Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il potere è uno spazio inquieto, di Rocco D'Ambrosio

Il potere è uno spazio inquieto, di Rocco D'Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 20/05/2021 09:46
Per gentile concessione dell’editore Castelvecchi pubblichiamo una parte dell’introduzione del nuovo libro (che esce in contemporanea anche in spagnolo) di Rocco D’Ambrosio, docente di Filosofia politica, dove si affronta il potere dal punto di vista antropologico ed etico: chi esercita il potere è prima di tutto uomo o donna, con tutto il suo carico fisico, intellettuale ed emotivo…

Capire ed esercitare il potere è esperienza per persone mature, umanamente e professionalmente adulte e, tale esperienza, può senza esitazione essere definita un’impresa ardua. Lo è perché i suoi sentieri sono traversi, indiretti e tortuosi, come fa dire Shakespeare a Enrico IV, quando si appresta a trasmettere il regno a suo figlio:

«Iddio sa, figlio mio,
per quali sentieri traversi, e per quali vie indirette e tortuose,
io sia pervenuto a questa corona.
Ed io medesimo so anche troppo bene
quanto inquieta ha posato sul mio capo».

Le corone inquiete pesano sulle teste di coloro che detengono il potere, creano problemi a coloro che si rapportano ad esso, lasciano spesso senza parole coloro che cercano d’interpretarlo. Il potere, infatti, ha in sé un fondo d’inquietudine, che turba, sia chi lo vive per realizzare giustizia e pace, sia chi, come il personaggio shakespeariano, ha usato tanti trucchi, astuzie e delitti per ottenerlo e, ne continua ad usare, per conservarlo.

Certo l’inquietudine non è la sola caratteristica del potere: ce ne sono diverse altre e vanno sempre studiati aspetti della scena e degli attori, ciò che si nasconde dietro la scena o, meglio, al vissuto di chi la attraversa, specie nei suoi aspetti formativi. Il legame intrinseco tra l’essere del leader e dei membri dell’istituzione o gruppo, il loro bagaglio formativo porta a comprendere quanto la validità delle analisi sul potere sia strettamente connessa alla loro spendibilità in campo educativo. Esse non sono pure analisi tecniche, che mirano al miglior funzionamento delle istituzioni, né tanto meno un machiavellico vademecum per ottenere e conservare il potere. Detto altrimenti, il capire il potere deve essere di aiuto a chi si occupa e preoccupa di formare i leader e i collaboratori, a cui questi fa riferimento e, attraverso questi, portare un contributo valido al vivere bene di tutti.

La forza e l’efficacia di ogni studio sul potere è strettamente dipendente dall’attenzione al dato antropologico ed educativo: genitori, educatori, insegnanti, politici, magistrati, dirigenti d’azienda o di pubblica amministrazione, sindacalisti, responsabili di comunità di fede religiosa, di associazioni o organismi nazionali o internazionali, leader di una qualsivoglia comunità sono spesso classe dirigente di basso profilo, perché hanno ricevuto una formazione insufficiente. 

Ciò significa che bisogna ritornare a scommettere sulla formazione personale, sociale, comunitaria e politica, in tutte le agenzie educative – famiglia, scuola, università, partiti, associazionismo, comunità di credenti – privilegiando la qualità alla quantità, sia di contenuti che di strategie. Una valida formazione non solo abbassa il livello di inquietudine e di paura in tutti, leader e non, ma risana il potere, circoscrivendolo entro i confini che gli sono propri.

Lo studiare il potere, il formarsi per esercitarlo, il verificare continuamente la sua qualità umana ed etica, ci portano a prendere sempre più coscienza di quanto il potere sia una parabola umana per eccellenza. O di quanto, per mantenere il linguaggio teatrale, il potere sia, a seconda dei casi, tragedia o commedia nella vita di ogni persona umana; rappresentazione comunque profonda, pregnante, rivelatrice, affascinante.

Tutto quello che abbiamo vissuto finora, in piena pandemia, ha prodotto meno danni dove i responsabili delle varie istituzioni, con la collaborazione dei cittadini, sono stati persone mature umanamente ed eticamente, sufficientemente competenti e disposte a farsi aiutare, e risolvere le varie emergenze, da scienziati ed esperti. Ma ha prodotto più danni dove i responsabili sono stati immaturi, riprovevoli dal punto di vista etico e incompetenti. E tante sono state le domande, che in piena crisi, ci siamo posti sul senso del potere. Per diverse di esse questo saggio offre una risposta.

Il tentativo di rispondere alle domande fondamentali sul potere non appartiene, quindi, solo alla ricerca scientifica, ma anche alla vita quotidiana, alla semplice esperienza che ognuno di noi ha nelle varie istituzioni in cui è inserito, da quelle più semplici come la famiglia o una piccola associazione a quelle più complesse come aziende, scuole, università, associazioni, comunità di credenti, sindacati, partiti politici, strutture burocratiche, organismi nazionali ed internazionali. Ovunque s’incontrano forme di potere.

Le riflessioni del saggio sono divise in tre capitoli: 1. La natura del potere; 2. Nelle mani di chi ha potere; 3. Lontani o vicini al potere. È un itinerario che vuole prima di tutto precisare alcuni contenuti fondativi dal punto di vista teorico, e poi passare ad analizzare la prassi concreta di coloro che detengono un potere nelle varie istituzioni, per concludere con uno sguardo a coloro che affiancano e si relazionano frequentemente ai leader. Ovviamente senza la pretesa di essere esaustivi in materia così complessa e delicata: il potere, infatti, è veramente una scena inquieta. 

https://formiche.net/2021/05/dambrosio-libro-castelvecchi-potere/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.