Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I ladri del Libano, di Ugo Tramballi

I ladri del Libano, di Ugo Tramballi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/10/2021 10:11
I partiti e i banchieri hanno rubato i soldi dei libanesi. Hezbollah e i suoi alleati hanno invece rubato il Libano: ne sono diventati i padroni; pur occupando pochi posti nel potere formale, ne determinano il sistema giudiziario ed economico, quel poco di stato sociale, la difesa nazionale, le alleanze, gli equilibri settari…

Giovedì mattina abbiamo avuto solo l'ultima sanguinosa dimostrazione di questo potere. Due giorni prima Tarek Bitar, il giudice che sta guidando l'inchiesta sull'esplosione di un anno fa al porto di Beirut, aveva emesso un mandato di cattura contro un ex ministro: Ali Hassan Khalil, alle Finanze nel periodo antecedente all'incidente, stretto alleato del movimento sciita fondamentalista Hezbollah.

Come era già accaduto col magistrato precedente – riuscendoci – Hezbollah e alleati avevano preteso anche le dimissioni di Bitar. Sayed Hassan Nasrallah, massima autorità religiosa e politica del movimento, aveva convocato una manifestazione, assieme ad Amal, l'altro partito sciita. Forse il più corrotto dei partiti libanesi, più che un alleato di Hezbollah, Amal ne è un vassallo.

Secondo la loro versione degli avvenimenti, la manifestazione pacifica in marcia verso il ministero della Giustizia è finita in un'imboscata organizzata dai cecchini delle Forze Libanesi, il partito estremista cristiano maronita di Samir Geagea. Decine d'immagini fatte dai cellulari dei testimoni, dimostrano invece che i manifestanti erano entrati armati nel quartiere cristiano di Ein el-Rommaneh, cercando lo scontro con le Forze Libanesi. Con la dovuta cautela l'Armée ha in qualche modo confermato questa versione. L'esercito è forse l'unica istituzione interconfessionale rimasta in Libano ma deve agire con attenzione: ufficiali e truppa vengono da ognuna delle 17 sette religiose del paese.

Nel 1975, quando scoppiò la guerra civile, le forze armate implosero contribuendo ad alimentare il conflitto. Fantasmi del passato che giovedì hanno ricominciato a prendere corpo. Nell'aprile del '75 fu a Ein el-Rommaneh, quartiere nel Sud-Est di Beirut che incominciò tutto: in una chiesa si celebrava un matrimonio cristiano, da lì passò un pullman carico di palestinesi che prese ad insultare i maroniti. Questi spararono e la guerra civile finì 15 anni più tardi con la partecipazione di molti altri protagonisti locali e internazionali. Per Ein el-Rommaneh passava la linea verde che divideva i contendenti: quella demarcazione oggi è attraversata dal traffico e dai pedoni ma esiste ancora nella mente dei libanesi.

L'ex ministro Khalil è accusato dal giudice Bitar di essere al vertice di una catena di comando che avrebbe dovuto prendersi cura di un pericoloso carico da 2.750 tonnellate di nitrato d'ammonio. La negligenza al porto fu la causa dell'esplosione che uccise più di 200 persone. Ora Hezbollah vuole fermare il processo. Il suo messaggio di giovedì al Libano era e rimane: potete avere pace ma non giustizia; o giustizia ma con il caos.

Diversamente dalla guerra del 1975, nessuna milizia settaria e nemmeno l'Armée possono confrontarsi con Hezbollah che in realtà è un esercito. Combatte con gli iraniani in Siria, accanto al regime di Bashar Assad; ha tenuto testa alle forze armate israeliane. Forse nessun paese arabo della regione ha un arsenale missilistico vasto e tecnologicamente avanzato quanto Hezbollah.

Il movimento sciita è saldamente uno stato nello stato. Prima che libanese, la sua agenda è regionale. Il Libano è semplicemente la struttura geografica dentro la quale Hezbollah opera. Secondo gli accordi di spartizione settaria, potrebbe rivendicare il presidente del Parlamento; in base alla sua forza reale (nel corso degli anni gli sciiti sono anche diventati maggioranza relativa) potrebbe pretendere ministeri fondamentali. Ma non ha bisogno di occupare cariche di un paese che già controlla senza assumersene la responsabilità.

Negli affari libanesi Hezbollah interviene solo quando lo ritiene necessario: come sempre, senza pagarne l'eventuale prezzo. Sono stati sicari e partner dei siriani nell'omicidio dell'ex premier sunnita Rafik Hariri. Hanno partecipato all'eliminazione di decine di giornalisti, intellettuali, sindacalisti e politici avversari. Quando si è tentato di smantellare il loro sistema illegale di telecomunicazioni, parallelo a quello dello stato, hanno attentato alla vita del competente ministro druso e minacciato di scatenare un conflitto. Un breve conflitto che invece hanno provocato prendendo possesso del centro di Beirut per sequestrare le armi delle milizie sunnite. Alle elezioni del 2005 l'alleanza attorno al partito sunnita di Sa'ad Hariri aveva conquistato la maggiora ed Hezbollah occupò per mesi il centro della città per impedire che nascesse un governo.

Tutti sanno che l'aeroporto, il porto e le frontiere con la Siria sono nelle mani di Hezbollah. A dispetto della presenza di un cospicuo contingente dell'Unifil (comandato dal generale Stefano Del Col), la milizia islamica ha il pieno controllo del Sud del paese, al confine con Israele. Ed è altamente probabile che il messaggio armato di giovedì abbia raggiunto i destinatari: che nell'inchiesta sull'esplosione al porto si dovrà cercare un nuovo giudice o un compromesso; che oltre 200 morti libanesi non avranno mai giustizia e i vivi nessuna riforma politica ed economica.

Nel 1983 Nuri, il mio vecchio autista di fiducia a Beirut, mai impaurito dalle cannonate perché era sordo, continuava a ripetermi: “Monsieur Abu Dawood (il mio nom de guerre quaggiù), le Liban est fini”. Ma nonostante Hezbollah, è ancora lì.

https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/i-ladri-del-libano-32004

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.