Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il cardinale Betori: don Milani vittima del «partito romano»

Il cardinale Betori: don Milani vittima del «partito romano»

creato da webmaster ultima modifica 15/09/2015 09:38
27/10/2014 - L’arcivescovo di Firenze, in una lettera riportata dalla rivista Segno, esprime il suo giudizio: contro di lui quelli che contrastavano La Pira
Il cardinale Betori: don Milani vittima del «partito romano»

(©ANSA) DON LORENZO MILANI

 

Don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana protagonista di un'esperienza pastorale fortemente ostacolata dalle gerarchie, sarebbe rimasto vittima di un «partito romano» che nella Chiesa di quel tempo era schierato contro la «Firenze di La Pira». È il giudizio storico che, oltre mezzo secolo dopo, esprime il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, in una lettera a Giorgio Pecorini, un giornalista amico di don Milani. La lettera è riportata dalla rivista Segno che sul caso di don Milani pubblica un dossier.

Al centro della ricostruzione c'è un intervento  della Congregazione della fede che nel 1958 dispose il ritiro del libro di don Milani «Esperienze pastorali» nel quale il sacerdote sosteneva le rivendicazioni sociali della popolazione delle campagne. In contrasto con le posizioni della Chiesa in una fase di cambiamenti profondi, don Milani appoggiava le ragioni delle agitazioni e segnalava l'importanza dell'istruzione secondo un metodo poi attuato nella scuola di Barbiana con un'esperienza raccontata nel libro «Lettera a una professoressa».

Su «Esperienze pastorali», l'arcivescovo coadiutore del tempo, monsignor Ermenegildo Florit, preparò un dossier per il papa passato alla Congregazione della fede. Ne scaturì la decisione di ritirare il libro di cui veniva «sconsigliata» anche la lettura. «Non essendo riusciti a trovare - scrive Pecorini a Betori - un appiglio disciplinare o canonico per una condanna formale, si dichiarò il libro `inopportuno´ contemporaneamente stringendo vigilanza e moltiplicando calunnie sul suo autore».

Nella chiesa fiorentina è stata ora avviata una «riabilitazione» di don Milani. Betori ammette che la posizione della Congregazione è superata perché i tempi sono cambiati. E nella risposta a Pecorini attribuisce l'iniziativa contro don Milani al «partito» contrario a Giorgio La Pira.

Fonte: http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/lorenzo-milani-lorenzo-milani-lorenzo-milani-37178/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.