Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I sindaci del post Covid e del Pnrr, di Rocco D’Ambrosio

I sindaci del post Covid e del Pnrr, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 06/06/2022 08:36
Affidare in buone mani le nostre città vuol dire far propria la lezione di La Pira: “La città è lo strumento in certo modo appropriato per superare tutte le possibili crisi cui la storia umana e la civiltà umana vanno sottoposte nel corso dei secoli”…

La ripresa del nostro Paese ha un suo fulcro importante nelle autonomie locali, specie nei 7904 comuni italiani. Il 12 giugno prossimo si vota in 978 di essi (12,4%), di cui 26 capoluoghi di provincia, 4 capoluoghi di regione. Una cattiva abitudine italiana tende a dare il valore nazionale alle elezioni locali, spesso dimenticando la loro specificità territoriale e le relative storie di candidati, partiti, liste civiche e coalizioni. A questo ricco patrimonio si aggiungono, in questa tornata, due notevoli caratteristiche storiche rilevanti: i sindaci e le amministrazioni, che saranno elette, gestiranno la fase del post-Covid e l’impiego dei fondi del Pnrr, per quanto compete ai comuni. Due limitate riflessioni in merito, che coinvolgono non solo i comuni al voto ma la loro totalità.

Il post Covid sembra essere il tempo non solo del recupero della salute fisica, ma anche di quella relazionale. È il tempo per ricostruire o rinvigorire le relazioni. Prima di tutto riducendo al minimo, quasi a zero (dove possibile) i rapporti telefonici e digitali; incontrandoci e dedicandoci del tempo nel raccontarci come abbiamo vissuto il tutto (lo abbiamo già fatto on line, ma di persona ha ben altro valore), tessendo significati comuni con un dialogo paziente e una sete di conoscenza. Il sapere è sempre un prodotto collettivo, frutto non di uno ma di molti che lavorano insieme. Tanto possono fare in materia tutti i luoghi di aggregazioni (associazioni, comunità di fede religiosa, gruppi di amici). I significati, inoltre, non si inventano; vanno attinti al nostro patrimonio umano comune: moltissimo fanno le letture, il contatto con la natura, per chi può i viaggi dove, non solo si visitano posti, ma si incontrano persone che ci possono arricchire… anche a pochi metri da casa! 

Le città sono il luogo primo ed essenziale per questo lavoro di ritessitura delle relazioni e gli amministratori locali ne devono essere i principali artefici. Diversi di loro hanno dato un ottimo esempio di vicinanza alle difficoltà della cittadinanza, spendendosi, senza riserve, specie nei momenti più difficili della pandemia. Altri – sindaci, presidenti e assessori – sono stati primatisti tra gli “scomparsi sociali”, fatti salvi i media dove, in genere, non mancavano di pontificare su tutto. La pandemia ci ha insegnato – meglio e più chiaramente – che deve governare solo chi ha mente solida e cuore maturo, ovvero competenza e dedizione nel realizzare concretamente e onestamente il bene della comunità civile.

La competenza è elemento essenziale anche per il grande capitolo Pnrr. Tra scarsezza di risorse umane (per blocco assunzioni e altre ragioni), miopia o corruzione di diversi amministratori locali, molti comuni arrivano impreparati alla sfida del Pnrr. I tempi stringono, i bandi incalzano: se gli elettori pensano di scegliere il primo candidato che capita sotto gli occhi, o che piace di più o, ancor peggio, che ha corrotto per estorcere voti, determinano gravi danni alle comunità locali e all’intero Paese. Il Pnrr esige un “saper fare” in termini di procedure (obiettivi, finalità, indicatori), tempistiche (l’agenda precisa europea) e responsabilità e poteri (nelle complesse relazioni tra governo centrale e autonomie locali). Il Pnrr è uno strumento tecnico, molto sintetico, dove non è scritto tutto, anzi è scritto molto poco, perché si tratta di linee politiche generali che indirizzano il Paese nello spendere le risorse messe a disposizione dall’Europa. Non solo ci vuole competenza (e tanta; quella digitale è solo una base necessaria), ma anche conoscenza del territorio e delle sue risorse, capacità di progettare il futuro, con i piedi per terra e una buona dose di fantasia. Anche qui sindaco e giunta non possono essere i primi che capitano sottomano agli elettori. Come anche, nei comuni dove non si vota, le organizzazioni civiche devono vigilare, spronare e collaborare ancor più perché il Pnrr dia frutti benefici e legali.

Affidare in buone mani le nostre città vuol dire far propria la lezione di La Pira (nel suo discorso al Convegno dei Sindaci delle capitali di tutto il mondo, Firenze, 2 ottobre 1955): “La città è lo strumento in certo modo appropriato per superare tutte le possibili crisi cui la storia umana e la civiltà umana vanno sottoposte nel corso dei secoli”.

 

https://formiche.net/2022/06/comuni-pnrr-covid/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.