Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il memory group e gli evergreen, di Lidia Calabrò

Il memory group e gli evergreen, di Lidia Calabrò

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 16:29
Ecco come gli evergreen, visitando piazza Navona, possono trasformare un sabato qualunque in un sabato speciale...
Il memory group e gli evergreen, di Lidia Calabrò

Piazza Navona

L’altro giorno, con mia grande sorpresa, ricevo un invito da parte di un’amica psicologa, Daniela Maramao, a partecipare ad una piccola visita guidata sulla Chiesa di Sant’Agnese e Piazza Navona organizzata da un gruppo di adulti, gli evergreen, che si apprestano a concludere un corso sulla memoria tenuto dalla stessa Daniela. È inutile dire che accetto l’invito con grandissimo entusiasmo perché penso che essere parte di quest’iniziativa possa essere per me un’occasione per imparare qualcosa di nuovo.

È sabato mattina. L’appuntamento è davanti al capolinea dell’87 a Colli Albani. Arrivo un po’ trafelata, ma sono molto emozionata per questa nuova esperienza. Ad aspettarmi trovo Daniela con quattro dei suoi evergreen. Gli altri due ci aspettano direttamente in loco. Durante il tragitto, la mia amica mi racconta com’è nata l’iniziativa. Circa tre anni fa, dopo la partecipazione ad un corso dedicato alla riabilitazione per persone malate di Alzeimer, pensa di adattare gli esercizi sulla memoria alle persone adulte che ancora non hanno problemi di memoria ma che sono già avanti con l’età e per le quali se ne presenta il rischio dopo qualche anno. Gli esercizi proposti servono per stimolare il cervello a ricercare le informazioni e a trovare nuove strategie per non dimenticare quanto  ricevuto o quanto va ricordato. Per evitare che si annoino, Daniela decide di proporre loro di cercare informazioni su una chiesa di Roma in modo da trovare informazioni e aneddoti a loro sconosciuti e creare una presentazione di quanto ricercato. Questa che visitiamo è, quindi, già la terza chiesa, mentre le prime due sono state San Giovanni in Laterano e Santa Croce in Gerusalemme.

Gli evergreen (potremmo chiamarli anche i “sempre giovani”), qualcun altro li definirebbe anziani, ma per me non lo sono! Sono arzilli, preparati e pieni di tanto entusiasmo che mi sento contagiata! A turno mi raccontano la storia di P.zza Navona, delle fontane con le chicche relative al Bernini e al Borromini, della chiesa di Sant’Agnese con tanto di descrizione delle opere marmoree all’interno! Tra una pasquinata e una risata (qui il riferimento è alla statua parlante di Pasquino in P.zza di Pasquino, antica P.zza Parione dal nome del quartiere dove sorge Piazza Navona, e sulla cui statua si trovano appiccicati fogli con sù scritte frasi di satira ancora oggi come nei tempi antichi) finisce il percorso guidato. Qualcuno è più emotivo, qualcun altro è più propositivo, ma tutti hanno fatto del loro meglio!

Ora posso dirlo: sono stati così bravi che per la prima volta qualcuno, parlandomi di arte, storia e aneddoti vari, è riuscito a mantenere viva la mia attenzione e a farmi sentire partecipante attiva del loro racconto. Sì, è proprio così!

Mentre ci avviamo a prendere un gelato, non perdo tempo e chiedo loro di raccontarmi come hanno trovato quest’esperienza. Loro sono tutti d’accordo nel constatare che quest’esperienza li ha aiutati tanto nel trovare strategie utili per ricordare informazioni necessarie nel quotidiano e ha donato nuovo entusiasmo. Qualcuno si scusa dicendo che non è molto acculturato di suo, qualcun altro invece dice di aver cercato così tanto materiale da poterci scrivere una tesina!

Ritornando a parlare con Daniela, stimolata dalla mia curiosità, emergono due informazioni importanti. La prima, di carattere psicologico/scientifico, è che questo tipo di attività aiuta il cervello a non impigrirsi e, quindi, a non rimpicciolirsi, e a mantenere attive alcune funzioni cerebrali che diversamente non verrebbero più utilizzate. Questo ha effetti benefici sulla memoria e, nei soggetti a rischio di perdita della memoria, ne rallenta il decorso degenerativo. La seconda,  più di carattere relazionale, riguarda il fatto che nel gruppo l’amicizia si è consolidata (gli evergreen sono amici tra di loro già prima di partecipare al gruppo), si è creato autonomamente un equilibrio dovuto al fatto che i singoli membri hanno preso consapevolezza delle proprie abilità e hanno cercato di svilupparle al meglio. Inoltre, il loro entusiasmo li porta a sentirsi anche più fieri di quest’impegno davanti ad altri amici.

Che dire, quindi, se non un grande grazie a queste splendide persone che hanno reso un sabato mattina qualunque in un sabato speciale perché mi hanno fatta sentire una turista privilegiata, che ha avuto per sé sei guide fantastiche che con il loro entusiasmo e la loro semplicità l’hanno arricchita! Quest’esperienza mi lascia con la speranza che molti altri psicologi si prendano cura delle persone sagge (sempre più in aumento) della nostra povera ma ricca Italia e che tante persone mature abbiano il coraggio di mettersi in discussione e di riconoscere che il nuovo periodo della vita che stanno vivendo porta con sé nuove risorse e nuove possibilità. Eh, sì, perché mettersi in gioco dopo i sessant’anni è una cosa tanto difficile quanto meravigliosa…e gli evergreen sono stati semplicemente meravigliosi!

Lidia Calabrò

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.