Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il Papa, l’Unione europea e il progetto sui flussi migratori dei sindaci di frontiera, di Francesco Lepore

Il Papa, l’Unione europea e il progetto sui flussi migratori dei sindaci di frontiera, di Francesco Lepore

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/09/2020 17:44
L’udienza in Vaticano di una delegazione internazionale guidata dal sindaco di Lampedusa e il piano per dare una risposta più umana e coordinata al problema, perché le sfide contemporanee non si possono risolvere senza soluzioni condivise…

Le migrazioni contemporanee, accomunate dal carattere di globalità da leggersi nell’ottica dell’interdipendenze, sollevano sfide molteplici, che interpellano tutti ed esigono nuove risposte secondo il duplice binario della «solidarietà concreta» e della «responsabilità condivisa». Questi i punti chiave del discorso che Papa Francesco ha indirizzato, il 10 settembre, alla delegazione europea di Snapshots from the Borders, guidata dal sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello. 

Si tratta di un progetto triennale, che, cofinanziato dalla Ue e gestito da 35 partner tra autorità amministrative di confine e organizzazioni civiche, mira a rafforzare una nuova rete orizzontale tra le città liminari dell’Unione che affrontano direttamente i flussi migratori e a promuovere una più efficace coerenza delle politiche a livello europeo, nazionale, locale.

«Progetto lungimirante»: così l’ha definito lo stesso Bergoglio in Sala Clementina (la cui udienza alla delegazione era stata annunciata in anteprima da Linkiesta il 17 agosto scorso), che ha ricordato come esso «si proponga di promuovere una comprensione più profonda della migrazione, che permetta alle società europee di dare una risposta più umana e coordinata alle sfide delle migrazioni contemporanee. La rete di autorità locali e organizzazioni della società civile, che da questo progetto è nata, si prefigge di contribuire positivamente allo sviluppo di politiche migratorie che rispondano a questo fine». 

In un tale scenario, secondo il pontefice argentino, a svolgere un ruolo di primaria importanza sono innanzitutto le diverse comunità di frontiera, i cui abitanti «sono chiamati ad essere i primi attori di questa svolta, grazie alle continue opportunità di incontro che la storia offre loro. Le frontiere, da sempre considerate come barriere di divisione, possono invece diventare finestre, spazi di mutua conoscenza, di arricchimento reciproco, di comunione nella diversità; possono diventare luoghi in cui si sperimentano modelli per superare le difficoltà che i nuovi arrivi comportano per le comunità autoctone».

Non a caso i sindaci di frontiera costituivano il grosso della delegazione ricevuta giovedì scorso da Francesco al Palazzo Apostolico. In prima fila il citato Totò Martello, la cui Lampedusa è divenuta icona e simbolo delle sfide migratorie internazionali e dell’imprescindibile accoglienza di una comunità liminare mai sorda al grido di un’umanità martoriata e dolente. E, poi, i sindaci Andrej Kavšek (Crnomelj – Slovenia), Saša Arsenovič (Maribor – Slovenia), Josef Azzopardi (Marsa – Malta), Matteo Ricci (Pesaro – Italia), Martial Beyaert (Grande-Synthe – Francia), Andreas Babler (Traiskirchen – Austria), nonché il vicesindaco austriaco di Straß in Steiermark, Johann Lappi. 

Insieme con loro Paolo Patanè, direttore generale del Coordinamento dei Comuni Unesco Sicilia e responsabile dell’Advocacy nazionale del progetto Snapshots from the borders (già presidente di Arcigay nazionale dal 2010 al 2012), e lo scalabriniano Fabio Baggio, sottosegretario del Dicastero per il servizio dello Sviluppo umano integrale, curiale tra i più autorevoli in materia migratoria, che ha fatto da trait d’union tra i “sindaci di frontiera” e Oltretevere. 

«Un incontro straordinario quello con Papa Francesco e assolutamente denso di contenuti, soprattutto per la definizione di una nuova possibile chiave di lettura dei fenomeni migratori – esordisce così Patanè nel commentare l’udienza papale del 10 settembre – La fragilità e le interconnessioni del mondo globale, e la pandemia da Covid-19 ce lo ricorda, descrivono nodi problematici che non si sciolgono senza interdipendenze delle soluzioni e, quindi, senza soluzioni coordinate e condivise. Il Papa è stato netto nel sottolinearlo e in buona sostanza ha teorizzato un possibile approccio in tre punti». 

Ossia – come osserva il raffinato intellettuale catanese –, in primo luogo, «il superamento della fase dei conflitti internazionali, che generano le tragedie che ben conosciamo nei differenti teatri di guerra e che, senza nulla mai risolvere, producono quell’emorragia di umanità in fuga che sostanzia la parte più drammatica dei flussi migratori. Secondo, un impegno globale a una soluzione condivisa che superi l’inutile e pericolosa frammentazione degli approcci a un fenomeno imponente. Terzo, il varo di un neo umanesimo che non sia una mera visione filosofica ma che si traduca in uno stile di vita quotidiano. Su un piano pratico mi sembra che questo significhi, innanzitutto, un ritorno della riflessione alla questione della pace: reputo che ciò sia da considerarsi come il consolidamento di un percorso, che il Papa ha iniziato con la Conferenza dei vescovi e patriarchi del Mediterraneo del 23 febbraio scorso, non a caso espressamente da lui menzionata giovedì scorso». 

Per Patanè, altro punto fondamentale del discorso bergogliano alla delegazione europea «è quello relativo alla dimensione umana dei fenomeni migratori, perché esso ricomprende non solo la disperazione di chi fugge ma anche le difficoltà o le paure di chi accoglie. Spesso, quando si parla di diritti delle minoranze e di dignità delle persone, si alzano barriere e diffidenze ma la verità è davvero molto più semplice e la si svela depurandola da certe brutalità ideologiche e constatando che tutti siamo uniti dalle stesse emozioni, speranze, paure e bisogni di sicurezza e serenità. Tutti, in fondo, cerchiamo o temiamo le stesse cose ed è questo l’umanissimo terreno su cui incontrarsi in uno spirito neo umanista. Credo che il sindaco di Lampedusa sia prontissimo a raccogliere la sfida che il Papa ha lanciato a Bari sul tema della pace nel Mediterraneo e che ne sposi pienamente la visione».

Ma il responsabile dell’advocacy nazionale del progetto Snapshots from the borders sa andare anche ben al di là delle sollecitazioni pontificie sul problema che interessa, innanzitutto, la comunità civile, le istituzioni e la politica.

«Su questo tema – spiega Patanè – si annaspa tra slogan e luoghi comuni. Mancano le soluzioni concrete. E le soluzioni concrete non si troveranno mai rimanendo sempre nella logica del conflittoporti aperti/porti chiusi”, perché lo scontro serve solo a quella parte politica che ne ha bisogno per costruire consenso elettorale sulla sequenza insicurezza, paura, odio. Tiriamoci fuori da questo terreno: è nella regolarità che auspica il Global Compact sulla migrazioni l’orizzonte che può garantire la salvaguardia delle vite umane, la sicurezza e la dignità di tutti».

https://www.linkiesta.it/2020/09/papa-bergoglio-francesco-immigrazione-sindaci/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.