Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il primo Papa economista tra esigenze reali e vincoli dell’economia, di Antonio Troisi

Il primo Papa economista tra esigenze reali e vincoli dell’economia, di Antonio Troisi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/10/2018 08:59
Papa Francesco sostiene che il Vangelo non è un’utopia ma una speranze reale anche per l’economia che occupa un posto importante nella riflessione della Chiesa...

Papa Francesco sostiene che il Vangelo non è un’utopia ma una speranze reale anche per l’economia che occupa un posto importante nella riflessione della Chiesa, essendo una componente vitale per ogni società. E’ questo il primo Pontefice a dimostrare che la scienza economica non è l’ostacolo più forte alla trasformazione della fede-speranza cristiana nel tempo moderno. In tal modo supera la convinzione, ancora diffusa, che non nega la fede ma, piuttosto, semplicemente la sposta su di un altro livello, quelle delle cose solamente private ed ultraterrene e, pertanto, irrilevante, anzi del tutto inutile per il mondo.

Questa tesi presenta due importanti connotazioni:

1) La crisi dello schema classico mercato /società

Viene sottolineata la necessità di superare lo schema dell’economia classica, ancor oggi parte integrante dell’orizzonte culturale della nostra società, che pone al centro del fenomeno economico/sociale l’individuo, isolato come Robinson Crusoe, inteso solo a soddisfare le proprie esigenze nella migliore delle maniere senza alcuna considerazione degli altri. Del resto, in antitesi a quanto erroneamente imputato, nè Smith né Marshall ritengono di poter prescindere dalla considerazione dell’individuo come membro di un organismo sociale e, conseguentemente, dall’attribuzione allo Stato del ruolo di garante di un mercato che esalti le virtù civili. Aggiungasi, inoltre, la presa d’atto da parte di un numero crescente di economisti dell’incapacità dello schema positivista di far presa sui nuovi problemi che tormentano la nostra società: dalla salvaguardia ambientale. alle ineguaglianze sociali in aumento, e così via.. .

2) Implicazioni nella società moderna

Questa maggiore vicinanza alle reali caratteristiche del sistema economico supera anche l’idea centrale dello schema positivista per il quale la ricerca dell’interesse personale si trasforma automaticamente e magicamente in bene comune.

Se riusciamo a ragionare diversamente da Pinocchio che attende dalla moltiplicazione dello zecchino sotterrato la realizzazione dei propri sogni, è facile riconoscere che gli obiettivi privati si trasformano in finalità dello Stato, uscendo dal chiuso dell’economia del singolo individuo con un complesso processo che esclude ogni automatismo. In altri termini è costituito non dalla somma aritmetica dei bisogni individuali ma dalla somma algebrica di quantità positive e negative, cioè del bisogno positivo che sentono alcuni perché un certo servizio pubblico sia prodotto e del bisogno negativo che sentono altri perchè quel servizio pubblico non sia prodotto oppure lo sia in misura diversa di come lo vorrebbero altri.

Di conseguenza alla classe governante tocca il difficile compito di effettuare questa complessa somma algebrica componendo i contrasti d’interesse con dei coefficienti di ponderazione che le consentano di anteporre certe esigenze ad altre. Se i coefficienti di ponderazione sono sbagliati la minoranza recalcitrante diventa maggioranza.

Una risposta importante a questa esigenza e data dal personalismo comunitario legato alla concezione della persona umana soggetto di diritti ma anche di doveri inalienabili. In altri termini ,proprio questo nesso inscindibile tra diritti e doveri, tra valutazioni positive e negative rappresenta un prezioso coefficiente di ponderazione capace di compiere la difficile operazione algebrica della composizione degli apprezzamenti antagonistici dei vari gruppi ed individui, allargando il respiro di una società che oggi appare divisa ed incapace di interpretare le nuove esigenze ed i nuovi problemi.

E una divisione diversa da quella della metà del secolo scorso: la società non è più divisa in due blocchi che si fronteggiano minacciosi ma, per la sua sopravvivenza , deve prendere atto che la somma algebrica necessaria per la composizione dei contrasti d’interesse che determinano i fini dello Stato, è resa particolarmente difficile dalla distribuzione di potere realizzata dal progresso tecnico, dal fenomeno dei corpi intermedi e dal processo di globalizzazione che ha abbattuto i confini nazionali.

In conclusione il coefficiente di ponderazione dei contrasti d’interesse se identificato nell’orizzonte del personalismo comunitario, muove da un'ottica più vicina alle reali caratteristiche dei fenomeni economici. Pertanto può contribuire ad evitare che, il rapporto mercato-società abbia in sè il germe di una stridente contraddizione tra lo Stato e l'economia della Nazione come se fossero persone distinte, espressione d'interessi contrapposti.

*Docente di scienze della finanza, Foggia

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.