Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il Natale dei cristiani ortodossi festa anche del confronto religioso, di Marco Ventura

Il Natale dei cristiani ortodossi festa anche del confronto religioso, di Marco Ventura

creato da webmaster ultima modifica 21/07/2016 17:23
Per molto tempo, la ricorrenza è passata inosservata in Italia, ma i flussi migratori che hanno mutato il volto religioso del nostro Paese, ci hanno anche regalato un nuovo Natale.


Ieri è stato Natale per i quasi duecento milioni di cristiani nel mondo che seguono ancora il calendario giuliano, in particolare nei paesi slavi, in Africa e nel Medio Oriente. Le chiese cristiane ortodosse si sono sviluppate nella più grande varietà di riti e costumi. Così, nel corso della storia, solo gli ortodossi greci, bulgari e rumeni si sono adattati al nuovo calendario, quello seguito da cattolici e protestanti per i quali il Natale cade il 25 dicembre. Hanno invece conservato l'antica tradizione la comunità monastica del Monte Athos e il Patriarcato greco-ortodosso di Gerusalemme, che hanno festeggiato Natale ieri, insieme alle altre chiese che attendono ancora il Salvatore nella notte tra il 6 e il 7 gennaio.

Per molto tempo, la ricorrenza è passata inosservata in Italia, ma i flussi migratori che hanno mutato il volto religioso del nostro Paese, ci hanno anche regalato un nuovo Natale. Se ne sono accorti i tanti italiani che sono in contatto con chi ha celebrato ieri la nascita di Gesù, o i pezzi di città in cui comunità e famiglie hanno reso visibile la celebrazione. Tra russi e serbi, bielorussi e ucraini, moldavi e bosniaci, egiziani, etiopi e siriani, macedoni e georgiani, si può stimare in quasi duecentomila il numero di coloro per i quali ieri è stato un giorno speciale.

La ricorrenza ha avuto il sapore della tradizione, ma per molti si è trattato anzitutto di un evento da vivere con fede e da celebrare nella liturgia. È stato anche questo, ieri, il nuovo Natale italiano: una sinfonia di paramenti e di lingue, di suoni, di teologie e di assemblee in preghiera. La diversità religiosa spaventa un Paese come l'Italia che si è abituato nei secoli a far coincidere la religione, il cristianesimo e la Chiesa di Roma. Metabolizzare molteplici fedi e governare la multi-religiosità sono sfide delicate per la società, per le chiese, per la politica e per i governi. Gli italiani scoprono intanto che modi diversi di onorare Dio non fanno alcun torto al Creatore. In un'Italia orgogliosa della propria diversità, c'è posto persino per un secondo Natale.

Fonte: “Corriere della Sera”, 8 gennaio 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.