Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il comune interesse, di Gianfranco Marcelli

Il comune interesse, di Gianfranco Marcelli

creato da Denj — ultima modifica 21/07/2016 17:11
Partiti vecchi e nuovi alla prova.

La sveglia è suonata a meno di cento ore dalla chiusura dei seggi elettora­li. Le cifre sull’economia italiana e i conti pubblici, diffuse ieri dall’Istat, piom­bano sulla nuova classe politica fresca di in­vestitura popolare come una potente doc­cia di realismo. Attorno a questi numeri, per la verità, è già scattata la consueta cac­cia al responsabile, si sono già aperte le i­scrizioni al più vieto 'talent show' all’ita­liana, quello in cui il concorrente vince quando riesce a strumentalizzare meglio i dati, trasformandoli in armi per colpire gli avversari.

Ma gli ultimi drammatici consuntivi su di­soccupati e precari (con il dettaglio scon­volgente di un Sud dove ormai più di un giovane su due non ha lavoro), la certifi­cazione di una spremitura fiscale giunta a livelli intollerabili, l’ennesima pesante ca­duta del prodotto interno lordo, sono tut­ti elementi di un quadro già largamente delineato e dunque in buona misura pre­vedibile: certamente dall’estate-autunno del 2011, ma in realtà anche prima di allo­ra. Perché le conseguenze delle drastiche manovre di risanamento messe in atto a partire dal giugno-luglio di due anni fa, im­poste da un’emergenza finanziaria matu­rata in decenni di inerzie e di sventatezze e divenuta stringente per la crisi interna­zionale, non potevano essere molto diver­se da quelle che ci troviamo ora a valutare.
Sono un po’ come gli effetti collaterali di un farmaco che aggredisce con successo la malattia mortale e ne arresta il decorso fu­nesto, infliggendo però all’organismo al­tre sofferenze, che ora vanno affrontate con pari decisione. Ma anche – ed è questo il punto – con una dose supplementare di serietà e di onestà intellettuale. Proprio quelle virtù venute a mancare di nuovo ne­gli ultimi mesi, innescando una delle mic­ce, probabilmente quella decisiva, che han­no fatto deflagrare il risultato elettorale di domenica e lunedì scorsi.
Ecco perché adesso sarebbe altamente ir­responsabile continuare nel tendenzioso rimpallo delle colpe o, peggio, cominciare ad accumulare le munizioni per una nuo­va battaglia elettorale. Non sarà un caso se, pochissime ore dopo la diffusione delle ci­fre Istat, dal mondo delle agenzie di rating arrivano nuovi moniti sull’ulteriore pres­sione al ribasso connessa alla nostra in­stabilità politica. O se qualche esperto di a­rea tedesca azzardi addirittura la prospet­tiva per l’Italia, nel caso non riesca a con­vincere la maggioranza dei suoi cittadini a restare nelle regole dell’euro, di 'tornare alla sua vecchia moneta'.
La verità è che ci troviamo oggi al culmine di un doloroso percorso di duro risana­mento che, tutti insieme, più o meno di buon grado, abbiamo accettato di sobbar­carci, nella speranza che lo sforzo colletti­vo sarebbe stato accompagnato da una riforma minima delle regole democratiche e istituzionali (in primis quelle elettorali), tale da mettere il Paese in condizione di ri­lanciarsi. Tutto ciò non è avvenuto e gli e­lettori ne hanno tratto a modo loro le con­seguenze. Ma come in un autolesionistico gioco del­l’oca, rischiamo ora di tornare al punto di partenza, al prezzo di 'sacrificare i sacrifi­ci', nell’illusione di una immediata rivin­cita o di un’ulteriore decisiva spallata.
È chiaro che il quadro parlamentare uscito dalle urne non autorizza previsioni otti­mistiche sulla durata della legislatura. Ma un conto è rassegnarsi fin d’ora a un 're­make' senza sbocchi della rappresenta­zione suicida andata in scena nei primi due mesi dell’anno. Un altro è ricercare una mi­nima unità d’intenti, tra vecchi e nuovi pro­tagonisti del palcoscenico politico, che consenta un tratto di strada legislativo pro­ficuo. È semplicemente impensabile tornare da­vanti ai cittadini a mani vuote, senza una riforma elettorale che restituisca loro il di­ritto di scelta effettivo, senza intaccare so­stanzialmente lo zoccolo duro della spesa politica, senza prosciugare almeno in par­te le fonti dei finanziamenti illeciti e dello scambio immorale tra interesse pubblico e privato. In poche parole, senza dimo­strare di aver imparato la lezione.

 

fonte: www.avvenire.it, 02.03.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.