Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il papa in Iraq, la fratellanza sfida tutti i fanatismi, di Riccardo Cristiano

Il papa in Iraq, la fratellanza sfida tutti i fanatismi, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 08/12/2020 16:43
Papa Francesco riprende i pellegrinaggi internazionali, interrotti per via della pandemia, viaggerà in Iraq dal 5 all’8 marzo accogliendo l’invito della Repubblica d’Iraq e della Chiesa cattolica locale. Un impegno importante per la possibile costruzione di un cammino comune…

Sono passate poche ore dall’annuncio dell’imminente viaggio in Iraq di Papa Francesco e l’idea che sarebbe stato il grande viaggio del papa di “Fratelli tutti” già trova la più autorevole e affascinante conferma: il papa che nella recente enciclica ha scritto “siamo tutti della stessa carne” affronterà tutti i fondamentalisti, tutti i terroristi, tutti i nichilisti, tutti i fautori di una visione apocalittica con l’unica visione che li sfida davvero, quella della fratellanza. 

Lo ha detto parlando con il Servizio Informazione Religiosa il cardinale Louis Sako, patriarca della Chiesa caldea: “Stiamo pensando ad una preghiera con cristiani, musulmani, ed altre denominazioni religiose. Saranno letti passi della Bibbia e del Corano relativi ad Abramo”.

Dunque un pellegrinaggio nel martoriato Iraq nel nome del comune Patriarca, Abramo, nelle cui terre, la piana di Ur, il papa si recherà. Il valore di Abramo non sta soltanto nell’essere “padre comune”: il cardinale Carlo Maria Martini ha scritto con ammirevole concisione una frase che aiuta chiunque a capire il valore di Abramo: “La via della pace sembra passare sempre più per l’ospitalità… È la sfida a costruire una società senza nemici, senza avversari, una società in cui le diversità si riconcilino e si integrino”. 

Spiegando poco dopo perché: “L’impegno dell’evangelizzazione o dell’autoevangelizzazione, così urgente per l’Europa, e quello dell’ospitalità non sono contraddittori perché Abramo pensava di ricevere un ospite e invece ricevette la visita degli angeli di Dio!” E’ l’episodio più noto della storia di Abramo, quello del pranzo sotto le querce di Mamre. Abramo non attese l’ospite a casa sua, uscì, gli andò incontro, accogliendolo sotto le querce di Mamre.

Il viaggio di Francesco pone di tutta evidenza problemi di sicurezza che quelli già affrontati quando si recò nella capitale Centroafricana, Banguì, appaiono poca cosa: il risorgente Isis, le milizie estremiste del campo avverso, i predatori del deserto al soldo di questa o quella potenza regionale, si trovano tutti nel martoriato Iraq. Martoriato e oggi davvero “Terra di mezzo” tra gli apposti gruppi che, con ideologia apocalittica, tentano di conquistare militarmente l’Islam. Non solo per la sua storia, per il peso califfale del passato di Baghdad, questa terra è anche per motivi geografici uno snodo essenziale per i loro imperialismi, che vanno dalle coste del Mediterraneo ai territori più profondamente asiatici. 

Ed è proprio l’Iraq che è divenuto l’epicentro di questo conflitto, guerreggiato ormai da decenni. Così la visione apocalittica khomeinista si scontra primariamente in Iraq con il suo uguale contrario, la visione apocalittica delle promanazioni qaidiste del wahhabismo. Prosciugare i pozzi dove entrambe si abbeverano parte da lì, dall’Iraq. E’ quello che probabilmente non si è capito negli ultimi anni, in cui l’Isis è nata con infinite complicità proprio in Iraq.

La visione apocalittica si incardina su un imperialismo confessionale e settario che diviene terrorismo nella convinzione che scontri sempre più violenti porteranno ad avvicinare la fine dei tempi, la battaglia finale. Quando Khomeini affermava che il nostro è già il “tempo di mezzo”, quello in cui vive il Mahdi, colui che tornerà alla fine dei tempi, diceva questo. Queste visioni apocalittiche trovano nella fratellanza la sola risposta culturale e religiosa che li sconfigge perché ridà fiato alla religiosità popolare, nel caso all’islam popolare, che non vive il mondo come il regno del male, contrapposto al Paradiso, regno del bene. Ed è qui, in questa contrapposizione, che le ideologie nazionaliste o panarabiste hanno trovato un punto d’incontro con esse: nella rappresentazione del mondo “esterno” come sentina di tutti i mali.

Dunque il viaggio del Papa sarà certamente un pellegrinaggio in quello è stato il vero Calvario di tante comunità cristiane, come quella di Mosul, di una terra dove i cristiani aprirono ai primi arabi musulmani le porte delle loro Case della Sapienza. Ma anche dei tanti musulmani vittime dei fanatismi contrapposti, nell’uno come nell’altro campo. La preghiera nel nome di Abramo di cui ha parlato il patriarca Sako fa così pensare ad un viaggio che parlerà di un nuovo inizio. 

Un nuovo inizio non più “contro”, ma “per”. Era il sogno di cui aveva parlato Paolo Dall’Oglio nel suo libro “innamorato dell’Islam, credente in Gesù”. In quel libro il gesuita romano proponeva un Cammino comune, sulle orme di Abramo, il padre di ebrei, cristiani, musulmani. Un cammino nel quale riscoprirsi fratelli. E’ la sfida che apre Francesco recandosi nel luogo del supplizio di tanti per ricordare che o ci si riscopre fratelli o si muore da folli: come disse Martin Luther King.

Quello annunciato dal Vaticano è dunque un viaggio che non ha precedenti, e che pone sfide impressionanti, ma intende aprire processi, percorsi che come tutti i grandi percorsi della storia possono apparire sogni. D’altronde l’ultimo libro di Francesco si intitola “ritorniamo a sognare”. E la storia dimostra che molti sogni sono diventati realtà.

https://formiche.net/2020/12/papa-francesco-iraq-pellegrinaggio/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.