Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il rabbino argentino Skorka: il dialogo, missione del leader religioso, di Lucia Capuzzi

Il rabbino argentino Skorka: il dialogo, missione del leader religioso, di Lucia Capuzzi

creato da D. — ultima modifica 25/09/2015 11:15
Digiuno e preghiera per la Siria...

«A volte mi chiedo perché Dio abbia creato la terra rotonda. Allora mi rispondo che la terra è una sfera in cui tutti i punti si equivalgono. Non c’è un punto privilegiato, c’è solo uguaglianza». Oltre a rabbino – tra i più noti della comunità ebraica argentina – e credente, Abraham Skorka si definisce «umanista». «Perché non si può onorare Dio se non si onora colui che Lui ha creato a sua immagine e somiglianza: l’uomo. Ogni uomo. Ognuno di noi porta dentro una scintilla del fuoco divino. Per questo la Bibbia dice: non essere indifferente al sangue del tuo prossimo». Da qui, “l’ossessione” del rabbino Skorka per la pace. «La parola ebraica “shalom” probabilmente deriva da “shalem” che significa ciò che è completo. Solo nella pace, nell’incontro con l’altro, nel dialogo, l’uomo trova la sua dimensione compiuta», spiega. Un tema di cui spesso il leader religioso ha discusso nei lunghi pomeriggi bonarensi insieme al suo «amico arcivescovo» ovvero l’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio, ora papa Francesco. Non ha certo stupito Skorka, dunque, il forte appello lanciato dal Pontefice nell’Angelus di domenica per la fine delle violenza in Siria. E l’invito a pregare per la pace. «Un’esortazione che sottoscrivo appieno. Questa sera, per noi ebrei comincia la festa di “Rosh haShana”, il nostro capodanno religioso. Che dura dieci giorni: un periodo in cui l’intera comunità riflette e prega per la pace. Data la tremenda situazione mediorientale, è ovvio che la Siria sarà al centro delle nostre intenzioni».

Non deve essere facile per gli ebrei d’Argentina vedere le immagini che arrivano da Israele: famiglie che comprano le maschere anti-gas nel timore di una rappresaglia di Assad...
È duro e terribile. Ci addolora il terrore dei nostri fratelli israeliani. Allo stesso modo, ci lascia sgomenti la sofferenza di qualunque uomo. La morte di ogni essere umano ci riguarda direttamente. Come potrebbe essere diversamente dato che adoriamo il Dio della vita? Per questo, mi identifico totalmente con il messaggio di papa Francesco.

Crede che questo appello possa contribuire a frenare l’escalation?
Non ho dubbi: il Papa è un leader mondiale, molti devono fare i conti con le sue parole... La missione dell’uomo religioso è quella di impegnarsi per la pace. In modo concreto. E i leader religiosi devono trasmettere questo messaggio e promuovere il dialogo. Altrimenti si cade in quello spiritualismo tanto criticato proprio dal cardinal Bergoglio durante i nostri incontri. O peggio nell’idolatria. L’arroganza, la sete di potere, di denaro, la voglia di supremazia, il fanatismo, sono tutti idoli che ci allontanano dal Signore. Se i credenti nel Dio della vita, cioè ebrei, cristiani e islamici, si uniscono nell’impegno di costruire pace – che non vuol dire annullare le differenze ma ricomprenderle in un’unità più ampia, quella di riconoscersi fratelli – la realtà in Siria, in Medio Oriente, ovunque in questo mondo martoriato può davvero cambiare.

Un intervento armato può risolvere la crisi siriana?
Sono profondamente convinto di una cosa. Quello che non si risolve con il dialogo, semplicemente resta irrisolto. Non ci sono altri mezzi. Le soluzioni raggiunte con guerra portano nel breve a nuovi conflitti. Perché implicano l’annullamento dell’altro. Il dialogo, invece, crea incontro, attraverso un progressivo arretramento dei due contendenti dalle loro posizioni originarie. La morte genera morte. La parola dà vita. Nella Genesi, il rapporto tra Dio e l’uomo inizia con il “disse” pronunciato dal Creatore verso la sua creatura. A nessun altra, prima, Dio si era rivolto in questo modo.

 

fonte: http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/rabbino-argentina-skorka-.aspx, 4 settembre 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.