Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il Concilio? È stata la cura, non la causa della crisi della Chiesa, di Enzo Bianchi

Il Concilio? È stata la cura, non la causa della crisi della Chiesa, di Enzo Bianchi

creato da webmaster ultima modifica 21/07/2016 17:27
È vero, la crisi si è manifestata negli anni della realizzazione del concilio, ma non è stata indotta da quell’evento bensì dalla rivoluzione culturale antropologica...
Il Concilio? È stata la cura, non la causa della crisi della Chiesa, di Enzo Bianchi

Enzo Bianchi, priore di Bose

 

Negli ultimi anni si odono sempre di più voci ecclesiastiche che imputano all’evento concilio i mali di cui ha sofferto e soffre ancora la chiesa: riduzione della pratica cultuale, mancanza di vocazione religiose e presbiterali con conseguente invecchiamento delle forze pastorali e delle figure testimoniali, collocazione periferica delle voci culturali cattoliche... Questa accusa contrappone la “crisi” a situazioni migliori e meno precarie negli ambienti cattolici che hanno rifiutato il concilio e mostra di voler colpire anche il messaggio espresso dagli stessi testi conciliari. Eppure ci appare un’accusa non munita di discernimento.

È vero, la crisi si è manifestata negli anni della realizzazione del concilio, ma non è stata  indotta da quell’evento bensì dalla rivoluzione culturale antropologica avvenuta alla fine degli anni sessanta nei confronti della quale, anzi, il concilio ha rappresentato già un avvio di risposta profetica. Con ogni probabilità, se il concilio non avesse iniziato a ridare dinamica alla vita della chiesa, data la stagnazione che durava da decenni, la ricaduta di quello sconvolgimento epocale avrebbe pesato molto di più. Quelli che imputano al concilio la crisi, dovrebbero domandarsi come mai altre chiese che non hanno avuto un concilio – come la comunione anglicana, la chiesa ortodossa greca, diverse chiese della riforma – si trovano in situazioni più critiche di quella della chiesa cattolica. La percentuale di coloro che vivono e celebrano alla domenica la propria vocazione battesimale in quelle chiese è inferiore a quella riscontrabile nei paesi europei di tradizione cattolica.

In verità, il volto della chiesa è mutato in questi cinquant’anni e molte sono le positività emerse da questo mutamento. Vogliamo provare a delinearle? Innanzitutto, ed è l’aspetto  maggiormente  decisivo e irreversibile, i cattolici oggi conoscono il vangelo molto più di ieri e comprendono meglio ciò che è la grande tradizione vivente della chiesa. Attraverso la liturgia pregata nella loro lingua e nell’ascolto della Parola proclamata vengono plasmati, domenica dopo domenica, come discepoli del Signore Gesù: sono in minor numero come partecipanti alla messa domenicale, ma la loro consapevolezza di dover ascoltare il vangelo per conoscere e amare il Signore si è molto accresciuta. Un’altra vistosa positività è la partecipazione dei cristiani ai movimenti di solidarietà, ai numerosi e multiformi gruppi che sorgono per fronteggiare i bisogni molteplici presenti nella vita sociale: attenzione agli stranieri, forme di carità concreta e quotidiana verso i più deboli, sostegno ai disabili... sono impegni in cui lo spirito evangelico è ispirante e di grande aiuto ed è capace di diffondersi e divenire sempre più credibile anche in mezzo a uomini e donne non cristiani. E come non rendersi conto che la vita ecclesiale è percepita maggiormente come partecipazione che non come appartenenza identitaria? La parrocchia è veramente di tutti quelli che desiderano essere comunità del Signore e in essa l’impegno personale non solo è possibile, ma è riconosciuto come facente parte della statura del cristiano maturo adulto.

Non mi pare serio ignorare queste positività e denunciare solo le inadempienze ecclesiali, presenti sì, e a volte anche gravi – come può vivere una comunità cristiana senza il presbitero e dunque senza eucarestia? – ma spiegabili non imputandole al concilio e ai papi che lo hanno presieduto, bensì a quel cambio antropologico che ha investito tutto il mondo occidentale. Oggi, a cinquant’anni dal concilio, occorre dire chiaramente che esso attende ancora la realizzazione: ci sono riforme ancora da attuare nell’esercizio dell’autorità, quale la sinodalità; c’è un riconoscimento della coscienza che deve ancora diventare esercizio quotidiano nel popolo cristiano; c’è una riforma liturgica da portare a compimento... Ma non si ripeterà mai abbastanza che un concilio come il Vaticano II ha voluto e suscitato una maggior fedeltà al vangelo da parte dei cristiani e della chiesa. Un concilio che non ha voluto combattere qualcuno o qualche idea, che non ha cercato di contrapporsi ostilmente a qualche prospettiva forgiata dagli uomini. Un concilio pensato, nato, voluto e guidato dai papi e dai padri conciliari per una riforma della chiesa in senso di più fedele aderenza alle esigenze evangeliche. È quanto continua a ribadire anche Benedetto XVI: definendo il Vaticano II un concilio di riforma, il papa insiste sul fatto che occorre mutare la “forma” della chiesa per renderla ogni giorno più fedele al suo Signore.

Fonte: “Jesus” del dicembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.