Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / I cattolici in politica oggi, di Pasquale Pellegrini

I cattolici in politica oggi, di Pasquale Pellegrini

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 18:24
Onestà, rigore morale sono questi gli aspetti su cui i cattolici vorrebbero si puntasse, ancor prima dei temi etici, e, per riacquistare una certa fiducia nella politica, auspicherebbero la riduzione degli stipendi dei parlamentari...

 

La verità è assai semplice: l’intera classe politica ha smarrito il senso della misura e della dignità, per questo quello che accade è sempre più paradossale. Si scopre ora che è l’effetto perverso del federalismo. Dunque, bisognerebbe essere grati alla Lega e ai leghisti per quanto accade? Il federalismo è stato il loro cavallo di battaglia. Sta di fatto che  Regioni con potere di autonomia di spesa possono taglieggiare tranquillamente  i cittadini senza adeguati controlli. Si scopre adesso che il presidente della giunta regionale  non può entrare nel merito delle spese del Consiglio. Ma da qualche parte quei soldi bisognava farli entrare: hanno tagliato servizi ai cittadini, in primis la sanità,  per far fronte a ostriche e champagne.

Se questa è la situazione, bisogna dire che il federalismo ha fallito ancor prima di aver iniziato a dare qualche frutto. Il decentramento è stato attuato sulla base di  spinte egoistiche che hanno distrutto il Paese, è il risultato di una classe politica e di una stagione di governo in cui è andata in scena l’approssimazione e l’incapacità. Sperperi al nord come al centro e come al sud; sperperi che mettono in discussione il ruolo istituzionale e politico delle regioni, che andrà ridiscusso. Nessuno può chiamarsi fuori, come i fatti dimostrano. In questi anni si è assistito all’esercizio pervicace e strenuo di un’antipolitica diventata sistema, con il beneplacito, se non addirittura la complicità dei politici cattolici.  Complicità per omissione, per aver chiuso gli occhi, per non aver denunciato e aver taciuto, nonostante il richiamo costante ai principi della Dottrina sociale della Chiesa. A tal proposito il  punto 410 del ‘Compendio della Dottrina sociale della Chiesa’ è inequivocabile. “Coloro che hanno responsabilità politiche – dice il ‘Compendio’ – non  devono dimenticare o sottovalutare la dimensione morale della rappresentanza, che consiste nell’impegno di condividere le sorti del popolo e nel cercare la soluzione dei problemi sociali. In questa prospettiva, autorità responsabile significa anche autorità esercitata mediante il ricorso alle virtù che favoriscono la pratica del potere con spirito di servizio (pazienza, modestia, moderazione, carità, sforzo di condivisione); un’autorità esercitata da persone in grado di assumere autenticamente come finalità del proprio operare il bene comune e non il prestigio o l’acquisizione di vantaggi personali”. Una bomba per la coscienza di ogni cattolico. Ma non per i nostri politici.

Al punto successivo il ‘Compendio’ aggiunge: “Tra le deformazioni del sistema democratico, la corruzione politica è una delle più gravi, perché tradisce al tempo stesso i principi della morale e le norme della giustizia sociale; compromette il corretto funzionamento dello Stato, influendo negativamente sul rapporto tra governanti e governati; introduce una crescente sfiducia nei confronti delle istituzioni pubbliche, causando una progressiva disaffezione dei cittadini nei confronti della politica e dei suoi rappresentanti, con il conseguente indebolimento delle istituzioni”. Sembra l’analisi icastica di quanto sta accadendo. L’esito è stato in parte evidenziato dal sondaggio Ipsos realizzato per conto dell’Acli di cui abbiamo parlato due settimane fa:  un buon 14 per cento circa dei cattolici praticanti voterebbe per il Movimento 5 stelle di Grillo e ben  il  43 per cento è incerto sull’esercizio del voto o si asterrebbe. Con buona pace di chi vorrebbe un cambiamento.

Onestà, rigore morale sono questi gli aspetti su cui i cattolici vorrebbero si puntasse, ancor prima dei temi etici,  e, per riacquistare una certa fiducia nella politica, auspicherebbero la riduzione degli stipendi dei parlamentari (92 per cento), un completo rinnovamento della classe dirigente (69 %), il limite di due mandati  elettorali (67%). In buona sostanza i cattolici  chiedono  una democrazia matura. Resta, tuttavia, l’incognita del come. Non vogliono, infatti,  un nuovo partito cattolico e  neppure pensano ad un impegno diretto in politica. E allora come se ne esce? E’ la domanda a cui dovrebbero rispondere le  associazioni cattoliche del mondo del lavoro che si riuniranno per la seconda volta a  Todi il 21 e 22 ottobre prossimo. Quel che è certo è che in  questo momento  i cattolici non contano nulla né nel centrodestra né nel centrosinistra.

 

[giornalista, collaboratore de “Il Nostro Tempo”, settimanale di Torino]

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.