dei migranti in Puglia. Quasi trent’anni che hanno visto luci e ombre su cui è imperativo morale riflettere. Le luci: una straordinaria capacità di pronto intervento, mobilitando operatori, risorse e mezzi senza nessuna remora; un’attenzione costante delle istituzioni pubbliche al fenomeno migratorio; una lenta trasformazione da mentalità chiusa e egoista a mentalità aperta e accogliente, un po’ più saggiamente globale. Le ombre: il razzismo e le tante forme di chiusura crescenti; i luoghi comuni sciocchi e infondati sulle migrazioni; lo scaricabarile nell’assumersi le responsabilità dell’accoglienza e dell’inserimento dei cittadini stranieri; il leghismo in salsa meridionale, ottuso quanto ridicolo; la resistenza di alcuni settori culturali e politici – quali pezzi di sinistra e ambiente cattolico – a promuovere e testimoniare accoglienza e solidarietà. Fino ad avere politici di sinistra che sono più razzisti di altri o pastori cattolici che predicano contro i migranti. In questo quadro, per quanto possa fare notizia, un prete che invita a “sparare sui migranti” deve indurci a un’analisi un po’ più ampia.

Esiste anche nelle nostre terre una forma di fede cattolica, che è “refrattaria al Vangelo”, direbbe Sturzo. E’ quella pseudo religiosità nutrita di ideologie destrorse e razziste e di una religiosità popolare che ha più di magico e superstizioso che di autentica devozione. Riguardo alla ideologizzazione della fede: la tendenza è presentare un sapere compatto, indiscutibile, che è distintivo della propria identità proprio perché viene accettato in toto e senza discutere; che non permette domande e non tollera dubbi o sottolineature diverse; che mortifica la ricerca intellettuale in schemi rigidi e sterili. Sulla religiosità popolare: se la devozione popolare non è autentica riduce la fede a spettacolo liberatorio; preferisce un dio usato come dispensatore di guarigioni e non Dio Padre; insegue gli atti magici, con richieste di denaro per creare vere e proprie imprese a fine di lucro, spesso anche mafiose.

Su queste derive cattoliche, tutti, pastori e laici credenti, abbiamo il dovere, secondo le personali responsabilità, di dichiarare che tutto questo è negazione del Vangelo di giustizia e pace. Dalle prime comunità cristiane a don Tonino Bello, dai santi della carità a papa Francesco la linea è sempre la stessa, cioè quella del Buon Samaritano, che soccorre, a prescindere da fede e cultura del malcapitato o povero. Essere cristiani vuol dire farsi prossimo: questo non è un invito, ma è una opzione fondamentale; chi la nega non è cristiano. Ci sono, invece, anche in Puglia, pastori e fedeli cattolici, che hanno creato, culturalmente e praticamente, una zona ambigua in cui si tenta di conciliare gli impossibili: cristianesimo e nazi-fascismo, accoglienza e razzismo, carità e rifiuto, condivisione e lusso sfrenato e cosi via. Qualche NO in più (con conseguenti provvedimenti disciplinari), specie da parte della gerarchia cattolica, non guasterebbe. Sulle banchine del porto di Bari – me lo ha raccontato il magistrato Nicola Magrone – don Tonino Bello e padre Mariano Magrassi non discutevano di politiche migratorie e aiuti agli italiani o agli stranieri. Semplicemente si “struggevano”, con il cuore e la mente, per trovare una soluzione alle migliaia di persone che stavano sbarcando. Perché questa è la fede cristiana: non inneggiare a chi nega la dignità del povero e bisognoso, ma rimboccarsi le maniche per far sentire a casa chi fugge per fame di pane o libertà. Non a caso don Tonino ripeteva: “non sono i coperti che mancano sulla mensa; sono i posti in più che non si vogliono aggiungere a tavola”.

 

Fonte: Repubblica Bari, 9 agosto 2017, pp. I e V

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.