Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I tormenti (e le distrazioni) di Saviano, di Federico Varese

I tormenti (e le distrazioni) di Saviano, di Federico Varese

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 17:29
Solo un paese che non ha intenzione di combattere seriamente la mafia si inventa questi miti. Un ceto politico delegittimato, autoreferenziale e non disposto a farsi da parte investiva Saviano di un ruolo salvifico, buono per una o due elezioni. Una volta finito lo spettacolo, non è mai iniziato il duro e ingrato lavoro sul campo...

«Scrivere Gomorra mi ha rovinato la vita. A volte mi domando se finirò in un ospedale psichiatrico. Sul serio. Già adesso ho bisogno di psicofarmaci per tirare avanti». Roberto Saviano affida ad un intervista per El País il suo travaglio, e aggiunge: «Non valeva la pena giocarmi tutto per la ricerca della verità». I detrattori noteranno che questa confessione coincide con l’uscita in spagnolo di Zero Zero Zero, mentre gli ammiratori rinnoveranno la loro facile solidarietà virtuale, con migliaia di messaggi su Facebook e Twitter.

 

E ancora una volta questo paese avrà perso un’occasione per riflettere seriamente su come il sistema mediatico-politico costruisce e distrugge i suoi idoli.

 

Chi scrive va annoverato tra gli ammiratori di Saviano. Nel 2006, Saviano pubblicò un libro imperfetto ma illuminante, che parlava ad un pubblico che io e i miei colleghi non avremmo mai raggiunto. L’autore non svelava episodi ignoti, ma con le armi della letteratura raccontava la storia di un giovane che cresce in un mondo con i valori rovesciati, dove il lavoro, il merito, la giustizia e l’amore lasciano il passo al sopruso, alla violenza, ai rapporti mercenari e alla morte. Pur avendo un’esperienza limitata del mondo, Saviano era l’erede di una grande cultura minoritaria in Italia, che annoverava i classici del Gulag sovietico (Evgeniya Ginzburg, Shalamov e Herling), il romanzo civile di Albert Camus e George Orwell, e la tradizione del non-fiction novel inaugurata da Truman Capote. La sua formazione (come la mia) doveva molto all’insegnamento di Goffredo Fofi e alla frequentazione dei giovani riuniti intorno alle riviste Linea d’OmbraLo Straniero. Finalmente era comparso sulla scena letteraria uno scrittore libero.

 

Poi è successo qualcosa. Le minacce di morte da parte della Camorra e il successo mondiale del libro hanno spinto una fetta consistente del sistema politico-mediatico italiano a fare di Saviano un’icona. Solo un paese che non ha intenzione di combattere seriamente la mafia si inventa questi miti. Ricordo ancora quando pareva che lo scrittore dovesse diventare il leader del partito democratico e ogni politico di sinistra si faceva fotografare con lui. Chi, come me, ha osservato questa trasformazione da lontano non poteva non notare la superficialità delle classi dirigenti italiane. Un ceto politico delegittimato, autoreferenziale e non disposto a farsi da parte investiva Saviano di un ruolo salvifico, buono per una o due elezioni. In quegli anni si è allestito un circo mediatico dove la rappresentazione del Male era troppo superficiale per produrre una trasformazione duratura. Una volta finito lo spettacolo, non è mai iniziato il duro e ingrato lavoro sul campo. Del resto, quel protagonista non poteva avere tutte le risposte e tutti gli strumenti. L’autore di Gomorra è diventato così una celebrity, vittima di quel vizio tutto italiano di non fare mai il proprio mestiere fino in fondo. Oggi non sappiamo più se Roberto sia uno scrittore, un presentatore televisivo, un politico in pectore, un giornalista oppure la vittima della mafia.

 

«Perché scrivo?» si chiedeva George Orwell nel 1947. Scrivo per scoprire la verità e per diventare famoso, fu la sua risposta. Chi mette nero su bianco i propri pensieri pensa di aver commesso un atto eroico, che cambierà il mondo. Con gli anni ci si accorge che quella fama tanto agognata non arriva oppure dura solo lo spazio di una stagione letteraria. In più, la palingenesi universale tarda a materializzarsi. L’unica salvezza è sapere di aver fatto bene il proprio mestiere. Senza dubbio, quando si racconta il mondo nella sua complessità, bisogna proteggersi, come ci ricorda oggi Saviano dalle colonne de El País. Ma le forze da cui si deve guardare lo scrittore napoletano sono anche le distrazioni e la superficialità dello star system di casa nostra. Questo, a mio parere, può rovinare una vita.

fonte: http://www.lastampa.it/2014/02/18/cultura/opinioni/editoriali/i-tormenti-e-le-distrazioni-di-saviano-no1hr6ZFUsPI9pFRMewgMI/pagina.html, 18.02.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.