Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il Papa avverte: “La peggior bomba in Vaticano è la chiacchiera". Di Matteo Matzuzzi

Il Papa avverte: “La peggior bomba in Vaticano è la chiacchiera". Di Matteo Matzuzzi

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 11:23
“Voi sentinelle guardate le porte, le finestre, perché non entri una bomba. Ma voglio dirvi una cosa un po’ triste: ci sono bombe dentro, ci sono bombe pericolosissime dentro. State attenti, per favore. Perché nella notte di tante vite cattive, il nemico ha seminato la zizzania” [...]

 

“Voi sentinelle guardate le porte, le finestre, perché non entri una bomba. Ma voglio dirvi una cosa un po’ triste: ci sono bombe dentro, ci sono bombe pericolosissime dentro. State attenti, per favore. Perché nella notte di tante vite cattive, il nemico ha seminato la zizzania”. Parole dirompenti quelle usate dal Papa nell’omelia della messa celebrata per la Gendarmeria vaticana. Papa Francesco ha preso a prestito gli allarmi su presunte minacce terroristiche alla sua persona e alla cittadella leonina per ammonire su una minaccia a suo dire ben più grave e subdola: “La zizzania delle chiacchiere”.

 

“I CHIACCHIERONI SARANNO CONDANNATI ALL’INFAMIA ETERNA”

Chiacchiere che “deflagrano come bombe, distruggendo la vita degli altri e anche la vita della chiesa”. E a seminarle non è altri che “il diavolo”, ha aggiunto il Pontefice. Non è dato sapere se si tratti “di una bomba fatta in casa o di una bomba atomica”, in ogni caso “è pericolosa”. E di queste bombe “ce ne sono tante”, e la peggiore all’interno del Vaticano “è la chiacchiera”, che “minaccia ogni giorno la vita della chiesa e la vita dello stato”. Francesco ha quindi sottolineato che “ogni uomo che chiacchiera qui dentro semina bombe, semina distruzione, uccide la vita degli altri”. Interessante la postilla aggiunta poco dopo: anche se il cuore della chiacchiera fosse fondata, non bisognerebbe “dirla a tutti”, bensì solo “a chi ha le responsabilità”. Per i “chiacchieroni” la pena, comunque, è già prevista: “Andranno nella fornace ardente, saranno condannati alla vergogna e all’infamia eterna”.

L’OMELIA DAVANTI AI CONFRATELLI GESUITI

Le parole di Francesco non sono mai casuali, e in questa circostanza inducono a pensare che il Papa avverta che crepe tra le mura dei palazzi, con il montare d’una resistenza alle sue azioni sempre maggiore, organizzata e forte nonché la ripresa delle eterne lotte tra cordate interne che riesplodono ogni qualvolta il Pontefice mette nero su bianco promozioni, destituzioni, o quando lascia vacante qualche importante incarico curiale che prima o poi necessita di copertura. L’omelia davanti ai gendarmi fa da preambolo ideale a quella tenuta qualche ora più tardi nella Chiesa del Gesù, tra i confratelli della Compagnia fondata da Sant’Ignazio che ricordavano sobriamente il bicentenario della ricostituzione per volontà di Pio VII. In quella circostanza, le parole del Papa – in un’omelia insolitamente lunga, per come c’ha abituato Francesco – lasciarono spazio all’inquietudine, palesando le difficoltà nel governare la barca di Pietro.

LA NAVE “SBALLOTTATA DALLE ONDE”

La nave della Compagnia è stata sballottata dalle onde e non c’è da meravigliarsi di questo. Anche la barca di Pietro  lo può essere oggi. La notte e il potere delle tenebre sono sempre vicini”, aveva detto Bergoglio, aggiungendo che “costa fatica remare. I gesuiti devono essere rematori esperti e valorosi: remate dunque! Remate, siate forti, anche col vento contrario! Remiamo a servizio della Chiesa. Remiamo insieme! Ma mentre remiamo, tutti remiamo, anche il Papa rema nella barca di Pietro, dobbiamo pregare tanto. Signore, salvaci!”.

“IL PAPA SENTE L’ARRIVO DI UNA STAGIONE DIFFICILE”

Luigi Accattoli, sul Corriere della Sera, notava a proposito che “per la prima volta da quando è Papa, Bergoglio è parso guardare con qualche allarme al ruolo che da un anno e mezzo viene svolgendo con straordinari consensi”. E’ vero che il riferimento alla barca di Pietro non è una novità (a usare quest’immagine, di recente, erano stati soprattutto Paolo VIBenedetto XVI, eppure il Pontefice argentino “ha detto di più in riferimento a se stesso, descrivendosi remante nella tempesta mentre il potere delle tenebre scatena i venti”. Il Papa, per Accattoli, “presente l’arrivo di una stagione difficile, dopo un primo tempo da Papa che dev’essergli apparso inaspettatamente sereno, all’indomani dello tsunami che aveva squassato il pontificato precedente”.

 

 

 

 

 

30 - 09 - 2014

 


Fonte: http://www.formiche.net/2014/09/30/papa-bomba-chiacchiera/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.