Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I modelli autoritari di Mosca e Pechino, di Danilo Taino

I modelli autoritari di Mosca e Pechino, di Danilo Taino

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/04/2022 10:11
Gli errori e i punti deboli dei regimi «forti» che governano in Russia e in Cina…

L’Arco degli Autocrati — così il primo ministro australiano Scott Morrison ha definito la partnership tra Vladimir Putin e Xi Jinping — sta creando disgrazie. I due presidenti definiscono il loro rapporto una «amicizia senza limiti» e in effetti sembra che i disastri che producono non abbiano confini. È una caratteristica che li lega. Questi supposti uomini forti, però, sono uniti anche dal compiere errori stupefacenti: lo vediamo in questi giorni, in Ucraina, in Russia, a Shanghai. Il mix tra la pericolosità dei regimi autoritari e gli abbagli prodotti dalla superbia dei loro leader li sta pagando il mondo, ma sono anche il segno di una fragilità non da poco.

Da più di due anni, il pianeta è sotto la pressione del Covid-19 e ora a essa si è aggiunta l’angoscia per l’aggressione all’Ucraina. Non sappiamo se l’origine della pandemia sia stata una fuga dal laboratorio di Wuhan, Cina, o il passaggio da un animale all’uomo in un mercato della stessa città. Probabilmente, non lo sapremo mai se le autorità di Pechino non decideranno di fornire dati e testimonianze per un’indagine indipendente. Sappiamo però che per settimane i dirigenti politici cinesi, locali e nazionali, hanno cercato di tenere nascosto lo scoppio dell’epidemia. Sappiamo anche che nel frattempo non hanno preso le misure necessarie per contenerla, anzi l’hanno lasciata correre; che hanno represso i medici che denunciavano la situazione.

Errori, durante la pandemia, li hanno fatti tutti i governi. Ma sono la centralizzazione politica di tutte le decisioni rilevanti nelle mani del Partito comunista della Cina e la supponenza dei suoi leader, che ritenevano di potere nascondere l’accaduto, ad avere favorito l’esportazione del virus nel mondo. Sarebbe stato diverso se i primi contagi fossero avvenuti in un Paese nel quale la trasparenza è normalità; nel quale i medici vengono ascoltati e non costretti al silenzio come capitò nei primi giorni del 2020 al dottor Li Wenliang; nel quale la salute della popolazione viene prima della reputazione del regime. Quelle settimane perse a causa della censura di Stato hanno invece reso impossibile controllare la diffusione del coronavirus. O meglio: l’hanno resa controllabile solo con i lockdown feroci imposti poi da Xi quando ormai il Sars-CoV-2 aveva superato i confini della Cina ed era arrivato in Italia e in Europa. Fin qui, la pericolosità di uno Stato autoritario.

L’errore del presidente Xi e dei vertici di Pechino lo si vede invece in queste ore. Dall’inizio dell’epidemia, la politica imposta dalle autorità e portata avanti senza alcun cedimento è stata lo Zero-Covid, il tentativo di contenere anche il più minuscolo focolaio d’infezione con lockdown e misure drastiche. In linea con l’idea di Stato di polizia. Ora, però, la variante Omicron si sta diffondendo velocemente. Ventisei milioni di cinesi sono in lockdown a Shanghai: dal 1° marzo ci sono stati 130 mila casi in città. Secondo le autorità, non ci sono morti, ciò nonostante, le restrizioni sono draconiane, a differenza che in Europa e negli Stati Uniti, dove la pandemia è ora affrontata in altro modo. 

Ci sono proteste pubbliche e il premier Li Keqiang è preoccupato per gli effetti che le restrizioni provocano nell’economia e mettono a rischio l’obiettivo di crescita del Pil quest’anno, il 5,5% (già il più basso da decenni). Ora, la situazione a Shanghai sembra un po’ migliorare ma la società di analisi Gavekal Research stima che delle prime cento città cinesi per Pil, solo 13 non abbiano al momento imposto quarantene di qualche genere. Ciò nonostante, Xi non arretra dalla politica di Zero-Covid: è un suo fiore all’occhiello e non può permettersi di fare marcia indietro.

Sulla ferocia dell’aggressione di Putin all’Ucraina e sui suoi effetti tragici c’è poco da dire, parla da sola. Fatto sta che anche l’uomo solo al comando nel Cremlino ha infilato una serie di errori straordinari: dall’incomprensione dell’Ucraina allo stato dell’Armata russa fino alla reazione di Occidente e alleati. Addirittura, ha dato una spinta formidabile al sempre più probabile ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato: il contrario del suo obiettivo di indebolire l’Alleanza atlantica. Ora, cerca di cambiare gli obiettivi per presentare conquiste parziali come una vittoria. Ma, fondamentalmente, non può liberarsi degli sbagli di giudizio che ha compiuto e non può rinnegare sé stesso, deve insistere nella politica di aggressione: se tornasse indietro, sarebbe la fine del suo dominio sul potere in Russia.

Non è solo la geopolitica a sostenere la partnership tra Putin e Xi. Quella conta, entrambi vogliono indebolire l’Occidente e creare un ordine mondiale disegnato sui modelli autoritariI due sono anche uniti, intimamente, da una delle caratteristiche di questi modelli: a differenza che nelle democrazie, quando un autocrate fa un errore è quasi impossibile correggerlo fino a quando resta aggrappato al potere, spesso a lungo, e va a sbattere. 

Per quanto i despoti si reputino forti, è per questo che le democrazie, le quali si autocorreggono, alla fine sono più forti.

https://www.corriere.it/editoriali/22_aprile_13/i-modelli-autoritari-mosca-pechino-6d6af364-bb53-11ec-818b-cbb6b2b517fa.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.