Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I frutti amari di una politica disumana, di Antonio Sciortino

I frutti amari di una politica disumana, di Antonio Sciortino

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 12:03
Di fronte a tanto orrore, qualche lacrima è tardiva, se non ipocrita, soprattutto da parte di quei politici che, passata la commozione e la facile indignazione, sprofonderanno come sempre nell’indifferenza e nell’ignavia dei palazzi romani...

“Vergogna”, ha gridato papa Francesco di fronte alla notizia della più grande tragedia nel Mediterraneo, a poco distanza dalle coste di Lampedusa, dove hanno perso la vita centinaia di immigrati, tra cui donne e bambini, fuggendo dalla fame, dalla miseria e dalle guerre dei loro Paesi. “E’ una vergogna”, ha ribadito il Papa. “Preghiamo Dio per chi ha perso la vita, uomini donne e bambini, per i familiari e per tutti i profughi”, invitando tutti a “unire i nostri sforzi perché non si ripetano simili tragedie”.

Grido amaro e sconsolato, quello di papa Francesco, che si aggiunge alla richiesta di perdono ai “fratelli migranti” che fece nel suo viaggio a Lampedusa, estrema “periferia dell’Italia” e “porta dell’Europa”. In quella occasione condannò la “globalizzazione dell’indifferenza” del mondo occidentale, che ci ha fatto perdere  il senso dell’umanità che si deve a vittime innocenti. Un “mea culpa” che fu una sferzata per risvegliare le coscienze assopite di fronte al dramma di migliaia di morti annegati nel Mediterraneo. Ma anche una indiretta condanna morale a politiche xenofobe che hanno mortificato un popolo accogliente e solidale come il nostro.

In questi anni, provvedimenti e “pacchetti sicurezza” contro gli immigrati hanno costretto i nostri marinai a violare le “leggi del mare” (si soccorre e si salva sempre e comunque chi sta per annegare, chiunque esso sia), e a  girare al largo dalle “carrette del mare” stracolme di disperati, bruciati dal sole e dalla salsedine. Tutto ciò per non violare le assurde leggi  su respingimenti ed essere accusati di favoreggiamento del reato di clandestinità, con sequestro dei pescherecci, così come è stato ben rappresentato  nel film “Terraferma” di Emanuele Crialese.

Di fronte a tanto orrore, qualche lacrima è tardiva, se non ipocrita, soprattutto da parte di quei politici che, passata la commozione e la facile indignazione, sprofonderanno come sempre nell’indifferenza e nell’ignavia dei palazzi romani. Così, come qualche altro politico aveva “bacchettato” papa Francesco per il suo viaggio a Lampedusa, dicendo che un conto è la preghiera, altro discorso è la gestione da parte dello Stato di un fenomeno così difficile e complesso come l’immigrazione. Appunto, e questi sono i frutti amari di una politica di scarsa umanità e responsabilità. Per non dire di chi, neppure di fronte a tanta tragedia, non trova di meglio che insultare il ministro Kyenge di “ipocrisia assoluta” e di ignorare le leggi. Già, ma quali leggi?

fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/il-pianto-tardivo-dei-politici.aspx, 03.10.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.