Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il Papa a Bari: il Mediterraneo ritorni frontiera di pace, di Annachiara Valle

Il Papa a Bari: il Mediterraneo ritorni frontiera di pace, di Annachiara Valle

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/01/2020 09:39
Francesco concluderà l’Incontro di riflessione e preghiera promosso dalla Cei che il presidente, il cardinale Gualtiero Bassetti, ha presentato così su Famiglia Cristiana: «Un tempo il Mare Nostrum agevolava l’incontro tra civiltà. A Bari, noi vescovi e patriarchi d'Europa, Medio Oriente e Nordafrica chiederemo che riacquisti la sua originale missione»…

Non vuole parlare di «sfide» il cardinale Gualtiero Bassetti. «Alla Chiesa non appartiene il lessico della guerra e, dunque, per il 2020 proporrei innanzitutto un cambio di linguaggio». Presidente della Conferenza episcopale italiana dal 24 maggio del 2017, 77 anni, l’arcivescovo di Perugia sottolinea che «la Chiesa non affronta sfide, ma partecipa, per suo stesso mandato, vocazione, missione, alla vita del Santo Popolo di Dio, cercando di dare attuazione a quel “Vangelo della gioia” di cui parla papa Francesco».

Dunque qual è la “mappa” per il nuovo anno?

«Abbiamo i nuovi Orientamenti pastorali che, per rispondere in maniera ancora più puntuale ed efficace all’evolversi dei tempi, avranno un orizzonte temporale di cinque anni anziché di dieci. Il presente e il futuro ci chiamano a un rilancio dell’azione missionaria della Chiesa, al rinnovo del nostro impegno per comprendere il tempo che stiamo vivendo e a preparare il futuro. La nostra azione deve essere incentrata sull’ascolto e sulla comunione, assumendo sempre di più il linguaggio della prossimità, dell’accompagnamento e della testimonianza. Mi piace ricordare quanto scrisse il cardinale Carlo Maria Martini, ormai quasi vent’anni fa, nella Lettera pastorale Sulla tua parola: “Nessuna nostalgia, nessun rimpianto, nessuna evasione dalle urgenze del presente: lasciamoci invece animare da un’ardente speranza, da una profonda passione per il Regno che viene e da un impegno capace di esprimere nell’oggi degli uomini la bellezza della promessa di Dio per il futuro”».

Cosa sperate per il Paese?

«In un’epoca frenetica e dalle relazioni polverizzate, che ci rendono più fragili e più soli, instabili e insicuri, rassegnati e irresoluti, il nostro Paese ha bisogno di ritrovare entusiasmo e cuore. Questo duplice atteggiamento ha un nome bello e potente: gioventù. Ho in mente i giovani che tanto mi sono cari e in cui vedo brillare quel fuoco di speranza che arde alimentato da principi saldi, fondati sul bello, sul giusto e sul vero. Non sono affatto tutti “sdraiati”, anzi. Quanti si vedono impegnati nel volontariato e nella costruzione del bene comune, con la forza della solidarietà e della condivisione! Non lasciamo soli questi ragazzi. Ricordiamo che anche noi adulti, noi anziani, possiamo fare tanto. Ritroviamo quell’atteggiamento propositivo e tenace che sappiamo mettere in campo quando possiamo dire, come don Milani, “I care, mi interessa”. Per realizzare un futuro partecipato da tutti è necessaria la collaborazione di ciascuno. È necessario assumere e fare nostro quel dialogo generazionale sollecitato più volte da papa Francesco, per cui “i vecchi sogneranno e i giovani profetizzeranno”».

Su cosa è maggiormente concentrata l’attenzione?

«Il primo grande appuntamento del 2020 sarà dal 19 al 23 febbraio a Bari, con l’incontro di ri‰essione e spiritualità “Mediterraneo, frontiera di pace”. Come Conferenza episcopale italiana teniamo molto a questo evento, che vedrà la presenza dei vescovi e dei patriarchi cattolici dei Paesi che si affacciano su questo nostro grande mare che, prima di tutto, è un luogo di incontro, di comunicazione e non un confine. Pur se segnato da grandi conflitti storici, il Mediterraneo resta, infatti, il mare della “triplice famiglia di Abramo” o anche, come diceva Giorgio La Pira con una metafora profetica, il “grande Lago di Tiberiade”. È un mare che ha generato cultura e commerci, attraverso il quale si è trasmesso il cristianesimo. “Un universo delle nazioni illuminato da Cristo e dalla Chiesa”, per usare sempre le parole di La Pira. 

L’incontro di Bari vuole riunire i vescovi del Mediterraneo, farli parlare e confrontare sui grandi problemi della regione. Oggi, parlare della Siria o del Libano non significa fare riferimento solo al Medio Oriente: significa parlare anche dell’Europa e dell’Africa. Un crocevia straordinario da sempre rischiarato dalla luce di Cristo. Noi chiediamo con speranza che anche oggi questa luce illumini i nostri cuori verso un futuro di pace e di giustizia».

 

https://www.famigliacristiana.it/articolo/il-cardinal-gualtiero-bassetti-restituiamo-al-mediterraneo-la-sua-missione.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.