Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il papa e i vescovi italiani, di Nina Fabrizio

Il papa e i vescovi italiani, di Nina Fabrizio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 15/09/2015 09:48
Il braccio di ferro tra il Papa e la Conferenza episcopale italiana sulla questione della riforma delle modalità di designazione degli organi di vertice della Cei...

 

ANSA-VATICANO

Cei: braccio di ferro Papa-cardinali su riforma

Gruppo porporati e capi regionali contrari a elezione presidente

ROMA (di Nina Fabrizio)

Si sta trasformando in un braccio di ferro tra il Papa e la Conferenza episcopale italiana la questione della riforma delle modalità di designazione degli organi di vertice della Cei. O almeno, tra il Pontefice e alcuni settori di essa. L'indicazione di Francesco era stata chiara: la Conferenza episcopale italiana deve allinearsi a quelle mondiali eleggendo da sé il proprio presidente e il proprio segretario, riformando quindi quella specificità contenuta nel suo statuto per cui le due cariche vengono nominate direttamente dal Pontefice, primate d'Italia. Le direttive di Francesco però, trovano forti resistenze all'interno dell'episcopato italiano, soprattutto, spiegano fonti informate vicine alla Cei , tra i cardinali presidenti delle Conferenze episcopali regionali, in grado di condizionare la scelta dei presidenti di commissione.

Così, se la sua indicazione risalente ormai all'anno scorso aveva fatto pensare a una storica riforma immediata, la questione si è andata arenando, di tappa in tappa, e appare ora al palo. Per questo c'è grande attesa per quanto Bergoglio dirà aprendo lui stesso, con un'iniziativa senza precedenti, la prossima assemblea generale di maggio. Proprio in quell'assise, tra l'altro, dovrebbe essere presentata la bozza del nuovo statuto. Al Consiglio episcopale permanente di fine gennaio era stato discusso il parere proprio delle Conferenze episcopali regionali, che anziché l'elezione diretta hanno indicato la strada delle "primarie" interne, cioè l'indicazione di una rosa di una quindicina di nomi tra cui il Papa potesse scegliere.

All'ultimo Consiglio episcopale di marzo, invece, nella conferenza stampa di chiusura dei lavori con il nuovo segretario Nunzio Galantino (già ricevuto più volte dal Papa) la questione è completamente passata in secondo piano, accennando semplicemente al fatto che si continua a lavorare alle modifiche dello statuto e che ci sarà una consultazione dei vescovi, che in assemblea, e forse anche via posta, indicheranno il loro candidato. Nessuna menzione sul numero. Peraltro il comunicato stampa finale non è stato pubblicato dalla Cei sul suo sito.

Insomma, all'interno della Conferenza episcopale, il cui rapporto col Papa - è cosa nota - non è nato sotto i migliori auspici, il gruppo cardinalizio e quello più legato all'attuale presidente Bagnasco, di fatto commissariato con la nomina di Galantino, rema contro la riforma. Per questo Francesco, deciso a non recedere di un millimetro, e anzi descritto da alcuni come "infastidito" per i ritardi che incontra la riforma, pronuncerà lui stesso la prolusione a maggio, quando prima il Papa era solito intervenire durante i lavori o ricevendo i vescovi in udienza al termine. Le resistenze interne alla Cei sono espressione di un disagio, acuito da scelte inusuali e spiazzanti di Francesco, come la porpora al perugino Gualtiero Bassetti, la mancata berretta di contro a sedi tradizionalmente cardinalizie come Torino e Venezia e la stessa scelta del 'commissario' Galantino, che rimbalza fino Oltretevere.

Alcune sere fa alcuni cardinali italiani di Curia molto interessati alle vicende 'italiane' commentavano proprio le frizioni esistenti tra il Papa e la Cei . Si lamentavano del fatto che i vecchi "criteri" per la nomina dei vescovi con Bergoglio non valgano più. "Professori no, teologi no, chi dobbiamo essere?", si chiedevano riferendosi anche al discorso che il Papa ha tenuto alla plenaria della Congregazione dei Vescovi, dicastero in cui non ha rinnovato Bagnasco e ha inserito Bassetti. "Che ne sarà di noi?", aggiungevano con il pensiero anche ad alcuni avvicendamenti di Curia che potrebbero riguardare la Cei, come ad esempio le voci che vorrebbero il cardinale Domenico Calcagno diretto a Bologna al posto di Carlo Caffarra e il cardinale Giuseppe Versaldi al consiglio dei Testi legislativi al posto di Francesco Coccopalmerio. Difficile comunque prevedere i tempi e dare affidabilità ai "rumors" con un Papa imprevedibile nelle sue scelte come Francesco. Proprio ciò che spaventa gli stessi prelati vaticani e la vecchia guardia della Cei, che con l'elezione diretta del presidente teme di perdere i poteri di controllo sugli organismi interni.

Cosa che accadrebbe ancor più - si teme - se la Conferenza episcopale eleggesse al suo vertice un vescovo e non un cardinale. D'altra parte, ci sono vescovi favorevoli all'elezione diretta (si era parlato di un orientamento a favore del 50% di essi) che guardano molto fiduciosi all'appuntamento di maggio.

"Il tema non è affatto accantonato - ha confidato un arcivescovo molto in auge sotto il pontificato di Francesco - aspettiamo il suo discorso all'assemblea, lui ne parlerà".

Nina Fabrisio, ANSA, Roma


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.