Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il populismo della Silicon valley, di Evgeny Morozov

Il populismo della Silicon valley, di Evgeny Morozov

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/02/2021 18:01
Nel capitalismo globale di oggi, stretto tra Wall street e la Silicon valley, il populismo delle piattaforme promette di contenere il capitalismo scatenandolo in forme ancora più selvagge…

La vicenda legata alle azioni dell’azienda di videogiochi GameStop è l’inatteso seguito dei disordini al Campidoglio di Washington del 6 gennaio: in entrambi i casi un’orda inferocita di persone assuefatte ai social network ha preso d’assalto le istituzioni più sacre dell’establishment. I rivoltosi di Washington, tuttavia, sono stati condannati da tutti, mentre i leader della crociata virtuale contro Wall street sono stati accolti in modo più positivo. Questo perché il settore dei fondi speculativi ha una cattiva reputazione.

C’è un altro motivo, tuttavia, dietro al plauso riservato all’iniziativa dei piccoli azionisti: molti di noi sono incantati dalla retorica della democratizzazione che ha accompagnato l’ascesa delle piattaforme per investire in borsa a basso costo. Una di queste, la Robinhood, ha fornito l’infrastruttura digitale per mettere in piedi la ribellione di GameStop. La missione della Robinhood è “democratizzare la finanza”. 

L’azienda vuole essere vista come una forza rivoluzionaria nella Silicon valley. La retorica della democratizzazione usata dalla Robinhood fa pensare più ad aziende come Uber, Airbnb e WeWork. Queste aziende digitali hanno promesso di democratizzare qualcosa: trasporti, ospitalità, spazio per gli uffici. Poco dopo essere nato, questo settore non ha più avuto limiti, scatenando una corsa globale alla democratizzazione di attività come il dog sitter, il baby sitter e il bucato.

La campagna globale per la democrazia è stata combattuta usando come armi i fondi che investono in capitali a rischio. Ma il desiderio di democratizzare ogni cosa è stato alimentato anche da fulgidi esempi di democrazia liberale come l’Arabia Saudita: alleandosi alla giapponese SoftBank, il governo saudita ha alimentato il mito della democratizzazione, riversando miliardi di dollari in aziende come Uber e WeWork. L’afflusso di denaro, insieme a modelli d’affari innovativi che hanno reso alcuni servizi un tempo a pagamento teoricamente gratuiti, ha creato un’illusione di progresso e mobilità sociale.

Piattaforme capitaliste
L’inevitabile processo di democratizzazione, sbandierato da tutte le piattaforme come prova del loro progressismo, è stato semplicemente una questione di calcolo numerico. In casi come quello della WeWork (il cui valore l’anno scorso è crollato da 47 a 2,9 miliardi di dollari) i calcoli non tornano neanche. Resta da vedere se la Robinhood, che il 29 gennaio ha racimolato di corsa un miliardo di dollari per restare a galla, sarà più fortunata. Nella maggior parte dei casi le promesse di democratizzazione, tuttavia, hanno reso simili calcoli irrilevanti. Questo spiega perché il settore tecnologico viene visto come il principale diffusore del populismo in tutto il mondo.

Mentre tutti avevano gli occhi fissi sul ruolo di Trump, rozzo e nativista, ci è sfuggito quello delle aziende tecnologiche nell’ascesa di un altro tipo di populismo: sofisticato, cosmopolita, urbano.

Nato nella Silicon valley, il “populismo delle piattaforme” ha portato scompiglio nelle forze reazionarie che ostacolano il progresso. È alimentato dalla teoria che il mondo non è quello che sembra: le aziendetaxi, alberghi, fondi speculativi – hanno cambiato le regole del gioco per favorire i propri interessi. Solo danneggiando le aziende si può sperare di trarre dei benefici dalle tecnologie digitali.

Nel capitalismo globale di oggi, stretto tra Wall street e la Silicon valley, il populismo delle piattaforme promette di contenere il capitalismo scatenandolo in forme ancora più selvagge. Il tutto per il bene dell’umanità. Poco importa che i soldi persi dai disprezzati fondi speculativi potrebbero appartenere a dei fondi pensione e altrettanto irrilevante è il fatto che buona parte della rigidità delle aziende predigitali esistenti sia dovuta al fatto che seguono le regole degli stati democratici (anche se capitalisti). Così, nell’universo capovolto del populismo delle piattaforme, smantellare le regole democratiche sottoponendole alla pressione della competizione capitalistica diventa una prova solida di democratizzazione.

Anche il fatto che buona parte della retorica del populismo delle piattaforme sia falsa, e che i vincitori finali saranno la SoftBank o l’Arabia Saudita, non importa. Questo populismo, privo di una sua ideologia coerente, è una questione di processi, non di risultati. Vuole dimostrare che, nonostante le macchinazioni dei burocrati governativi, la nostra capacità d’azione individuale è ancora viva. Questo è il suo obiettivo, certo non quello di portare a termine un programma politico di lungo periodo.

Molti degli attivisti che hanno preso di mira i fondi speculativi sono consapevoli che i guadagni sono temporanei. Ma chi gli può negare il piacere di riaffermare la loro capacità d’azione attaccando il sistema, sapendo che gli unici a trarne vantaggio a lungo termine saranno altri fondi speculativi?

https://www.internazionale.it/opinione/evgeny-morozov/2021/02/14/populismo-silicon-valley

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.