Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il business dei migranti non è stato inventato dallo Stato islamico, di Andrea Segre

Il business dei migranti non è stato inventato dallo Stato islamico, di Andrea Segre

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 17:49
È molto probabile che una grande maggioranza degli italiani pensi oggi che i barconi dei migranti siano strumenti di guerra del gruppo Stato islamico. Una buona parte pensa che il gruppo usa i barconi per avanzare verso Roma, un’altra meno sprovveduta è convinta che si finanzi grazie ai barconi. Per questo ...

C’è un potere molto delicato della comunicazione, quello performativo. Ciò che viene detto non solo racconta, ma anche costruisce. Determina non solo opinioni, ma anche posizioni, scelte e azioni.

La società di oggi è costantemente sollecitata e spesso minacciata dal potere performativo della comunicazione, usato non per spiegare fatti, ma per crearli. A volte consapevolmente, a volte meno.

Quanto è successo nelle ultime quarantott’ore ore è un esempio lampante di tutto ciò.

È molto probabile che una grande maggioranza degli italiani pensi oggi che i barconi dei migranti siano strumenti di guerra del gruppo Stato islamico. Una buona parte pensa che il gruppo usa i barconi per avanzare verso Roma, un’altra meno sprovveduta è convinta che si finanzi grazie ai barconi.

Per questo, per esempio, l’articolo di ieri su la Repubblica di Lucio Caracciolo (per citare uno dei contenuti più alti e complessi e non soffermarmi su quelli più facilmente criticabili) si conclude indicando come azione militare chiave della lotta al gruppo Stato islamico la distruzione dei barconi attraccati sulle coste libiche: la marina italiana dovrebbe affondare le barche per togliere fonti di finanziamento ai jihadisti.

Proviamo ad andare per brevi passaggi logici.

I barconi non sono stati inventati dallo Stato islamico, che, anzi, come forza minoritaria tra le fazioni in guerra in Libia, si è inserito nel business, usando forse (ma nessuno ne ha prove o certezza) alcuni spazi in un mercato che ha reti e meccanismi esistenti da tempo e ben differenziati a seconda di aree e territori della Libia.

L’unica cosa che accomuna tutti i vari settori del mercato è la domanda.

La domanda è costantemente in crescita, perché ha una base stabile di provenienza centroafricana (sia occidentale sia orientale) a cui si aggiungono flussi generati da nuove crisi (Siria in primis, ma anche Kurdistan, Gaza e Gambia per citare le ultime).

Questa composizione della domanda fa sì che alla stragrande maggioranza delle persone che riescono ad arrivare in Europa (perché in Italia ben pochi vogliono fermarsi come ormai abbiamo capito) sia concessa una forma di protezione.

La storia ormai è vecchia e ve l’abbiamo raccontata in tanti modi.

Eppure incredibilmente su questa domanda, che è l’unica base stabile e certa del business dei barconi, l’Italia, l’Europa e tutti i soggetti politici interconnessi non hanno fatto nulla.

Cosa si poteva fare?

Intercettare quella domanda in altri luoghi, di partenza o di transito, evitando che si rivolgesse tutta e sempre più ai gestori esperti del mercato libico.

Si poteva farlo in Egitto, in Tunisia, in Israele, in Turchia, in Libano e anche in alcuni luoghi di partenza. Avviare un percorso che riducesse quel flusso non per repressione (fallimentare in tutti i sensi, a partire, per me, da quello umanitario) ma per organizzazione.

Non si è tentato nulla in questa direzione.

Si è anzi sperato, una volta caduto Gheddafi, di poter riattivare in qualche modo il sistema dei centri di detenzione creato tra il 2006 e il 2011 per volontà italiana ed europea. Cioè si è tentato di arginare il flusso trattenendolo in Libia, appena dietro il muro del mare. Ci hanno provato tutti i vari governi tra il 2012 e il 2014. Cos’ha portato quella strategia (erede di quella gloriosa di Berlusconi-Maroni)? Ha offerto alle reti del mercato (e tra queste ce ne sono anche alcune ambiguamente connesse ai poteri europei) delle basi di reclutamento extra legem dei clienti. I centri di detenzione voluti dall’Europa sono diventati centri di concentrazione coatta di molti migranti desiderosi di partire. Sono trattenuti lì, sfruttati economicamente e non solo, e poi fatti partire, a pagamento, quando l’organizzatore del viaggio ha trovato la barca.

Non credo sia necessario ora spiegare perché la distruzione della barca sia evidentemente un’azione ridicola e marginale se non avviene insieme a un ripensamento generale dell’approccio al tema.

Un ripensamento già molto tardivo, ma che forse ora, anche politicamente, può convenire fare. Credo che ora gli italiani, dopo centinaia di migliaia di migranti arrivati e protetti e decine di migliaia di migranti morti (cifre da guerra, senza alcuna retorica), possono avere lo spazio mentale per capire che fin qui abbiamo sbagliato tutto.

Questo è il coraggio necessario oggi: ammettere l’errore storico e attivare un processo nuovo di ripensamento. Soldi, strumenti e uomini per farlo ci sono. Basta spostarli dal sistema repressivo a un altro nuovo sistema.

Perché altrimenti rimangono solo due vie: alzare confusamente il panico contro il gruppo Stato islamico che governa il business dei barconi (ma dopo due giorni si sono accorti che era profondamente controproducente da un punto di vista politico-militare e hanno fatto cinque passi indietro) oppure affidarsi alla demagogia postatomica di Salvini.

Purtroppo però ce n’è sempre una terza, ed è quella in cui la classe politica europea è espertissima: usare la successiva emergenza comunicativa per distrarre l’attenzione e non pensarci.

fonte: www.internazionale.it, 18.02.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.