Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il medico siriano che aiuta i bambini profughi disabili senza assistenza, di Asmae Dachan

Il medico siriano che aiuta i bambini profughi disabili senza assistenza, di Asmae Dachan

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 03/01/2022 09:54
«La burocrazia è come una nuova guerra», racconta la madre di Abdelkarim, che ha una grave disabilità cognitiva. Se non hai le carte resti escluso nonostante la situazione emergenziale…

A Gazientep, nel sud della Turchia, a 130 chilometri da Aleppo, Zakria al-Mohammad, un medico siriano, ha aperto un centro per l’accoglienza e la cura di bambini siriani con disabilità psico-fisica, che non vengono accolti negli istituti locali, prevalentemente per motivazioni di tipo burocratico. 

Non avere i documenti in regola, non avere la residenza e il domicilio nello stesso posto, non aver rinnovato la visita biennale che attesta il tipo di disabilità e altre problematiche simili impediscono a questi bimbi di poter essere inseriti in istituti e scuole turche, condannandoli, di fatto, all’isolamento sociale. Resosi conto di questa realtà il dottor al-Mohammad, costretto dalla guerra a lasciare la Siria, ha iniziato a fare assistenza a domicilio, per poi aprire, cinque anni fa, un centro dedicato, dove le porte sono aperte a tutti i minori e le cure sono completamente gratuite.

«Questi bambini sono la parte più fragile e bisognosa della società, dobbiamo impegnarci tutti per aiutarli con umanità e amore affinché possano avere un presente e un futuro», spiega. Insieme allo specialista operano altre otto persone, la maggior parte delle quali sono madri di piccoli con disabilità, che dopo essersi rivolte al dottor Zakria per i propri figli, si sono rimesse in gioco, studiando come fisioterapiste, logopediste, psicologhe.

«Per ogni bambino studiamo un percorso personalizzato in base alle sue specificità. Venire qui ogni giorno, stare insieme ad altri bambini è per loro di grande giovamento. Abbiamo notato un miglioramento in tutti i piccoli, anche in quei casi considerati da altri senza speranza», ricorda al Mohammad. Il centro è operativo sette giorni su sette, dal mattino al pomeriggio. Asmaa e Shuruq sono due delle operatrici del centro, nonché madri di bambini diversamente abili.

La figlia di Asmaa, Marwa, ha cinque anni, e da due è in cura. «Ora riesce ad afferrare gli oggetti, i muscoli si sono potenziati. Non parla, ma si esprime con lo sguardo e con piccoli gesti», racconta la madre. A Mustafa, il figlio di Shuruq, è stato invece diagnosticato l’autismo. «Quando l’ho portato qui la prima volta era un pezzo di legno. Ora colora, mi guarda negli occhi, ha imparato a usare le posate», afferma mentre lo stringe a sé. 

«Non dobbiamo dimenticare che questi bambini non hanno solo difficoltà psico-fisiche, ma sono a tutti gli effetti vittime di guerra», ricorda il dottor Zakria. «Dal 2014 sono notevolmente aumentati i casi di bambini con disabilità psico-fisiche. Non c’è ancora una letteratura specifica che lo attesti, ma sicuramente l’esposizione ai bombardamenti, alle violenze, alle armi chimiche, alle tensioni fisiche e psicologiche hanno inciso molto sulla loro crescita e sviluppo». Ascoltando le testimonianze delle mamme, gli orrori della guerra in Siria emergono in tutta la loro forza.

La madre della piccola Lujain, sei anni, racconta che la figlia è nata in una tendopoli per sfollati nella periferia di Aleppo e sin da subito sono emerse le sue condizioni, con gravi disabilità di tipo fisico e cognitivo, ma sotto i bombardamenti nessuno si è occupato di lei.

«La burocrazia è come una nuova guerra», racconta la madre di Abdelkarim, che ha una grave disabilità cognitiva. 

«Mi sono ammalata insieme a mio figlio e sto completamente trascurando l’altro. L’unica cosa che mi hanno proposto qui in Turchia è di chiudere il mio bambino malato in un manicomio», afferma esasperata. «Conoscere questo centro e il dottor Zakria ci ha salvato entrambi. Non sapevamo più che cosa fare». 

Ammar e Mohammed sono due gemelli curdi di otto anni, nati a Raqqa quando la città era sotto il controllo del Daesh. «I medici mi avevano detto che avrei dovuto fare il cesareo e che i bambini sarebbero dovuti stare in incubatrice, ma la legge del Califfato proibiva questi interventi. I miei figli sono, così, nati con una grave mancanza di ossigeno e non hanno ricevuto le cure adeguate», racconta la madre, che da un anno ha scoperto di avere una massa sospetta alla testa. Il suo occhio sinistro è ormai compromesso. «Il dottor Zakria ci ha accolto come se fossimo di famiglia, come se fossimo di casa. È stato l’unico».

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/medico-siriano-a-aiuta-i-bambini-disabili-senza-assistenza-siria

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.