Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il brodo di coltura delle fake news, di Gianni Canova

Il brodo di coltura delle fake news, di Gianni Canova

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/05/2022 08:36
Cultura e formazione dell’opinione pubblica: la democrazia della conoscenza è la priorità assoluta…

Fare appello alle emozioni della gente e non al suo intelletto; usare formule stereotipate ripetute all’infinito; scatenare attacchi continui agli oppositori, etichettati con epiteti riconoscibili e slogan che suscitino le reazioni viscerali delle masse. Sembrerebbero le regole di ingaggio di uno dei tanti talk show che ogni sera diffondono il virus dell’infodemia in un qualsiasi canale delle nostre tv generaliste. Ma non è così. Queste regole sono contenute e teorizzate nel Mein Kampf di Hitler, e ad esse si ispirava Goebbels nelle sue devastanti strategie di propaganda.

Io non so quanti tra i conduttori che negli ultimi anni hanno inondato l’etere e la rete di programmi che fanno «appello alle emozioni della gente e non al suo intelletto» e «suscitano le reazioni viscerali delle masse» siano consapevoli di essere epigoni delle tecniche di propaganda del Terzo Reich. Che non erano poi molto dissimili da quelle teorizzate e praticate da Lenin. 

Certo è che nel nostro sistema comunicativo, in quello televisivo soprattutto, c’è un problema: forse non ancora una vocazione al totalitarismo ma certo una pratica — poco importa quanto consapevole — che punta al controllo e alla manipolazione dell’opinione pubblica e favorisce la diffusione delle fake news.

Certo: quelle che oggi chiamiamo fake news sono un fenomeno vecchio come il mondo. E da che mondo è mondo sono state armi potentissime nei conflitti bellici. Sono servite a combattere e a vincere guerre più che a manipolare l’opinione pubblica.

La più grande battaglia dell’antichità, quella che ha generato poemi, miti e leggende, la guerra di Troia, è stava vinta grazie a una fake news. L’ha vinta Ulisse, non l’ha vinta Achille. L’ha vinta con quella raffinatissima fake news, con quell’inganno comunicativo che è stato il cavallo di Troia, spacciando un’arma di distruzione di massa per un dono agli dei.

Cos’è cambiato da allora a oggi? Due cose. La prima: le fake news non sono più rivolte a ingannare il «nemico» ma a influenzare e a orientare l’opinione pubblica. La seconda: si inseriscono in un contesto sempre più marcatamente segnato dalla misinformazione, cioè da quel contesto comunicativo per cui l’utente finale è messo nella condizione di non poter mai verificare l’attendibilità delle fonti e la veridicità delle informazioni che gli vengono trasmesse.

Le fake news attecchiscono perché la misinformazione fornisce loro il brodo di coltura. Perché siamo tutti responsabili nell’aver consentito di proliferare a un sistema informativo che troppo spesso pone ogni informazione sullo stesso piano, che non verifica le fonti, che sforna informazioni che vengono puntualmente smentite per poi essere ribadite e quindi nuovo smentite e poi riaffermate e di nuovo smentite finché il tutto precipita nell’oblio, lasciando il cittadino nel disorientamento, nel disagio, nella diffidenza.

Totalitarismo? Forse non quello teorizzato da George Orwell in 1984, ma qualcosa di simile a quello immaginato da Huxley in Il mondo nuovo, questo forse sì.

Come ha scritto Neil Postman in un saggio lucidamente profetico come Divertirsi da morire. Il discorso pubblico nell’era dello spettacolo (1985), «Orwell temeva coloro che ci avrebbero privato dell’informazione, Huxley temeva coloro che ce ne avrebbero data tanta da ridurci alla passività e all’egoismo. Orwell temeva che la verità ci sarebbe stata nascosta, Huxley temeva che la verità venisse affogata in un mare di irrilevanza». 

La profezia distopica di Huxley mi sembra non sia lontana dall’avverarsi: viviamo nell’età della distrazione e dell’indifferenza, affogati nel banale chiacchiericcio e nella hybris dell’insulto, immersi in una mediasfera dominata dall’indecidibilità. Uno vale uno. Chiunque può dire qualsiasi cosa senza timore di essere smentito, anzi, più le spara grosse, più le dice inattendibili, più è probabile che i talk show gli facciano eco e gli diano spazio. Generando la misinformazione in cui attecchiscono le fake news.

Per troppo tempo abbiamo assistito silenti se non complici alla porta-a-portizzazione della comunicazione. Abbiamo lasciato credere che comunicare sia urlare, insultare, banalizzare. Abbiamo lasciato la comunicazione televisiva in mano ai professionisti da talk show, agli acrobati degli anacoluti, ai prestigiatori dell’insulto, ai campioni della rissa verbale.

Ora è davvero tempo di porsi il problema dell’ecologia della comunicazione. Di battersi per riaffermare alcuni principi basilari. Impegnandosi ad esempio a scrivere in rete solo cose che si ha il coraggio di dire anche di persona. Valorizzando il valore dell’ascolto e del silenzio. Ricordando che gli insulti non sono argomenti, anche se sono insulti che sostengono le nostre tesi.

Ma si tratta soprattutto di rilanciare la lotta per la democrazia della conoscenza. Per la parità di accesso alle informazioni. Per la formazione di un’opinione pubblica dotata degli strumenti culturali necessari per distinguere una notizia falsa da una proveniente da fonte attendibile e accertata. In un Paese che ha ormai il 30% della popolazione adulta analfabeta o semianalfabeta, la democrazia della conoscenza è la priorità assoluta. In assenza di questa, in assenza di una vera democrazia culturale, anche la democrazia politica rischia di diventare una pia illusione. O, se preferite, una fake new.

https://www.corriere.it/editoriali/22_maggio_20/brodo-coltura-fake-news-736f1c4a-d854-11ec-927f-5d06a100b198.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.