Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I cattolici, la destra e il Vangelo. I dubbi di Rocco D’Ambrosio

I cattolici, la destra e il Vangelo. I dubbi di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/01/2020 09:20
Come può un vescovo, un prete, un cattolico aderire a dottrine e prassi politiche che sono palese negazione di quanto ci insegna il Vangelo? La riflessione di Rocco D'Ambrosio, professore ordinario di Filosofia Politica all'Università Gregoriana…

È una tentazione classica, dei politici, usare la religione per finalità elettorali e politiche; non da meno alcuni leader religiosi hanno cercato di piegare la politica al proprio credo per proselitismo o difesa di interessi e privilegi delle comunità. Lo si fa a destra, come a sinistra, con tempi, stile e contenuti diversi. A farsi notare, negli ultimi tempi, è la destra italiana, in compagnia di quella statunitense, polacca, ungherese, francese, tedesca. Alcuni di loro si riuniranno a Roma il 4 febbraio. 

Hanno diversi tratti in comune. Sono cattolici e sono di destra: un secolo fa si chiamavano “clerico-fascisti”, ora teocon, cioè “conservatori di Dio”, oppure integralisti o fondamentalisti cristiani. I nomi degli intellettuali loro sostenitori sono diversi e poco noti al grande pubblico, le facce politiche, invece, sono sui media, un giorno si e l’altro pure. Non tanto sono interessati a comprendere il Vangelo, a fare esperienza di vita cristiana, personale o comunitaria.

Per loro i simboli (come rosari, crocifissi, presepi) non esprimono una fede matura, ma sono solo strumento di consenso elettorale; la stessa fede non è verificata nella comunità ma nello spazio individuale: per cui sembrerebbe che sia la Madonna a dare indicazioni di voto o il Padre Eterno a farsi vivo per assicurare che è on their side, dalla loro parte. 

Più che cristiani, sul piano politico e sociale, sono degli eretici gnostici, in versione moderna, cioè fortemente mediatica e populista. Alcuni tratti antropologici ed etici sembrano superare i confini nazionali e li ritroviamo in tutti questi eretici gnostici: amano se stessi fino alla pazzia, preferiscono improvvisare senza mai citare, essere assertivi e sicuri, promettere e far sognare (sul nulla), rassicurare senza spiegare, manipolare idee e sentimenti a seconda del caso. 

Non sopportano organizzazioni civili e di cittadinanza attiva (fatti salvi i loro fan), migranti, stranieri e poveri, movimenti per la tutela dell’ambiente e il dialogo religioso, regole democratiche, parlamenti, organismi di controllo, magistrati, convenzioni e organismi europei e internazionali, spesso seminano odio.

Detestano, con tutto se stessi, papa Francesco, anche se il papa si guarda bene dal farsi irretire in una contrapposizione ecclesiale e politica. Comunque lo detestano: non solo perché il papa si schiera al fianco di migranti e poveri, non solo perché critica “questa economia che uccide”, non solo perché vuole continuare la riforma del Vaticano II, ma soprattutto perché individua chiaramente la deriva gnostica e ideologia (coppia frequente nel magistero papale) di molta politica cosiddetta cristiana e le relative prassi di potere malsano.

Non sono i soli: molti pastori e fedeli laici sono in sintonia piena con il verbo teocon, o clerico-fascista, come dir si voglia. E qui la domanda diventa ancor più radicale: come è possibile? Come può un vescovo, un prete, un cattolico aderire a dottrine e prassi politiche che sono palese negazione di quanto ci insegna il Vangelo?

Una lettera di Sturzo, del 1946, ci offre diversi spunti per rispondere e ci riporta, amaramente, alla grande responsabilità educativa nel formare cattolici adulti, coerenti e maturi: 

“sarebbe un errore alimentare il mito dell’uomo benefico, dell’uomo superiore, dell’uomo cui si aprono tutte le porte. Le esperienze del passato debbono aver fatto capire agli italiani che tali uomini o non esistono o sono semplicemente dannosi, perché ogni potere eccessivo è dannoso. […]. Ma nessuno creda che le sorti del nostro Paese potranno cambiare da un giorno all’altro; e che ci siano uomini che abbiano facoltà tali da farci superare le attuali crisi a breve scadenza e con prospettive vantaggiose. Non l’uomo, ma gli uomini occorrono all’Italia (come occorrono agli altri Paesi). Questi uomini siamo tutti noi, ciascuno nel suo piccolo; ciascuno con la sua volontà di lavorare per il bene degli altri; ciascuno rispondendo all’appello della propria coscienza e cooperando con gli altri con attività e sacrificio. (…). Per esperienza più che semi-centenaria di vita attiva, specialmente in politica, e con ventidue anni di esilio, sono convinto che gli stati d’animo e di sfiducia e di depressione sono l’anticamera delle sconfitte: e che l’iniziativa fiduciosa è sempre la vincente”.

 

https://formiche.net/2020/01/destra-4-febbraio-vangelo/

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.