Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il 70% delle terre agricole è in mano a un 1% di grandi aziende, di Andrea Barolini

Il 70% delle terre agricole è in mano a un 1% di grandi aziende, di Andrea Barolini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/01/2021 10:01
Un rapporto dell’International Land Coalition spiega che l’1% delle aziende controlla il 70% delle terre coltivate in tutto il mondo…

L’1% delle aziende controlla il 70% delle terre agricole del mondo intero. Con pesanti conseguenze in termini di diseguaglianze, di rischi ambientali e climatici e per i diritti dei piccoli contadini. A spiegarlo è un rapporto elaborato dall’International Land Coalition (ILC), alleanza mondiale che comprende membri della società civile, organizzazioni di agricoltori, agenzie delle Nazioni Unite, Ong e istituti di ricerca.

l 50% più povero della popolazione rurale controlla solo il 3% delle terre

Lo studio, realizzato in collaborazione con l’organizzazione non governativa Oxfam, fornisce una serie di dati allarmanti. Ad esempio, l’80% delle terre agricole è di proprietà di piccoli coltivatori. Si tratta però di parcelle molto ristrette, in media di meno di due ettari. I cui raccolti, generalmente, sono esclusi dalle grandi catene alimentari mondiali. Queste ultime restano così controllate da un pugno di grandi aziende.

Tutto ciò si riflette anche sulla società rurale: il 10% più ricco di coloro che abita in campagna si accaparra il 60% del valore delle terre agricole. Si tratta spesso di individui che nella vita non si dedicano unicamente alla coltivazione. Mentre il 50% più povero deve accontentarsi solo del 3%. Benché, in questo caso, si tratti di persone i cui redditi dipendono direttamente dai raccolti.

Le diseguaglianze agricole misurate sulla base del Coefficiente di Gini

Il rapporto dell’ILC – intitolato “Land inequality at the heart of unequal societies” – spiega quindi che, in termini geografici, il fenomeno riguarda l’intero Pianeta. Ma è in particolare l’America Latina a presentare le diseguaglianze più marcate. Queste ultime sono state misurate attraverso il Coefficiente di Gini applicato alle terre agricole. Un indicatore che va da 0 (caso di perfettamente equa distribuzione delle terre) a 1 (caso limite nel quale un solo individuo ne possiede la totalità). Ebbene, nel continente sudamericano il valore è pari a 0,75. Ben al di sopra di quello dell’America settentrionale (0,65) e dell’Africa (0,55).

«Abbiamo adottato un nuovo modo di misurare le diseguaglianze agricole, utilizzando un metodo che va al di là dei censimenti», ha spiegato Ward Anseeuwtra gli autori del rapporto. Quest’ultimo traccia un quadro che, in questo senso, appare come un’onda lunga dell’epoca coloniale. Numerose nazioni un tempo controllate da Paesi del Nord del mondo, infatti, presentano diseguaglianze particolarmente marcate. È il caso non solo di alcuni Stati dell’America Latina, ma anche, ad esempio, del Sudafrica.

Il peso della finanza sulla concentrazione delle terre in poche mani

D’altra parte, era proprio sulla ripartizione diseguale delle terre che si basava l’accumulo della ricchezza da parte di pochi all’epoca coloniale. Un rapporto del 2016 di Oxfam, non a caso, spiegava che in 15 nazioni sudamericane in media le proprietà terriere sono di oltre 2mila ettari. Qualcosa come 4mila campi di calcio. Con un picco in Argentina, dove la media supera i 22mila ettari.

Ma tali concentrazioni non dipendono unicamente da ragioni storiche. A pesare è anche il mondo della finanza. Il rapporto dell’ILC spiega infatti che, da tempo, numerosi investitori hanno puntato sulle terre come asset finanziari. Soprattutto negli ultimi 20 anni, e soprattutto in Africa e Asia. Soltanto nel 2018, sono state effettuate circa mille grandi compravendite di terre agricole. Per un totale di 26,7 milioni di ettari, secondo quanto riportato dal quotidiano economico francese Les Echos. Il 42% dei quali ha riguardato parcelle presenti in nazioni africane.

Ma non è tutto. La concentrazione delle terre in poche mani comporta anche uno squilibrio in termini di modalità di sfruttamento delle stesse. La presenza di poche grandi agroindustrie e istituti finanziari fa infatti sì che la logica sia quella di massimizzare il ritorno sugli investimenti. Basandosi su economie di scala e sul controllo di tutte catene di valore, a partire da quelle dei semi.

«Rischi per la stabilità e la sostenibilità delle nostre società»

Tutto ciò «mina la stabilità e lo sviluppo di società sostenibili», ha aggiunto Anseeuw. Secondo il quale «i nostri risultati modificano radicalmente la comprensione della portata e delle conseguenze profonde delle diseguaglianze agricole nel mondo. Provando che il problema è più grave di quanto immaginiamo».

Una situazione che rischia di mettere in pericolo gli obiettivi legati all’agricoltura sostenibile. E, con essi, anche il calo delle emissioni di gas ad effetto serra atteso dal settore. Ma che pone problemi anche in materia di diritti dei popoli autoctoni e dei piccoli contadini, rischi legati alla deforestazione, alla gestione dell’acqua e alla perdita di biodiversità.

https://valori.it/70-terre-agricole-1-aziende/

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.